Cerca e trova immobili

SVIZZERASciopero delle donne, si scende in piazza in numerose città

14.06.24 - 09:33
La principale manifestazione nazionale avrà luogo a Berna sulla Piazza federale.
Archivio Ti-Press
Fonte Ats
Sciopero delle donne, si scende in piazza in numerose città
La principale manifestazione nazionale avrà luogo a Berna sulla Piazza federale.

BERNA - In tutta la Svizzera le donne scendono oggi in piazza: in diverse città le associazioni femministe hanno chiamato a manifestare per affermare i propri diritti. Gli eventi in programma per lo sciopero sono numerosi.

«Manifestiamo per la parità di salario, di trattamento e di diritti per tutti, e contro gli attacchi alle donne e alle minoranze di genere sul lavoro, nella vita privata, in politica e persino nella cultura», afferma Syna in una nota odierna. Non viene dimenticata l'uguaglianza nelle rendite pensionistiche, «perché la disuguaglianza salariale si ripercuote sulle pensioni».

Per tutta la giornata sono previste diverse azioni in tutte le regioni linguistiche. La principale manifestazione nazionale avrà luogo a Berna, con un corteo che inizierà alle 18.00 e azioni sulla Piazza federale

Salari - Il sindacato Unia denuncia le persistenti disparità salariali tra i sessi: il 44% delle donne che hanno completato un apprendistato guadagna meno di 5'000 franchi. I salari nelle professioni in cui prevalgono le donne sono sistematicamente troppo bassi. Di conseguenza, le donne vivono con preoccupazioni finanziarie, dipendono da altri e trascorrono l'età pensionabile in povertà perché le loro rendite sono troppo basse. Secondo Unia, le prospettive non migliorano con la riforma del regime della previdenza per la vecchiaia.

Una politica di uguaglianza - Alliance F, la più grande organizzazione femminile svizzera, chiede una politica di uguaglianza più convincente: una migliore protezione contro la violenza nei confronti di donne e ragazze, parità di retribuzione a parità di lavoro e migliori condizioni quadro per conciliare lavoro e vita familiare. Alliance F ricorda che ogni due settimane in Svizzera una donna viene uccisa dal marito, dall'ex marito, dal partner, dal figlio, dal fratello o dal padre.

Passato - L'anno scorso, lo sciopero delle donne ha riunito quasi 300'000 persone nelle strade del Paese, secondo l'Unione sindacale svizzera svizzera (USS). Il 14 giugno è stato scelto perché segna l'anniversario del voto del 1981 che ha sancito il principio di uguaglianza nella Costituzione.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE