Cerca e trova immobili

GINEVRA «Chi dice che la cassa malati unica riduce i costi ha torto»

07.09.23 - 12:11
È quanto sostiene Felix Schneuwly, esperto del ramo presso il sito di confronti Comparis.
deposit
Fonte ats
«Chi dice che la cassa malati unica riduce i costi ha torto»
È quanto sostiene Felix Schneuwly, esperto del ramo presso il sito di confronti Comparis.

GINEVRA  - Sbaglia chi pensa di ridurre la fattura da pagare per l'assicurazione sanitaria introducendo una cassa malati unica: lo sostiene Felix Schneuwly, esperto del ramo presso il sito di confronti Comparis.

«Le persone che pensano che un'unica assicurazione con la stessa gamma di prestazioni rimborsate comporterà dei risparmi hanno torto», afferma lo specialista in un'intervista pubblicata oggi da L'Agefi, all'indomani della diffusione di un sondaggio della testata Watson che vede il 79% degli svizzeri favorevole a una cassa sola.

«Solo il 5% dei premi è costituito da costi amministrativi. Pertanto, anche una riduzione del 50%, ossia del 2,5% dei premi, non rappresenta un risparmio reale. E sarebbe irrealistico aspettarsi di economizzare maggiormente sui costi amministrativi», argomenta Schneuwly. «Tanto più che non c'è alcuna garanzia che un sistema statale sia gestito meglio rispetto a uno privato. I sistemi competitivi tendono a essere più efficienti di quelli monopolistici: questi ultimi non sono sottoposti a pressioni per essere più performanti».

Ma una cassa unica sul modello francese o anglosassone - chiedono i cronisti della testata finanziaria romanda - comporterebbe un abbassamento della qualità delle cure e dei servizi? «Non necessariamente», risponde l'intervistato. «Che si tratti di un sistema monoassicurativo o di uno competitivo con diverse compagnie private, la cosa non ha nulla a che vedere con la qualità dei servizi offerti. Non è il sistema assicurativo a determinare il livello di assistenza che abbiamo in Svizzera. In teoria, con un'unica cassa malattia è possibile mantenere lo stesso livello di qualità dei servizi. Ma non certo la stessa gamma di servizi di base, che inevitabilmente dovrebbero essere ridotti per spendere meno».

«L'unico vero risparmio può essere realizzato solo sulla parte del 95% dei premi che è legata al costo delle prestazioni: in altre parole, riducendo l'offerta di prestazioni! E non credo che i sostenitori di un'unica assicurazione sanitaria vogliano anche ridurre la gamma dei servizi», osserva l'esperto. «Questo aprirebbe la porta a una medicina a due livelli: chi può permettersi un'assicurazione complementare e chi no».

A suo avviso prima che il popolo elvetico si esprima nuovamente sul principio di una cassa malati unica federale sarebbe inoltre preferibile testare il sistema a livello cantonale. Come noto la Svizzera ha già votato quattro volte sul tema, sempre in modo negativo: con il 77% di no nel 1994, il 73% nel 2003, 71% nel 2007 e 62% nel 2014.

COMMENTI
 

tschädere 5 mesi fa su tio
adesso a berna sono tutti esperti.io mi chiedo perche sia possibile che una delle piu grandi assicurazioni svizzere,causa fusione non vende piu cm.in ch.ma in spagna eravamo assicurati privati in tutto il mondo per €3400.- per due adulti.il sistema sanitario e uguale allo svizzero ma con meno lusso.e perche qua in patria tutto costa 4-5 volte tanto.

Voilà 5 mesi fa su tio
Nel 2021 Con i premi le cm hanno pagato il 35.8% dei costi, le economie domestiche, oltre a pagare i premi, hanno partecipato ai costi per il 22.3%, lo Stato per il 23%, il resto da altre assicurazioni. bfs.admin - ch Quindi manteniamo un sistema molto poco trasparente per pagare, con i premi, il 35.8% delle prestazioni, ogni economia domestica deve poi ancora sborsare il 22.3% in partecipazioni, franchige e prestazioni non riconosciute, che va aggiunto ai premi mensili. Aggiungiamo i sussidi diretti e indiretti e vediamo che alla fine le cm servono solo a mantenere se stesse.

Meck1970 5 mesi fa su tio
Peggio di così non possiamo andare. Con queste casse malati si è toccato il fondo. È giunto il momento di cambiare. Si sta vedendo che privatizzare tutto comporta solo speculazione."

Voilà 5 mesi fa su tio
Teca, mi sai dire perché, se la LAMAL non rende niente, le casse malati non la mollano. Tutte le aziende private sono ben contente di tagliare i cosiddetti "rami secchi". Non sarà per via dei miliardi di riserve, difficilmente quantificabili, in particolare gli immobili, com'è difficilmente quantificabile il rendimento di queste riserve. Una truffa legalizzata ai danni degli assicurati, chiamati anche a coprire le perdite per mantenere le riserve nei limiti di legge, ma non ad usufruire di eventuali guadagni.

Dan1962 5 mesi fa su tio
Riduce i costi ma sopratutto cancella le lobby assicurative che aumentano i premi e spendono milioni in pubblicità per adescare nuovi contribuenti assicurativi ma devi essere in salute non malato e sopratutto senza anomalie genetiche altrimenti nessuno ti vuole assicurare

Teca 5 mesi fa su tio
Con la cassa malati unica si potrebbe pagare meno in Ticino se il calcolo del premio lo fanno a livello Federale e non Cantonale come ora, ma presumo che certi cantoni che pagano ora la LAMAL 200 fr. e rotti al mese con franchigia 300 non saranno d'accordo....

Voilà 5 mesi fa su tio
Risposta a Teca
Il sondaggio a livello svizzero (Ticino escluso) ha dato il 76% di favorevoli alla cassa malati unica. Non esistono Cantoni dove un adulto paga 200 Fr. al mese.

Teca 5 mesi fa su tio
Risposta a Voilà
Si hai ragione 76% vuole la cassa malati unica, ma come ora che il premio cambia da cantone a cantone o uniforme in tutta la Svizzera, questo non è specificato.... Poi devo dirti che ho sbagliato è con franchigia di 2500 il premio di fr. 200 e rotti e non con franchigia 300, con quest'ultima è di 300 fr. di premio e rotti, e non come qui di 400.--

Teca 5 mesi fa su tio
Risposta a Teca
per la precisione ad Appenzello Interno premio LAMAL con medico di famiglia e franchigia 2500, fr 166.50, più di 200 fr. in meno che in Ticino.... loro saranno d'accordo di aumentarlo per farcelo diminuire a noi??

Voilà 5 mesi fa su tio
Risposta a Teca
Teca - AI è l'unico cantone con premi così bassi e non ha certo un gran peso in caso di una votazione. La franchigia massima non è per tutti, malati cronici, anziani e chi non è sicuro di avere a disposizione 2500 Fr. + partecipazione non può permettersela. Ma poi chi dice che il premio di Appenzello Interno sarebbe piu alto con la CM unica? Togli 13'000 dipendenti, 60 direttori strapagati, un numero imprecisato di quadri con stipendi molto alti, 60 consigli d'amministrazione con un numero imprecisato di membri (Per la maggior parte lobbisti), pubblicità e sponsoring, questi ultimi riconosciuti anche nell'assicurazione di base... Anche l'economicità di scala di una cm unica permetterebbe un buon risparmio.

Jocaalje 5 mesi fa su tio
I costi sono da gestire ovunque, sia in ambito famigliare piuttosto che aziendale o pubblico. Semplicemente i costi devo essere ottimizzati senza ridurre le prestazioni. Il problema è per chi paga i premi; questi vanno portati in base al reddito; guadagni CHF 200’000.— l’anno, pagherai un premio annuo di 15’000.—. La moglie guadagna 0.—, pagherà un premio base forfettario. La moglie guadagna CHF 50’000.—, in questo caso pagherà un premio annuo di CHF 3’750.—. Per figli a carico, anche qui un premio forfettario per tutti fino ai 18 anni, poi fino al termine della formazione un forfettario maggiorato. Poi confederazione e cantoni dovranno partecipare con la differenza tra i premi incassati e i costi. Tutto qua, è semplice, ma i politici non lo vogliono fare

f85 5 mesi fa su tio
severi controlli sugli erogatori delle prestazioni. Incentivare gli assicurati che dimostrano di seguire linee guida di prevenzione Dopo tot visite all anno rivelatesi non necessarie negare il riconoscimento di prestazioni. Il premio in base al reddito è uno specchietto per le allode Non è equo. Infatti per quale motivo una persona con reddito elevato dovrebbe pagare un premio esorbitante se non si rivolge mai al medico mentre vi sono persone con minori disponibilità finanziarie che si rivolgono al curante per ogni banalita ? Molti non hanno un medico di famiglia e quindi intasano i pronto soccorso. Quanto sopra per dire che è anche una questione di mentalità dei fruitori di prestazioni. Poi ovviamente nel discorso LAMal vi sono molti altri essenziali fattori.

Teca 5 mesi fa su tio
Risposta a f85
Perfettamente ragione

Voilà 5 mesi fa su tio
Risposta a f85
f85, anche SUVA, IPG e Tasse sono pagate in funzione al reddito, un finanziamento solidale della sanità dovrebbe essere la normalità. Le casse malati, fin quando possono alzare i premi a volontà, non sono interessate a contenere i costi, preferiscono eliminare prestazioni dalla base per farle pagare nelle complementari.

Voilà 5 mesi fa su tio
Risposta a f85
Chi ha disponibilità finanziarie ha già dei trattamenti di favore, anche negli ospedali pubblici e nelle cliniche private. E dalla mia esperienza nel ramo, ho visto più persone benestanti a farsi curare per banalità che "poveracci", oltretutto questi si preoccupano di dover poi pagare franchigia e partecipazione. Ci sono anche persone che faticano a pagare i premi che non vanno mai dal medico, cosa facciamo? Non li facciamo pagare?

Teca 5 mesi fa su tio
Risposta a Voilà
Bella osservazione, ma non credi che introducendo un'ulteriore tassa per la cassa malati quest'ultima sia legittimata ad aumentare ogni anno? Non so è una domanda che mi pongo, non conosco la risposta, e non sarebbe meglio agire sulle prestazioni, aumentandone alcune e limitandone altre?

Voilà 5 mesi fa su tio
Risposta a Teca
Giusto agire sui due fronti, togliendo prima di tutto le spese inutili per mantenere le cm e le riserve miliardarie. Una cm unica avrebbe una forza contrattuale maggiore sui fornitori di prestazioni, riducendo i costi delle stesse. Magari è possibile ridurre delle prestazioni, anche se abbiamo già il minimo indispensabile e farmaci necessari per malattie croniche non sono rimborsati. D'altra parte paghiamo una cifra di premio e le cm pagano solo il 50% delle prestazioni, il resto è pagato da Cantone e Confederazione sottoforma di sussidi diretti e indiretti per abbassare i premi. Senza questi sussidi il sistema cm "pseudoprivate" crolla.

Nikko 5 mesi fa su tio
Comparis riceve soldi dalle CM. Quindi è inaffidabile perché parla per i suoi interessi, non quelli degli assicurati… bisogna fare il contrario di ciò che Comparis dice…

Nikko 5 mesi fa su tio
Risposta a Nikko
Con la CM unica, Comparis non riceverebbe più nemmeno un centesimo… questa è la morale banale di quest’articolo tendenzioso… Evidentemente il signor Schneuwly sta difendendo la sua propria pagnotta…

francox 5 mesi fa su tio
Diciamo la verità, trema la cadrega a tanta gente.

pegis 5 mesi fa su tio
Se vogliamo abbassare i costi non c'é alternativa, CASSA MALATI STATALE UNICA. Qualcuno (come in questo articolo) si sta già preoccupando perché si risparmierebbero tanti soldi eliminando i direttori delle casse malati con stipendi annui milionari e tanti soldi sprecati da queste casse malati in pubblicità e cretinate varie a scapito dei poveracci e soprattutto dei pensionati che vivono con pensioni da fame..

Teca 5 mesi fa su tio
Risposta a pegis
Per la cronaca, vi invito a leggervi il comunicato stampa dell'ufficio Federale di statistica del 2023, dove si evince che il problema sono le visite e le analisi, perché spesso e volentieri il paziente necessita unicamente del certificato medico per il datore di lavoro, e dato che è li, si fa fare anche tutte le analisi..... [url rimossa]

Voilà 5 mesi fa su tio
Risposta a Teca
Teca, La SUVA, che ha anche compiti di prevenzione e controllo, e che, oltre alle spese d'infortunio, paga le spese di perdita di salario e e di invalidità, ha costi amministrativi inferiori alle casse malati. Gran parte dei dipendenti continuerà a lavorare per le casse malati, ramo ass. complementari, altri potranno essere riciclati nella cassa malati unica. Non i 60 direttori e membri dei consigli d'amministrazione, con un risparmio di una sessantina di milioni. Tenendo conto che le CM ai dipendenti fanno sconti fino al 50% sui premi, anche ai direttori, saranno 13'000 persone in più che pagheranno il premio come i comuni mortali. Vero che casse malati e assicurazioni non hanno mai sofferto per delle crisi di alcun genere, tra cm, assicurazione immobile, ecc... pago ogni anno circa 17'000 Fr. di assicurazioni obbligatorie...

Voilà 5 mesi fa su tio
Risposta a Teca
Teca, si sta inserendo la cartella informatizzata, che permetterà di evitare che si ripetano gli stessi esami da più medici. Per quanto riguarda la riduzione delle prestazioni, le cm lo stanno già facendo da tempo (Vedi ad es. articolo di qualche giorno fa sull'ambulanza). Pochi giorni fa santé Suisse ha chiesto che si obbligassero gli assicurati a vincolarsi al medico di famiglia o ad un HMO. Tutto questo per poi assicurare tramite complementare le prestazioni che riescono ad eliminare dalla LAMAL.

Teca 5 mesi fa su tio
Risposta a Voilà
Potresti aver ragione, ma non sono un esperto, Concordo che la LAMAL ha delle lacune incredibili, tipo l'autoambulanza, l'estero, i medicinali fuori lista, ecc... ma è decenni che è così. Per quanto riguarda la SUVA, è verissimo che i premi sono minori, ma anche i casi di infortunio sono molto minori, circa il 10% del totale delle invalidità. Poi la Suva non copre tutti, solo i dipendenti del settore edile, tutti gli altri casi di infortunio sono trattati dalle assicurazioni private (non faccio nomi per non pubblicizzare). Infine i 60 milioni che si possono risparmiare sarebbero 50-60 cts al mese pro capite, e capisci che non cambierebbe nulla

airman21 5 mesi fa su tio
Ma io mi dico, ma sapete fare una ricerca e vedere con i vostri occhi i costi amministrativi delle cassa malati? Sono il 5% del totale dei costi sanitari. facciamo che questi costi spariscono così per magia....rimangono costi per 95% (poi bisogna vedere quanti costi genera la cassa malati unica) che dobbiamo pagare. Se non si diminuiscono i costi o si diminuiscono le prestazioni non è possibile. Dunque fate pure la Cassa Malati unica (poi bisogna vedere cosa fare dei 13000 dipendenti delle assicurazioni malattia) e poi vediamo se i costi aumentano o diminuiscono.....

pegis 5 mesi fa su tio
Risposta a airman21
airman31. Se ho capito bene, io pensionato che vivo con una pensiona da fame devo preoccuparmi dei 13MILA dipendenti delle casse malati e anche degli stipendi milionari dei direttori? fammi il favore vai con loro a lavorare in miniera, potremmo risolvere anche il problema dell'energia..

Manang1404 5 mesi fa su tio
io penso che la Svizzera abbia bisogno di una sanita' un pochino piu' federale. Non e' possibile che il canton Ginevra ha tutte le specializzazioni del canton Vaud, quando un ginevrino puo' andare a losanna (o viceversa) a fare parte di determinate terapie, in modo tale da risparmiare nell'organizzazione.

vulpus 5 mesi fa su tio
Abbiamo un grande esperto anche in Ticino, il sig. Cereghetti, ma viene regolarmente snobbato . Questo esperto di Comparis lascia qualche dubbio, sito non sempre trasparente nelle sue valutazioni.

Voilà 5 mesi fa su tio
Non dovremo più pagare per rimpinguare riserve miliardarie investite in borsa e non dovremo più pagare stipendi milionari ai dirigenti delle 60 casse malati. Solo eliminando i salari dei direttori e dei consigli d'amministrazione si risparmieranno almeno 60 milioni, se non di più.

airman21 5 mesi fa su tio
Risposta a Voilà
ah beh 60 milioni su 87 miliardi di costi è un cifra pazzesca. penso che riesci ad arrivare allo 0,1% ahahahha dunque togliamo lo stipendio ai dirigenti e domani mattina avresti: LA STESSA SITUAZIONE!!!! Assurdo come la gente non capisce e si fa abbindolare dai grandi proclami politici. Se volete fare la Cassa malati unica Statale, Fatela. Ma quando costerà uguale se non di più non vi lamentate.

Manang1404 5 mesi fa su tio
Risposta a Voilà
60 milioni non mi sembra un gran risparmio. nel 2022 il costo della sanita' e' stato di 83,3 miliardi.

Thinks 5 mesi fa su tio
Haha... La campagna mediatica x continuare con la Lamal x altri 30anni sta cominciando... 😂 😂 😂

Voilà 5 mesi fa su tio
Una cassa malati unica avrebbe un maggior peso contrattuale con i fornitori di prestazioni, quindi potrebbe definire il giusto prezzo di quest'ultime, abbassando di conseguenza i costi.

Nikko 5 mesi fa su tio
Risposta a Voilà
Esatto!

Voilà 5 mesi fa su tio
Comparis è sponsorizzato dalle casse malati, infatti le associazioni dei consumatori sconsigliano di utilizzare comparis per il calcolo del premio più a buon mercato.

nec 5 mesi fa su tio
Anche con una cassa malati unica i costi continueranno aumentare. È ovvio…

FaNaGhiGarii 5 mesi fa su tio
Allora Felix Schneuwly ci spieghi come è possible che tra la cassa malati LAMAL più conveniente a quella più cara ci sono delle variazioni in alcuni casi anche del 100%? (Es. Una 250 CHF/mese e l'altra 500CHF/mese). O come è possibile che le casse malati premiano fino a 1000CHF le società di consulenza per acquisire un nuovo cliente.

Riflessioni 5 mesi fa su tio
Ma di cosa vive comparsi ? Non riceve ristornino commissioni dalle assicurazioni ? 🧐🧐🧐 non so se son le persone giuste x chiedere informazioni di questo tipo

Ruse 5 mesi fa su tio
Risposta a Riflessioni
leggero conflitto d'interessi? 😅

max222 5 mesi fa su tio
Una cassa malati unica e dev'essere statale.

Yoebar 5 mesi fa su tio
Per cominciare, a livello Svizzero e Cantonale dovrebbero pagare tutti uguale, cassa malati, targhe di circolazione, varie assicurazioni e imposte.Troppa discriminazione da un Cantone all’altro. Qua in Ticino paghiamo per i pensionati svizzero tedeschi e germanici che vengo a passare gli ultimi giorni della loro vita ed oltretutto strapieni di soldi.

lügan81 5 mesi fa su tio
puo darsi, ma sicuramente con una sola cassa non ci sono azioni di marketing che costano, pensiamo un po alle pubblicità, sviluppo di app, portali, giornali, cartelloni, gadget, sono tutti milioni che le casse spendono e non è che sono soldi che escono dalle loro tasche ma dalle nostre..ovviamente se si dovesse ipotesi andare verso una sanita federale o cantonale unica si deve obbligatoriamente ripensare all'intero sistema di fatturazione di costi e tutto quanto, ora sono 30 anni che ci si mettono le pezze, bisogna fare tabula rasa e ricominciare con un altro sistema completamente diverso

CJ 5 mesi fa su tio
A parte la cassa unica che poi per la lamal non sarebbe un male eviterebbe rotture ogni anno per cambiarla … ma io farei pure la franchigia unica per tutti e non a 300 ma magari 1000 … e bisognerebbe pure pagare un ticket ( 20/50 fr ) ogni volta che si va da un medico o al pronto soccorso ( a parte le malattie croniche visite ginecologiche o visite pediatriche per esempio ) e poi sfoltirei certe cure tipo medicina tradizionale cinese ecc che se uno vuole fa una complementare …. E ci guarderei dietro pure ai vari psichiatri e psicologi vari come gente in cura da una vita ed è sempre lì … e non parlo solo di matti veri ma pure tutte le persone soggette a ansie varie spesso donne … a me sembra che vengano solo munte dal sistema ma poi rimangano li andando avanti ad ansiolitici …. Poi ci sarebbe la cartella elettronica …il premio o una parte di esse in base al reddito … c’è ne sono di cose da fare se si volesse … farebbero male si per quello sarebbero utili

OrsoTI 5 mesi fa su tio
Risposta a CJ
O finalmente uno che dice qualcosa di sensato. Uno che inveve di frignare fa critiche costruttive. Bravo. La cassa malati rispecchia quello che spendiamo grazie ai costi elevati di medici e ospedali! Non sono le casse malati il problema…. Ma noi

Telma 5 mesi fa su tio
L'esperto ha dimenticato i costi per le pubblicità e per le provvigioni versate ai brokers. Inoltre una cassa malati unica risolverebbe il problema della disparità di trattamento di cure pagate da alcune cassa malati e da altre no.

pensiero_libero 5 mesi fa su tio
Risposta a Telma
oltre alle assicurazioni bisognerebbe tirar le orecchie ai medici che fatturano salatissimamente

OrsoTI 5 mesi fa su tio
Risposta a Telma
Se tu fossi informata (invece di dire baggianate) sapresti che la cassa malati di base viene pagata 50 franchi di provvigione. Quindi non copri nemmeno i costi. Quindi non dire cose che non sai

OrsoTI 5 mesi fa su tio
Risposta a Telma
Telma telma…..non dire cose inesatte che non sai:)

OrsoTI 5 mesi fa su tio
Risposta a pensiero_libero
Appunto…. Bravo
NOTIZIE PIÙ LETTE