Cerca e trova immobili

CREDIT SUISSECrediti CS-UBS: un Consiglio nazionale «ipocrita»

13.04.23 - 09:10
È questo il messaggio inviato dalla stampa svizzera.
Keystone
Fonte Ats
Crediti CS-UBS: un Consiglio nazionale «ipocrita»
È questo il messaggio inviato dalla stampa svizzera.

BERNA - La stampa è unanime nel giudicare il "no" definitivo di ieri del Consiglio nazionale sui crediti d'impegno per l'acquisizione di Credit Suisse da parte di UBS: rifiutare è stato facile. Dubita che i parlamentari saranno altrettanto coraggiosi quando si tratterà di agire concretamente.

Il commento de La Regione parla di «magro bottino» della sessione straordinaria. Il "no" emerso alla fine è «soltanto» uno schiaffo simbolico, soprattutto al governo e in particolare alla ministra delle finanze Karin Keller-Sutter. UDC, PS e Verdi si sono sentiti autorizzati a dire qualsiasi cosa e non si sono fatti pregare sbandierando presunte condizioni, senza che alla fine ne sia rimasta traccia.

L'editoriale pubblicato dal Corriere del Ticino sottolinea dal canto suo come la bocciatura sia un segnale di sfiducia non solo nei confronti del Consiglio federale e delle autorità, ma anche della nuova UBS. Un "sì" avrebbe rafforzato la credibilità dell'intervento deciso d'urgenza, mentre il "no" risponde anche a «logiche elettorali a buon mercato», sostiene il quotidiano.

L'UDC, il PS e i Verdi «si sono accontentati di lanciare pietre contro il camion dei pompieri, dopo aver atteso saggiamente nel loro angolo che l'incendio fosse ben spento», afferma il giornalista de La Liberté Philippe Castella, che deplora uno spettacolo penoso.

Egli accusa il PS e l'UDC, i due maggiori partiti del Paese con due rappresentanti ciascuno in Consiglio federale, di fare il doppio gioco. «Questi partiti possono anche nascondersi nella legittima indignazione per le lezioni non apprese dalla crisi finanziaria del 2008, ma la verità è molto più banale, scrive il giornalista. A sei mesi dalle elezioni federali, l'UDC voleva giocare ancora una volta da sola contro tutti. E la sinistra non ha voluto lasciarla sola a raccogliere i frutti elettorali del malcontento popolare".

L'atmosfera non è migliore nella Svizzera tedesca. «Il Consiglio nazionale ha fallito», scrive l'Aargauer Zeitung, mentre la Neue Zürcher Zeitung denuncia una «ipocrisia». «Invece di mostrarsi pronti a fare compromessi, la sinistra e l'UDC sono andati a pescare elettori», sottolinea il Blick. Risultato: non è stata trovata alcuna soluzione per evitare in futuro che una grande banca in fallimento trascini con sé l'intera economia svizzera.

La stampa si aspetta dal Parlamento azioni concrete. Chiede una sorveglianza e una regolamentazione più severa dei bonus dei dirigenti. «Di fronte alla potente lobby bancaria, questo richiederà molto coraggio politico. Il che è dubbio, viste le tergiversazioni di questa sessione», commenta Le Temps.

Ma soprattutto è necessaria una commissione parlamentare d'inchiesta (CPI). E le testate in lingua francese del gruppo Tamedia, Tribune de Genève e 24 Heures, anticipano già un'inversione di tendenza in Parlamento. «Mentre la decisione avrebbe potuto essere presa durante questa sessione straordinaria, il Consiglio degli Stati ha preferito rimandarla all'inizio dell'estate», affermano i due quotidiani, per i quali rifiutare una CPI significherebbe che il Parlamento si sottrae alle sue responsabilità.

Queste misure sono «ciò che i nostri rappresentanti eletti devono ai loro elettori», aggiunge Bayron Schwyn di Arcinfo. «Purtroppo, gli elettori non conosceranno il finale al momento di recarsi alle urne per le elezioni federali in autunno», ha aggiunto.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

LaLussy 1 anno fa su tio
Ma per fortuna che fermano questa decisione del federale! Molti esperti hanno giudicato questo salvataggio molto pericoloso per il futuro dell'economia svizzera, quindi ben venga, così ci sarà più tempo per fare delle previsioni realistiche su quello che succederà se UBS farà un buco nell'acqua. Questa decisione non va presa su due piedi, per le pressioni di UE e USA!

chivas 1 anno fa su tio
Vedremo quante persone andranno a votare alle federali. Con un Consiglio Federale debole, come non lo si era mai visto e un Nazionale che si preoccupa di tenere ben salda la "cadrega", siamo proprio in mano a nessuno.

Soleluna 1 anno fa su tio
Una vergogna!!!
NOTIZIE PIÙ LETTE