Immobili
Veicoli

SVIZZERAMille franchi in più per il riscaldamento... «ed è solo la punta dell'iceberg»

07.07.22 - 18:03
Lo shock di alcuni inquilini che hanno ricevuto il conguaglio per quest'anno: «Non è una cifra di poco conto»
20Min / News-Scout / Simon Glauser
Fonte F. Pöschl / 20 Minuten
Mille franchi in più per il riscaldamento... «ed è solo la punta dell'iceberg»
Lo shock di alcuni inquilini che hanno ricevuto il conguaglio per quest'anno: «Non è una cifra di poco conto»
Gli esperti: «La situazione potrebbe peggiorare ancora». Tra i consigli, «cercare di modificare le proprie azioni quotidiane».

ZURIGO - I costi relativi al riscaldamento stanno esplodendo: I.N.* è rimasto scioccato quando ha ricevuto la fattura dall'amministrazione: invece dei 1'500 franchi pagati lo scorso anno per il suo appartamento da quattro locali, questa volta la fattura indica un importo di 2'550 franchi.

Un aumento di 1'000 franchi, che inserito nel contesto di una crescita significativa e generale dei costi accessori, minaccia una perdita di prosperità (se non peggio). «Il nostro è un appartamento condiviso con dentro degli studenti, per noi non si tratta di una piccola somma di denaro», spiega I.N*, che teme di «non poterci fare molto, d'altronde cuciniamo e ci riscaldiamo con il gas».

Ma sono in tanti ad aver ricevuto delle bollette da far girare la testa. Da parte degli esperti, il consiglio è quello di cercare di risparmiare per le spese accessorie.

Il prossimo aumento dei costi è previsto per l'inverno
I prezzi del petrolio e del gas sono aumentati già l'anno scorso a seguito del rilancio dell'economia dopo la pandemia di coronavirus, sostiene Elias Hafner, esperto di materie prime della Banca cantonale zurighese (ZKB). A causa della guerra in Ucraina, le preoccupazioni per il gas e il petrolio sono ora di nuovo aumentate.

Questi aumenti dei prezzi sui mercati delle materie prime colpiscono le famiglie con un certo ritardo. Hafner prevede un corrispondente aumento dei costi del riscaldamento in inverno. Tuttavia, se il gas e il petrolio smettono di arrivare dalla Russia a causa delle sanzioni o perché la Russia non vuole effettuare le consegne, il tutto diventerà ancora più costoso prima, e non si può escludere un ulteriore raddoppio dei prezzi, ha detto Hafner.

Anche Michael Kuhn, esperto finanziario di Comparis, prevede per quest'anno un aumento dei prezzi di circa il 40% per le spese di riscaldamento. Nel peggiore dei casi, se le forniture dalla Russia venissero interrotte, «i costi potrebbero raddoppiare».

La perdita di benessere incombe
L'economista di UBS Alessandro Bee vede un grosso rischio per la Svizzera in caso di interruzione delle forniture dalla Russia. Dopo tutto, la Svizzera importa il 40-50% del suo fabbisogno di gas dalla Russia. Oltre all'aumento dei prezzi, una chiara conseguenza è una perdita di benessere.

Tuttavia, l'industria sta lavorando duramente per garantire le forniture, afferma Ernst Uhler, CEO del fornitore di energia Energie Zürichsee Linth. «Acquistiamo continuamente energia sul mercato e abbiamo già fatto grandi scorte per l'inverno», afferma Uhler. Tuttavia, un inverno caldo aiuterebbe notevolmente ed è anche possibile dopo i due inverni precedenti piuttosto freschi.

Cosa fare? «Risparmiare, cambiare alcuni gesti quotidiani»
In che modo si può contrastare questi aumenti? «Chi è in grado di farlo dovrebbe mettere da parte del denaro e costituire una riserva», secondo Kuhn. Anche piccole modifiche delle proprie abitudini quotidiane possono avere un effetto sul portafoglio, come la riduzione del riscaldamento o del consumo di acqua attraverso docce più brevi o meno calde (che si traduce in una riduzione dei costi di riscaldamento e di acqua calda).

Natalie Imboden dell'Associazione Svizzera degli inquilini vede l'aumento dei costi di riscaldamento come un problema per gli inquilini a basso reddito. Pertanto, l'Associazione chiede al Consiglio federale un'indennità per l'energia, attualmente in fase di esame, e spera in una rapida soluzione.

*Nomi noti alla redazione

COMMENTI
 
Mattiatr 1 mese fa su tio
Sapendo che una parte dei soldi che spendo in riscaldamento potrebbero finire in un esercito d'aggressione, non vedo il problema nel spegnere il riscaldamento e passare un po' più tempo sotto le coperte.
Io 1 mese fa su tio
@Roger1980 io proporrei di mandare tutte le nostre fatture al CF e non sto scherzando anzi.....
Roger1980 1 mese fa su tio
Ma, le sanzioni, non dovrebbero colpire la Russia?!? Il CF ha scelto di seguire l'EU come un cagnolino che sta per mordersi la coda? Bene, che paghino "loro" per queste scelte abbassando o sospendendo le aliquote per quanto riguarda carburanti e energia!
Milite Ignoto 1 mese fa su tio
Grossi problemi😂
BlueShark 1 mese fa su tio
Andiamo proprio bene….! Dovrebbero pagare chi fa queste scelte da genio ..!
Mrdyd 1 mese fa su tio
La colpa è Svizzera SVEGLIA !
Luchì92 1 mese fa su tio
siccome già costa poco la vita da noi...
Sara788 1 mese fa su tio
la Russia non blocca le forniture! è la Svizzera che non vuole rifornirsi dalla Russia! sicuri di voler impoverire ancora di più i cittadini elvetici? per cosa poi?
Avetesempreragionevoi 1 mese fa su tio
La povertà è un’altra cosa, chi abita in Russia sta molto peggio di noi, il problema è che noi, io per primo, non siamo più abituati a privarci di niente
TiaTi 1 mese fa su tio
non è un problema nostro se i russi stanno peggio di noi. Prima penso a me stesso poi, forse, agli altri
Io 1 mese fa su tio
@sara788 non siamo noi ad aver voluti la guerra ma i russi e non vedo perché io devo pagare per loro smettiamola di fare i finti buonisti...vorrei vedere quando si troverà a pagare 1000 fr in più di riscaldamento e tante altre cose sea penserà ancora così!
seo56 1 mese fa su tio
No problem!! Camino…
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA