Immobili
Veicoli

SVIZZERA«I dipendenti Swiss non vaccinati devono essere reintegrati»

13.06.22 - 15:46
È quanto chiedono i sindacati dopo il licenziamento di 150 tra piloti e assistenti di volo senza vaccino.
Imago
«I dipendenti Swiss non vaccinati devono essere reintegrati»
È quanto chiedono i sindacati dopo il licenziamento di 150 tra piloti e assistenti di volo senza vaccino.

ZURIGO - Sindacati sul piede di guerra per quanto riguarda i 150 assistenti di volo e piloti della compagnia aerea Swiss licenziati perché non vaccinati contro il Covid. «Secondo noi, tutti dovrebbero essere reintegrati», afferma Stefan Brülisauer, segretario presso il sindacato VPOD (Sindacato Svizzero dei Servizi Pubblici), a 20Minuten. Soprattutto ora che sempre più paesi non richiedono più test o vaccinazioni, questi dipendenti potrebbero essere facilmente reintegrati.

Secondo la "Sonntagszeitung", Swiss non intende fare retromarcia. I dirigenti della compagnia aerea prevedono invece di schierare temporaneamente circa 70 assistenti di volo Lufthansa. «La vaccinazione offre la migliore protezione contro la progressione della malattia e corrisponde ancora alle raccomandazioni delle autorità specializzate competenti», spiega un portavoce di Swiss. Inoltre, non è chiaro come si svilupperà la situazione in autunno. I requisiti d'ingresso sono ancora severi in molte destinazioni e possono cambiare con breve preavviso.

100 voli cancellati - A causa della grave mancanza di personale, Swiss è stata costretta a cancellare 100 voli in estate. I passeggeri colpiti da questi disagi sono circa 10.000. Secondo Philipp Hadorn, ex consigliere nazionale e presidente del sindacato del personale dei trasporti (SEV-GATA), i voli cancellati, i licenziamenti di massa della scorsa estate e gli attuali esoneri del personale non vaccinato comportano un grave danno d'immagine per la compagnia aerea svizzera.

«Swiss era conosciuta per la stabilità e la puntualità», afferma Hadorn. Per il personale ora in servizio sarà difficile gestire la situazione: «Il carico di lavoro pesante influirà sulla qualità». Resta da vedere fino a che punto la compagnia aerea si riprenderà dai danni d'immagine subiti a medio e lungo termine.

Rimborso difficile - «Purtroppo, Swiss ha complicato le procedure per le persone che chiedono un rimborso. I processi sono complicati e i clienti si infastidiscono. Il che ovviamente è dannoso per l’immagine della compagnia», afferma Sara Stalder, direttrice della Fondazione per la protezione dei consumatori (SKS), attiva nella Svizzera tedesca. «La nostra guida su cosa fare in caso di volo cancellato ha interessato molte persone negli ultimi giorni», afferma Stalder. 

Secondo Stalder, i clienti possono insistere sul rimborso del prezzo del biglietto e non devono accontentarsi di un buono se non esiste un'offerta di rinvio accettabile. Questo è regolato dalla legge. «Non è possibile che i passeggeri paghino per gli errori di gestione. Dal nostro punto di vista è inaccettabile».

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA