Immobili
Veicoli
20min/Michael Scherrer
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
38 min
Una ciclista si scontra con un tram
La donna è stata trasportata in ospedale in condizioni critiche
VALLESE
1 ora
Abbattuto un lupo in Vallese, proteste degli ambientalisti
Le autorità vallesane comunicano di voler "regolare il sovrappopolamento dei lupi entro sei mesi".
GRIGIONI
1 ora
Perde il controllo e va a sbattere in galleria
Disavventura per un centauro italiano, che è stato trasportato in ospedale da un elicottero della Rega
VALLESE
1 ora
Escursionista morto in Vallese
Nella serata di ieri era stato dato per disperso. Si trattava di un novantunenne della regione
SVIZZERA
1 ora
In arrivo il farmaco Paxlovid
La Confederazione ha trovato un accordo con Pfizer per 12'000 confezioni
BASILEA CAMPAGNA
2 ore
Entra e minaccia le impiegate con una barra di metallo
Un rapinatore si è fatto consegnare diverse migliaia di franchi questa mattina a Frenkendorf
BERNA
4 ore
Cinesi schiavizzate sessualmente, cinque arresti nel canton Berna
La polizia bernese ha arrestato tre uomini e due donne per tratta di esseri umani e istigazione alla prostituzione.
GRIGIONI
4 ore
«La Svizzera non è un'isola di sicurezza»
Droni dell’esercito per monitorare l'intera zona del WEF. L’edizione di quest'anno costerà quattro milioni in più.
SVIZZERA
5 ore
Elettricità sempre più cara: aumenti fino al 20%
La guerra in Ucraina ha accentuato una tendenza già presente in Svizzera.
GRIGIONI
5 ore
Scontro fra treni: colpa di una disattenzione
L'incidente nel 2019 nel tunnel del Vereina. Dagli accertamenti è emerso che il macchinista non aveva visto l'halt
SVIZZERA
12.05.2022 - 10:380
Aggiornamento : 12:05

Col Covid piangono le casse degli ospedali universitari

La pandemia è stata una della più grandi sfide per il sistema sanitario. Si parla di spese aggiuntive milionarie

BERNA - Un finanziamento sicuro è essenziale per non compromettere le prestazioni degli ospedali universitari come centri di eccellenza medica. Questo aspetto è stato sottolineato da cinque ospedali universitari svizzeri, che oggi in una conferenza stampa a Berna hanno presentato un bilancio provvisorio delle sfide passate future legate alla pandemia.

Quest'ultima è stata una delle più grandi sfide per il sistema sanitario svizzero degli ultimi decenni, hanno spiegato oggi ai media i rappresentanti degli ospedali universitari di Basilea, Berna, Losanna, Ginevra e Zurigo. Ha evidenziato il ruolo centrale degli ospedali universitari svizzeri, che lavorano in collaborazione con la rete di tutti i fornitori di servizi del paese.

La pandemia non avrebbe potuto essere gestita senza l'esperienza, le competenze specifiche, le risorse e le infrastrutture degli ospedali universitari, soprattutto per quanto riguarda l'assistenza ai pazienti che necessitano di cure intense, hanno aggiunto. Gli ospedali universitari hanno dimostrato la loro capacità di reagire in modo rapido, appropriato e flessibile, hanno sottolineato gli oratori.

Cifre impressionanti - Da gennaio 2020 alla fine di aprile 2022, i cinque ospedali universitari hanno trattato 21'890 pazienti Covid ricoverati, di cui 3'362 nei reparti di terapia intensiva e altri 3'861 nei reparti di cure intermedie (Intermediate-Care), pari a circa il 42% dei pazienti con Covid 19. Sono pure stati pilastri importanti della strategia nazionale di vaccinazione e test: in queste strutture sono stati effettuati in totale più di 1,5 milioni di tamponi e 761'000 vaccinazioni. Cifre che i responsabili definiscono «impressionanti».

Gli ospedali universitari hanno fornito anche un importante contributo alla ricerca sul Covid: tra il 2020 e il 2022 i collaboratori hanno avviato circa 350 progetti di ricerca e pubblicato circa 2'000 articoli sull'argomento.

352 milioni di spese aggiuntive - Le conseguenze economiche per gli ospedali universitari sono state dolorose. La spesa aggiuntiva legata al Covid per i soli costi del personale e del materiale è stata di 352 milioni di franchi per le cinque strutture. I mancati guadagni nel settore ospedaliero ammontano a un totale di 250 milioni di franchi per i due anni pandemici 2020 e 2021.

I servizi indispensabili, come la fornitura 24 ore su 24 di infrastrutture specifiche e di personale per la medicina d'urgenza, la medicina intensiva e la medicina (altamente) specializzata, non sono stati adeguatamente compensati, hanno dichiarato gli ospedali.

Possibili peggioramenti - Il personale degli ospedali universitari ha svolto un lavoro straordinario durante la pandemia e continua a farlo, hanno sottolineato i responsabili. Reclutare e trattenere professionisti qualificati però è difficile e c'è il rischio di perdere il 10-15% dei dipendenti, hanno aggiunto. A questi problemi si sommano anche i rischi legati a progetti di riforma attualmente in corso a livello federale che potrebbero peggiorare ulteriormente la situazione, come il pacchetto di misure per contenere l'aumento dei costi sanitari o l'introduzione di una nuova struttura tariffaria nel settore ambulatoriale.

Anche se è necessaria una trasformazione del sistema sanitario, non bisogna dimenticare che gli ospedali universitari sono i garanti di un'assistenza di qualità, anche in situazioni di crisi, hanno rilevato ancora gli oratori. Gli ospedali universitari chiedono quindi di rafforzare l finanziamento, formare il personale necessario ed evitare che le riforme peggiorino la situazione.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-20 16:24:13 | 91.208.130.85