Immobili
Veicoli

SVIZZERATopless in piscina: «Facciamolo anche in Svizzera»

05.05.22 - 12:39
Il divieto di esibire il seno è stato rimosso nelle strutture balneari a Göttingen
Getty Images
Fonte 20 Minuten
Topless in piscina: «Facciamolo anche in Svizzera»
Il divieto di esibire il seno è stato rimosso nelle strutture balneari a Göttingen
Per Tamara Funiciello (Ps) anche in Svizzera è ora di un "libere tutte". «Il corpo della donna deve essere desessualizzato». Ma l'associazione delle piscine è perplessa

La parola ai lettori

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

BERNA - Dal 1° maggio nei weekend le bagnanti delle piscine pubbliche di Göttingen, in Germania, sono autorizzate a nuotare in topless. Il nuovo regolamento - per ora in fase di test - è stato innescato da una tempesta di indignazione, dopo che una persona non binaria è stata rimproverata e bandita da una piscina per essersi tolta la parte alta del bikini.

L'idea piace alla consigliera nazionale del Ps Tamara Funiciello: «Credo che sia il momento di fare un passo simile anche in Svizzera, non solo nei fine settimana ma sempre, nelle piscine all'aperto e al coperto. Le donne dovrebbero poter camminare, fare il bagno e nuotare come vogliono. È problematico che il seno femminile sia ancora oggi così tanto sessualizzato». 

Per Martin Enz, amministratore delegato dell'Associazione delle piscine coperte e scoperte (VHF), sarebbe invece un passo prematuro: «Se una persona lascia discretamente cadere il top sul prato per prendere il sole e non si espone, nella maggior parte delle piscine scoperte non è assolutamente un problema. Sono piuttosto gli uomini che sbirciano e spiano che sono problematici: a volte dobbiamo espellerli dalla piscina o addirittura bandirli».

Ma i "guardoni" non dovrebbero essere un ostacolo sulla strada dell'emancipazione secondo l'esperta di violenza sessualizzata Agota Lavoyer. «Se gli uomini sono toccati dall'esposizione dei torsi femminili è un loro problema. Le donne non sono responsabili di ciò che pensano gli uomini e certamente non del loro comportamento molesto». Funiciello è d'accordo: «Non si può chiedere alle donne di mettere certi vestiti per la loro protezione perché gli uomini non possono controllarsi. Invece, dovremmo smettere di insegnare alle ragazze che devono sempre proteggersi, ed educare i ragazzi».

Anche Helena Trachsel, responsabile dell'ufficio per l'uguaglianza del cantone di Zurigo, considera ragionevole un permesso di topless per tutti: «Dal punto di vista dell'uguaglianza, è chiaro che le stesse regole valgono per tutti i generi e che anche le donne e le persone non binarie possono togliersi il top in piscina».

Martina Bircher, consigliera nazionale Udc, è invece contraria al permesso per il topless: «Un tale regolamento può mettere indirettamente sotto pressione le donne che vogliono continuare a nuotare con il top del bikini», ha detto Bircher. «Penso che la maggior parte delle donne ne sarebbe scoraggiata e forse non andrebbe affatto in piscina per questo motivo». Bircher si aspetta anche che un pass gratuito per il topless attiri i guardoni negli stabilimenti balneari.

Funiciello trova il dibattito assurdo: «Il seno femminile è qualcosa di naturale e non vedo la differenza questo un seno maschile» e chiede una desessualizzazione del corpo femminile. «Noi come società dobbiamo smettere di controllare costantemente le donne e i loro corpi, commentandoli e considerandoli come oggetti. «I seni sono un organo sessuale secondario» proprio come il pomo d'Adamo negli uomini. «Qualcuno ha mai chiesto a un uomo di coprire il suo pomo d'Adamo?».

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA