Immobili
Veicoli

SVIZZERABerna condanna il riconoscimento russo delle repubbliche separatiste ucraine

22.02.22 - 16:28
Per la Confederazione Donetsk e Lugansk rimangono parte integrante dell'Ucraina.
Keystone
SVIZZERA
22.02.22 - 16:28
Berna condanna il riconoscimento russo delle repubbliche separatiste ucraine
Per la Confederazione Donetsk e Lugansk rimangono parte integrante dell'Ucraina.
La Segretaria di Stato Livia Leu ha invitato le parti a tornare al tavolo delle trattative.

BERNA - La Svizzera condanna il riconoscimento da parte della Russia delle repubbliche separatiste di Donetsk e Lugansk. «La Confederazione non riconosce l'indipendenza di questi territori», ha detto la segretaria di Stato del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) Livia Leu in conferenza stampa.

Per la Confederazione le due regioni separatiste sono e restano parte integrante dell'Ucraina, ha aggiunto Leu precisando di aver comunicato la posizione di Berna all'ambasciatore russo in Svizzera. Il riconoscimento della loro indipendenza da parte di Mosca viola la sovranità e l'integrità territoriale dell'Ucraina, ha sostenuto la segretaria di Stato.

Leu ha invitato le parti a tornare al tavolo delle trattative. La situazione non può essere risolta per manu militari, ha detto. La decisione russa, ha proseguito, è in aperta contraddizione con gli accordi di Minsk.

Dall'inizio del conflitto ucraino, otto anni fa, la Svizzera si è sempre impegnata per una soluzione pacifica. Berna partecipa anche alla missione speciale di monitoraggio dell'Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE), ha ricordato Leu. Gli osservatori svizzeri sono ancora sul posto. I buoni uffici della Svizzera rimangono comunque a disposizione a tutte le parti interessate.

Resta invece aperta la questione dell'adozione da parte di Berna di sanzioni. Dopo l'annessione russa della Crimea, l'Unione europea aveva adottato misure di ritorsione. La Confederazione non l'aveva seguita in base al principio che la Svizzera le adotta unicamente se decise in sede ONU.

Provvedimenti erano però stati presi per prevenire l'eventuale aggiramento attraverso la Svizzera delle sanzioni internazionali adottate contro la Russia, ha ricordato Leu.

Non appena l'UE annuncerà le sue nuove sanzioni, il Consiglio federale le analizzerà da un punto di vista economico, giuridico e umanitario. Domani, nella seduta settimanale dell'esecutivo, gli ultimi sviluppi della situazione saranno comunque evocati, ha aggiunto.

L'escalation in Ucraina avrà in ogni caso conseguenze anche per la Svizzera. «È un problema di tutti se la sicurezza in Europa è minacciata», ha poi proseguito Leu. Il futuro mostrerà quali saranno gli effetti: è possibile che ci siano ondate di rifugiati, interruzioni di forniture e altre conseguenze economiche. «Molto dipenderà dalla durata del conflitto», ha precisato la segretaria di Stato.

Concernente la situazione sul posto, il responsabile del Centro di crisi del DFAE Hans-Peter Lenz ha detto che l'ambasciata elvetica di Kiev, che rimane aperta, lavora in modalità di crisi. Lenz non è stato in grado di dire quanti cittadini svizzeri si trovano in questo momento nelle regioni di Donetsk e Lugansk.

I cittadini svizzeri, compresi i loro famigliari, registrati presso l'ambasciata sono 296, dieci dei quali risiedono nella regione di Donetsk. La missione diplomatica elvetica in ucraina comunica con loro tramite e-mail e telefono. «Finora, non hanno espresso alcuna preoccupazione specifica al DFAE», ha precisato Lenz. A loro si aggiungono due collaboratori svizzeri che si trovano in Ucraina orientale per conto dell'OSCE.

I consigli di viaggio per la regione sono costantemente rivisti e se necessario modificati, ha poi ricordato Lenz. Stando al suo sito internet, il DFAE attualmente sconsiglia i viaggi turistici e tutti gli altri viaggi non urgenti a destinazione dell'Ucraina. In alcune regioni del Paese sono sconsigliati i viaggi in generale. Alle persone svizzere nelle regioni di Donetsk e Lugansk viene raccomandato di lasciare temporaneamente la zona con i propri mezzi. A tal proposito, Lenz ha ricordato che è ancora possibile lasciare l'Ucraina con mezzi commerciali.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA