Immobili
Veicoli
keystone
Un cartello durante una manifestazione fuori dalla Monsanto a Morges.
VAUD
21.12.2021 - 15:500

Monsanto senza sconti

Il canton Vaud reclama 34 milioni di imposte, dopo la chiusura dello stabilimento di Morges. Il TF conferma

LOSANNA - Il Tribunale federale (TF) ha condannato la multinazionale Monsanto a rimborsare l'integralità delle imposte esonerate grazie a un accordo con il fisco vodese siglato all'arrivo a Morges nel 2004. Si tratta di dieci anni di arretrati, per un totale di circa 34 milioni di franchi.

L'intesa prevedeva che il colosso americano specializzato nelle biotecnologie agricole non avrebbe pagato imposte durante i primi dieci anni di attività nel cantone. Il tutto, a condizione che Monsanto rimanesse in terra vodese per almeno ulteriori 10 anni, ovvero fino al 2024.

La multinazionale nel 2018 è stata però compara dal gruppo Bayer. Subito dopo, è stata annunciata la chiusura del sito di Morges per il 2020, con un trasferimento nella sede di Bayer a Basilea. Le autorità vodesi hanno quindi chiesto il pagamento delle imposte dovute, visto il mancato rispetto dell'accordo.

Monsanto ha fatto ricorso al Tribunale cantonale, che ha dato parzialmente ragione alla società americana, valutando alcune delle imposte richieste troppo vecchie e ormai in prescrizione. Il canton Vaud ha quindi a sua volta impugnato la sentenza, rivolgendosi al TF, che ha dato ragione alle autorità cantonali.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-17 13:31:46 | 91.208.130.86