Immobili
Veicoli

BernaC'è una probabilità su due di poter entrare al bar senza CovidPass

12.11.21 - 13:17
Bar, ristoranti e palestre fanno pecca di controlli nei certificati. Un sondaggio mette in luce casi di Berna e Zurigo
20 Minuti
Fonte 20 Minuten
C'è una probabilità su due di poter entrare al bar senza CovidPass
Bar, ristoranti e palestre fanno pecca di controlli nei certificati. Un sondaggio mette in luce casi di Berna e Zurigo
Nonostante l'inadempienza, sono poche le strutture a essere state chiuse dalle autorità

BERNA - Uno spritz per favore, ma senza certificato. Un sondaggio ha rivelato come in molte strutture per il tempo libero il controllo dei certificati non è sempre ad hoc. E secondo un consigliere nazionale del Partito socialista questo è «estremamente problematico».

20Minuten ha interrogato i suoi lettori su quanto spesso viene richiesto loro di favorire il CovidPass all'entrata di un bar piuttosto che in una palestra. Risultato: il 46% delle persone intervistate è già stato ammesso in una struttura come un ristorante senza esibire il certificato. La misura è stata introdotta circa due mesi fa e prevede che per accedere nei luoghi al chiuso, i clienti si muniscano di un test rapido negativo o siano guariti da meno di sei mesi da un'infezione da Covid o, ancora, siano vaccinati. Ma non sempre questa regola viene rispettata.

Se a quasi il 50% delle persone è successo di non essere controllato o che sia avvenuto poco spesso, il 28% ha dichiarato che è successo anche meno di una volta a settimana. Ma la situazione sembra un fifty-fifty perché un buon 40% di aver dovuto mostrate il proprio CovidPass tutti i giorni o più volte durante la stessa settimana. Eppure solo il 35% percepisce i controlli come completi.

Cosa succede alle aziende furbette - Nel canton Berna la polizia ha effettuato 670 controlli dal 13 settembre a oggi. Di questi, 40 sono finiti in denunce. La maggioranza ha quindi aderito alle specifiche. Come spiegato dalla portavoce della polizia cantonale bernese Isabelle Wüthrich: «In alcuni casi, pochi, le autorità hanno chiuso le attività commerciali. La maggior parte delle volte i responsabili non avevano aderito alle norme per mancanza di conoscenza e le hanno implementate in seguito alla denuncia».

La polizia municipale di Zurigo ha invece effettuato 390 controlli e solo una decina di aziende è risultata fuori norma. Un altro sondaggio tra i membri di Gastrosuisse ha evidenziato che un'azienda su cinque ha ricevuto una visita da parte delle autorità e che solo il 5% di loro sono risultate inadempienti nel controllo dei certificati Covid e che solo in un caso è stato necessario chiudere una struttura.

Misure inutili se ignorate - Per il consigliere nazionale Mustafa Atici del Partito socialista, questi risultati sono «estremamente problematici. Il controllo sistemico dei certificati è l'essenza e la fine della pandemia. Ma le misure sono utili solo se vengono messe in atto». Inoltre il consigliere mette sul tavolo anche un consiglio: dovrebbero essere le associazioni a guardare da vicino le aziende.

Thomas de Courten, consigliere nazionale dell'Unione democratica di centro, afferma di essere «controllato a ogni passo. Tuttavia è comprensibile che dei responsabili non facciano dei controlli maniacali, nel caso in cui, ad esempio, i clienti siano abituali».

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA