Immobili
Veicoli

SVIZZERACovid: la Svizzera è seconda nella classifica Bloomberg

05.08.21 - 18:35
In termini di gestione delle restrizioni e impatto sull'economia, è riuscita a fare meglio solo la Norvegia.
20min / Taddeo Cerletti
Covid: la Svizzera è seconda nella classifica Bloomberg
In termini di gestione delle restrizioni e impatto sull'economia, è riuscita a fare meglio solo la Norvegia.
La Germania? In 12esima posizione. L'Italia invece è solo 27esima.

BERNA - La Svizzera è seconda nella classifica di Bloomberg, dietro alla Norvegia. Rispetto a molti paesi, in tempi di pandemia, la Confederazione elvetica ha avuto meno restrizioni, il che ha pesato positivamente sull'economia.

La classifica ha lo scopo di mostrare «dove il virus viene gestito in modo più efficace e con il minimo disagio sociale ed economico». Oltre al numero di contagi e decessi, al tasso di vaccinazione e alla qualità del sistema sanitario, Bloomberg ha anche guardato quante persone fanno nuovamente la spesa o stanno andando al lavoro, quali sono le restrizioni per la vita sociale ed economica, e quanti i voli che hanno ripreso a solcare i cieli.

«La Svizzera non è andata male», spiega all'agenzia di stampa tedesca Jan-Egbert Sturm, professore di ricerca economica applicata al Politecnico federale di Zurigo. «Ha sempre adottato misure relativamente miti. A marzo e aprile di quest'anno ha aperto la strada agli allentamenti in Europa e non ha dovuto pentirsene».

Misure lievi - Misure blande come questa: le scuole sono state chiuse solo per un breve periodo nella primavera del 2020. Gli hotel hanno potuto restare aperti, così come i comprensori sciistici. La popolazione non hai mai dovuto sottoporsi a test per fare shopping o cenare fuori, non c'è mai stato il coprifuoco. Non ci sono stati nemmeno cambiamenti costanti alle norme sulla scorta del numero di contagi. Insomma, meno regole e meno cambiamenti, anche se in Svizzera non sono mancate lo stesso manifestazioni contro le misure anti Covid.

L'unico paese che supera la Svizzera è la Norvegia. Il suo governo è stato uno dei primi ad adottare rigide misure contro il Covid, nella primavera del 2020 e, come hanno fatto altri, ha chiuso i propri confini. «La Norvegia è campionessa europea nella gestione del Covid», ha esultato il quotidiano "Verdens Gang" nell'autunno 2020. Dopo di che, però, i contagi sono aumentati di nuovo.

Scuole chiuse solo per poco tempo - Anche in Norvegia le scuole sono state inizialmente chiuse, ma solo per un breve periodo. Fin dall'inizio, il governo ha pensato principalmente ai bambini e ai giovani. Si sono anche messi in gioco con le riapertura graduali nel 2021. La Norvegia ha beneficiato pure delle sue dimensioni, che hanno permesso il mantenimento delle distanze sociali. Con 5,4 milioni di abitanti, è un po' più grande della Germania, ma ha solo un 15esimo della popolazione.

«Un solo errore» - Storm accusa la Svizzera di un solo errore: «Non ha dominato la seconda ondata alla fine dello scorso e all'inizio di quest'anno, ha reagito troppo tardi. I negozi hanno chiuso poco prima di Natale. Certo, se avesse chiuso prima avrebbe perso dei guadagni, ma questo avrebbe salvato delle vite», aggiunge.

La Germania è arrivata dodicesima nella classifica Bloomberg. Oltre a Norvegia e Svizzera, anche Nuova Zelanda, Francia, USA e Austria se la cavano meglio. L'Italia? Solo 27esima.

In fondo alla classifica? Bangladesh, Filippine, Argentina, Sud Africa, Malesia e, dulcis in fundo, l'Indonesia che si aggiudica il podio, ma quello dei peggiori (53esimo posto).

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA