Keystone
SVIZZERA
21.01.2021 - 10:030

La didattica a distanza sia «l'ultima ratio»

La presidente della Conferenza svizzera dei direttori dell'educazione mette in guardia sulla chiusura delle scuole.

«Avrebbe conseguenze di vasta portata sulla salute e sulle chance d'istruzione dei bambini e giovani».

BERNA - La presidente della Conferenza svizzera dei direttori cantonali della pubblica educazione (CDPE), la zurighese Silvia Steiner, mette in guardia da un'introduzione precipitosa della didattica a distanza.

«Il passaggio alla didattica a distanza deve essere vista come ultima ratio», ha affermato in un'intervista pubblicata oggi dai giornali del gruppo CH Media. La chiusura delle scuole ha conseguenze di vasta portata sulla salute e sulle chance d'istruzione dei bambini e giovani, ha avvertito in un'altra intervista rilasciata al "Tages-Anzeiger" di oggi. Molte famiglie, ha aggiunto, si ritrovano in difficoltà.

Tutto sommato la Svizzera è attualmente in una situazione abbastanza buona se si guardano gli attuali dati sulla diffusione del coronavirus, ha sostenuto la Steiner. «Le infezioni scendono, il tasso di riproduzione nel canton Zurigo è dello 0,7% circa», ha spiegato nei confronti di "CH Media". Il passaggio alla sola didattica a distanza a livello secondario II a Zurigo è quindi esclusa, ha aggiunto parlando con il "Tages-Anzeiger".

I piani di protezione contro il Covid-19 nelle scuole sono stati sviluppati costantemente anche in passato e si situano a un alto livello, ha sottolineato nell'intervista ai giornali di CH Media. Per problemi locali servono soluzioni locali. «Per questo non avremo mai modelli identici dappertutto. Ciò che conta non è la via, ma il risultato alla fine di un percorso formativo», ha sottolineato la Steiner.

Quali misure aggiuntive la Svizzera potrebbe puntare all'estensione dell'obbligo d'indossare la mascherina nelle scuole e a una migliore distribuzione, o anche una riduzione, dei flussi di alunni. «Se limitiamo il diritto all'istruzione dobbiamo chiederci (...) se l'utilità epidemiologica prevalga davvero», ha messo in guardia la presidente della CDPE.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Volpino. 1 mese fa su tio
Ma sono proprio dei fissati, intanto lo stato non si assume nessuna responsabilità se bambini e genitori sono ammalati.
Luca 68 1 mese fa su tio
sono convinto che tutti o genitori sono in grado di aiutare tutti i bambini delle elementari, non vedo perché non chiudere, a parte che poi i genitori devono stare a casa e il governo deve pagare. per quelli delle medie e superiori, non credo proprio che vanno in crisi sé per un mese fanno scuola a distanza. di continua a prendere scuse ma la verità è che non vogliono chiudere perché costa troppo ( detto da parmelen). ancora una volta si vede che prima i soldi poi la salute

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-02-24 19:12:56 | 91.208.130.87