Deposit
«Pensate bene alle alternative, prima di fare acquisti».
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GINEVRA
3 ore
Hotel da 30mila franchi a notte per Biden
Ecco quanto ha speso il presidente statunitense per il summit ginevrino con il suo omologo russo Putin.
GINEVRA
5 ore
Putin e Biden hanno lasciato Ginevra
I due presidenti sono decollati da Cointrin poco dopo le rispettive conferenze stampa.
GINEVRA
5 ore
Biden: «Ho fatto quello che ero venuto a fare»
Il presidente USA ha tracciato un bilancio «positivo» dell'incontro con Putin. Non sono però mancati gli avvertimenti.
GINEVRA
6 ore
Putin: «Non prendo lezioni di diritti umani dagli USA»
Tra gli argomenti discussi durante il summit, l'incarcerazione di Navalny, le tensioni diplomatiche e la cyber-security.
ZURIGO
7 ore
Carlos - anzi Brian - non sarà internato
Il 25enne è stato però condannato a sei anni e quattro mesi per aggressioni a secondini e poliziotti
GINEVRA
8 ore
Un centinaio di imprese chiuse per l'incontro Biden-Putin
Le aziende situate in prossimità della zona di esclusione del summit saranno risarcite dalla Confederazione.
GINEVRA
8 ore
Estremisti islamici a processo a Bellinzona
I due, arrestati nel 2016, si erano recati in Turchia per unirsi alle forze dell'Isis.
ZURIGO
10 ore
Tifoso violento espulso dalla Svizzera
Si tratta di un 26enne che aveva partecipato ai disordini scoppiati a Zurigo, dopo un derby di Coppa Svizzera, nel 2018.
LUCERNA
12 ore
Esce di strada e ruzzola giù per una discesa di 78 metri
La conducente è stata trasportata in ospedale. I danni ammontano a 10mila franchi.
FOTO
GINEVRA
12 ore
Una stretta di mano segna l'inizio del vertice
Il presidente USA Joe Biden e quello russo Vladimir Putin sono ora a Villa La Grange a Ginevra
SVIZZERA
12 ore
In Svizzera altri 282 casi e sei decessi
La situazione epidemiologica è in costante miglioramento. Sinora si contano 701'260 contagi e 10'315 morti
SVITTO
13 ore
Incidente mortale in seggiovia, era una corsa senza permesso
La corda di traino si era spezzata e la cabina, che ospitava quattro persone, era precipitata per una decina di metri.
SAN GALLO
13 ore
Il villaggio (bis) di Heidi non si farà
Il progetto a Quarten, nel canton San Gallo, è stato affossato dalla pandemia
SVIZZERA
17.09.2020 - 06:000
Aggiornamento : 10:24

Si cercano eroi della seconda mano: «Plasmiamo il nostro futuro»

Il 26 settembre avrà luogo il primo Secondhand Day nazionale. Lo scopo? Sensibilizzare i cittadini elvetici sui consumi

Come ci conferma Kai Landwehr di myclimate, consumiamo e buttiamo troppo: «Le persone smaltiscono troppi prodotti che potrebbero vivere qualche anno in più»

BERNA - Gli svizzeri generano ogni anno una media di 14 tonnellate di CO2, principalmente dal consumo privato. Per compensare queste emissioni sarebbe necessario avere circa 1’120 faggi a testa: ogni cittadino elvetico dovrebbe insomma avere la propria piccola foresta privata.

Nasce in questo senso il "Secondhand Day" nazionale (Giornata della seconda mano), che si terrà il 26 settembre 2020. Si tratta di un’iniziativa che desidera sensibilizzare la Svizzera in materia di consumi più sostenibili e consapevoli.

Abbiamo sentito Kai Landwehr, a capo della divisione Marketing di Myclimate, una delle aziende promotrici dell'iniziativa.

Cos'è il Secondhand day?
«È un'iniziativa per sensibilizzare i cittadini svizzeri sui consumi e sul loro impatto climatico. Una parte considerevole delle emissioni di CO2 di ognuno di noi deriva dal consumo, generando spesso emissioni anche in altri Paesi, dove si trovano i siti di produzione. Allo stesso tempo, le persone smaltiscono troppi prodotti che potrebbero facilmente vivere qualche anno in più. Dare una seconda vita a questi prodotti ha effetti positivi: l'impronta si riduce e non è necessario acquistarne di nuovi: con tutte le relative emissioni».

Quanto è importante la seconda mano per la sostenibilità?
«È semplice: più a lungo un prodotto viene utilizzato, più bassa è la sua impronta di CO2. Raddoppiare o meglio quadruplicare gli acquisti di seconda mano potrebbe avere un effetto massiccio e contribuire al raggiungimento degli obiettivi climatici globali».

Come mai la gente sottovaluta questa possibilità?
«Potrebbe essere un problema d'immagine, o di fiducia. Molte persone considerano ancora i prodotti di seconda mano come prodotti "peggiori" in termini di qualità, o come obsoleti (principalmente per i dispositivi elettronici). Tuttavia, per numerosi prodotti, questo non è vero. Se riuscissimo a cambiare la reputazione di questi prodotti, e i comportamenti dei consumatori in questo senso, sarebbe un passo enorme».

Cosa può fare ogni cittadino, nel suo piccolo? 
«Pensate bene prima di comprare o di prenotare, siate chiari sulle cose di cui avete veramente bisogno o che volete sperimentare, cercate delle alternative e, ovviamente, godetevele. Per tutto ciò che desiderate, per praticamente tutti i prodotti che vi interessano, ci sono delle alternative più rispettose del clima.  Queste alternative potrebbero adattarsi alle vostre esigenze allo stesso modo dei prodotti nuovi, non importa se si tratta di una destinazione di viaggio diversa, un prodotto di seconda mano o il modo in cui vi spostate. È chiaro che non sarà un cambio netto in cui si prenderà ogni volta la scelta giusta per il clima, ma se si inizia a pensare di più a cosa si ha veramente bisogno e a quali alternative ci sono in giro, ci saranno sicuramente più decisioni a favore del clima». 

Personalmente, sei più ottimista o pessimista sul nostro futuro?
«Sono un ottimista responsabile. La sfida è enorme, ma abbiamo tutto quello che ci serve per risolvere il problema. Abbiamo le conoscenze, le risorse finanziarie, il background scientifico, e sempre più anche la volontà di economia e politica. Siamo noi che possiamo plasmare il nostro futuro: quindi facciamolo». 

Si cercano eroi. In favore della sostenibilità, a partire dal 20 agosto e fino al 20 settembre, negozi, mercati, centri di riciclo e anche privati possono registrarsi come "Circular Heroes" tramite il sito ufficiale della giornata, contribuendo così attivamente al risparmio di risorse con promozioni di vendita od offerte speciali.

Anche "Ricardo.ch" si presenta come "Circular Hero", offrendo così un ulteriore contributo per la tutela dell’ambiente: per ogni prodotto venduto sulla sua piattaforma online il giorno del Secondhand Day, Ricardo pianterà infatti un albero.

I promotori

Gli organizzatori dell’evento rappresentano il settore economico, politico, scientifico e mediatico, e garantiranno lo svolgimento del Secondhand Day mettendo a disposizione le proprie conoscenze specialistiche. "Circular Economy Switzerland" è una piattaforma volta a creare un mercato svizzero per prodotti e servizi dell’economia circolare. "myclimate" promuove la tutela climatica tangibile e lo sviluppo sostenibile e fornirà all’iniziativa importanti dati sul tema delle risorse. "Ricardo.ch" si fa organizzatore dell’evento, fornendo il know-how necessario per la gestione dei partecipanti e per le partnership. Infine, con "20 Minuti" l’iniziativa vede la partecipazione del marchio mediatico di maggior portata sul suolo svizzero: stimolandolo a effettuare un consumo più consapevole.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TI.CH 9 mesi fa su tio
Bella chimera prova ad andare contro certe lobby poi se ce la fai meriti un premio.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-17 02:10:07 | 91.208.130.89