keystone
AIROLO
08.08.2020 - 18:470
Aggiornamento : 20:46

«Non ci toglierete il nostro hobby»

Ecco perché oggi 250 motociclisti hanno "occupato" il passo del Gottardo

Innervositi per due iniziative parlamentari, i biker non ci stanno: «Siamo per il rispetto della quiete pubblica, ma vogliono espropriarci le nostre moto».

AIROLO - Sembra la calata dei barbari. E invece quella tenutasi oggi sulla strada del passo del Gottardo è una manifestazione pacifica, assicurano gli organizzatori. Per far valere un diritto democratico. 

L'iniziativa, lanciata dal gruppo Fighter Friends, è scattata questa mattina. Circa 250 motociclisti, tra cui anche diversi membri dell'Associazione motociclisti ticinesi. A bordo delle loro Harley, Triumph e Ducati, si sono dati appuntamento sul Passo per protestare contro due iniziative parlamentari che vogliono ridurre i decibel sulle strade. 

Un problema, quello dei rumori molesti, che tocca anche il Ticino, dove nelle scorse settimane la Polizia cantonale ha annunciato una serie di controlli mirati a tutela della quiete pubblica. Anche nell'ambiente degli automobilisti, non sono mancati i malumori

A far innervosire gli amanti delle due ruote, però, è stata una proposta di legge della consigliera nazionale Gabriela Suter (Ps/Ag), che con due atti parlamentari ha chiesto l'introduzione di radar anti-rumore sulle strade svizzere, e il divieto di circolazione per le moto che superano i 95 decibel. 

«La nostra è una protesta silenziosa» ha dichiarato al Blick Bernardo Hanisch, presidente della comunità motociclistica Fighter Friends, al fianco di Blick TV. «Vogliamo dimostrare che noi motociclisti siamo una famiglia e che non lasciamo che il nostro hobby ci venga portato via». 

L'associazione, che settimana scorsa aveva organizzato un'analoga manifestazione davanti a Palazzo Federale, si dice «contraria ai rumori molesti» e non approva chi arreca disturbo al prossimo. «I motociclisti devono mostrarsi coscienziosi, e dimostrare rispetto» concorda Hanisch. 

Il punto controverso è proprio il limite dei 95 decibel, modellato su un divieto analogo introdotto in Austria, nella regione del Tirolo. «Di fatto - osserva Hanish - metterebbe fuori uso gran parte del parco circolante. Equivarrebbe ad un esproprio collettivo». 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-19 18:46:37 | 91.208.130.86