Keystone (archivio)
Per un po' la colazione con il giornale resterà tabù.
SVIZZERA
12.05.2020 - 13:400

L'editoria contro il divieto di leggere il giornale al bar: «Per noi è una doccia fredda»

Alcuni media deplorano la decisione del Consiglio federale che acuisce ulteriormente la crisi nel settore.

Un editore romando: «La situazione è catastrofica».

BERNA - Alcuni media deplorano il divieto di mettere a disposizione giornali ai clienti di bar e ristoranti che hanno riaperto ieri dopo la chiusura imposta a causa dell'epidemia da coronavirus. Tale misura, che ha quale fine di prevenire la trasmissione della malattia Covid-19, penalizza ulteriormente la stampa scritta, già sofferente.

A denunciare la sparizione dei quotidiani dai locali è Patrick Vallélian, direttore generale di Sept.ch, società editrice del sito sept.info e della rivista-libro Sept mook. «Se non è il colpo di grazia vi assomiglia fortemente», ha comunicato oggi.

Vallélian menziona una «situazione catastrofica per un settore già devastato dal crollo delle entrate pubblicitarie». Tanto più che l'impossibilità di leggere i giornali di uso collettivo nei locali potrebbe durare mesi, nel momento in cui gli editori rispondono positivamente al bisogno della popolazione di essere informata.

«La situazione è spiacevole, rappresenta una doccia fredda», ha spiegato a Keystone-ATS Serge Gumy, caporedattore del quotidiano friburghese La Liberté. Secondo Gumy questa mancanza di entrate prolunga la situazione vissuta da metà marzo e la chiusura di ristoranti e bar.

In un primo tempo i locali pubblici avevano sospeso i loro abbonamenti, indica Gumy, e oggi confermano questa decisione. La misura di protezione dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) attenua così l'effetto positivo derivante dall'aumento del numero di abbonamenti constato dall'inizio della crisi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
sedelin 5 mesi fa su tio
cosa centrado i giornali con la diffusione del virus? adesso basta con i divieti ca*gate!
sedelin 5 mesi fa su tio
@sedelin *c'entrano
centauro 5 mesi fa su tio
@sedelin centrano
seo56 5 mesi fa su tio
Giusto così. I giornali sono vettori per il virus
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-27 05:14:20 | 91.208.130.89