Archivio Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
7 min
Oggi 750mila dosi di Moderna, lunedì arriverà anche Pfizer
Le nuove forniture permetteranno di mantenere alto il ritmo delle vaccinazioni.
FRIBURGO
36 min
L'esercito sta disturbando gli animali selvatici friburghesi?
Un'esercitazione ha avuto luogo in un'area in cui ci sono severe restrizioni anche per gli escursionisti.
GINEVRA / BASILEA
2 ore
Solidarietà con i palestinesi, in 500 a manifestare
300 persone si sono ritrovate a Ginevra, altre 200 a Basilea.
ZERMATT
2 ore
Precipita 25 metri nel crepaccio, muore un 31enne
L'escursionista è stato colto di sorpresa dal cedimento di un ponte di neve. Con lui c'erano altre sei persone.
NEUCHÂTEL
2 ore
A Neuchâtel un nuovo salone internazionale di orologeria
Si chiama "Imagination" e dall'1 al 6 settembre dovrebbe ospitare un centinaio di espositori.
PORTOGALLO / SVIZZERA
3 ore
Il Portogallo apre al turismo, anche alla Svizzera
Tutti i viaggiatori dovranno però presentare un test PCR negativo effettuato nelle 72 ore precedenti l'ingresso
SVIZZERA
4 ore
Future pandemie: i Cantoni chiedono un comitato specializzato
L'idea è di creare un organo composto in modo paritetico da rappresentanti dei Cantoni e della Confederazione.
FOTO
SVIZZERA
5 ore
1000 persone in marcia a Urnäsch
Il corteo era in programma a Zurigo ma all'ultimo momento è stato spostato nella località appenzellese.
NEUCHÂTEL 
6 ore
Contagiato il 23% degli allievi di una scuola
Un secondo test di massa sarà effettuato martedì tra le persone in quarantena che sono risultate negative
SVIZZERA
27.01.2020 - 15:020
Aggiornamento : 17:06

Turismo nella morsa del coronavirus

La Cina blocca la vendita di viaggi di gruppo. Preoccupato il settore elvetico. Meno il Ticino. Da noi solo l’1,4% dei pernottamenti sono cinesi

di Redazione
20Min/Pa.St./ATS

ZURIGO - I turisti cinesi? Soprattutto a Interlaken e Lucerna sono una presenza costante. Ma la Cina è rilevante anche a livello nazionale: nel 2019 ha generato 1,3 milioni di pernottamenti, posizionandosi come quarto mercato straniero più importante. 

Nella maggior parte dei casi si tratta di comitive che girano l’Europa in pullman. Ma questo presto non sarà più possibile: a causa della diffusione del coronavirus, da oggi il ministero del turismo cinese ha infatti bloccato la vendita di viaggi di gruppo all’estero. Quindi anche in Europa. Le prenotazioni di voli cancellate stanno già crescendo e, secondo le prime stime, il numero di viaggiatori provenienti dalla Cina diminuirà del 30-50% nelle prossime settimane e mesi.

Settore preoccupato - Una decisione che suscita molta preoccupazione nel settore turistico elvetico, come conferma Markus Berger, portavoce di Svizzera Turismo. «Non è possibile determinare gli effetti del blocco, e non si conosce nemmeno la durata della misura». Ma oltre la metà dei visitatori provenienti dalla Cina fa parte di una comitiva. E si tratta di visitatori che spendono volentieri soldi nel nostro paese: «In media 380 franchi al giorno per persona». Soltanto i turisti provenienti dai paesi del Golfo fanno meglio.

I visitatori cinesi sono, secondo il portavoce, un elemento importante per il turismo elvetico. «Soprattutto per la loro voglia di spendere, combinata con il potenziale di crescita». Il blocco della vendita di viaggi di gruppo si farà quindi sentire.

Destinazione Svizzera centrale - La situazione potrebbe colpire in particolare la Svizzera centrale. E soprattutto Lucerna, dove nel 2019 il 10% dei pernottamenti era generato da turisti cinesi. È più ottimista la società delle Jungfraubahnen: «Il 40% dei nostri clienti cinesi sono viaggiatori individuali» sottolinea il CEO Urs Kessler.

Ticino: «Mercato secondario» - Per il Ticino il blocco cinese non dovrebbe rappresentare un problema, in quanto per la regione la Cina rappresenta un mercato secondario, come ci fanno sapere da Ticino Turismo. Sul fronte dei pernottamento, nel 2018 quelli di visitatori cinesi erano soltanto l’1,4%.

Swiss - A causa del virus, Swiss sta osservando un aumento delle disdette, anche se nel complesso si tratta ancora di una cifra contenuta. La controllata di Lufthansa non ha fornito numeri concreti.

Treni - Per le ferrovie le conseguenze si stanno facendo attendere. La Jungfraubahn, i cui passeggeri per un quinto sono cinesi, non ha ricevuto cancellazioni. Stesso discorso per la ferrovia di montagna del Titlis. L'impatto è limitato anche perché febbraio e marzo non sono tipici mesi di viaggio per i cinesi. Diverso il discorso per il periodo da maggio a ottobre, quando l'affluenza dal Paese asiatico aumenta considerevolmente.

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Meck1970 1 anno fa su tio
Basta qualcosa che non va e tutto il settore ha seri problemi finanziari. Forse in Svizzera bisogna rivedere qualcosa......
Norma Jean 1 anno fa su tio
Incredibile come anche davanti ad una minaccia seria, sebbene alle nostre latitudini non sia ancora ufficialmente conclamata, gli esercenti in Svizzera pensino al solo fatturato. Chiaro che non possiamo demonizzare i cinesi, ma se la Cina intende bloccare le partenze, penso sia del tutto comprensibile. Qui invece subito a gridare allo scandalo...se per sfortuna il virus dovesse poi entrare prepotentemente in Svizzera, scommetto che questi esercenti sarebbero i primi a chiudere la porta in faccia agli asiatici.
spike3.0 1 anno fa su tio
@Norma Jean Non penso vogliano relativizzare il problema, piuttosto una costatazione guardando dentro il proprio orticello, a mio parere legittimo... quando periodicamente il settore turistico tira le somme deve per forza di cose analizzare anche queste problematiche e se possibile porvi rimedio
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-15 19:40:27 | 91.208.130.86