TiPress/archivio
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
LUGANO
16.03.2021 - 08:000
Aggiornamento : 17.03.2021 - 11:00

PSE, colpi esterni e un’arma in più: Renzetti pensa positivo

Il pres Renzetti ha parlato del suo Lugano e della tematica legata al futuro Polo Sportivo e degli Eventi di Cornaredo.

Il patron bianconero: «È stato importante vincere a Sion e Vaduz, ma ora non possiamo sederci. Ardaiz? Ha l'istinto da attaccante puro».

LUGANO - Alti e bassi, qualche punto di troppo perso qua e là, ma anche tanto carattere e la forza di prendersi gli scalpi di Sion e Vaduz nei due delicati e ravvicinati scontri diretti. Il Lugano ammirato nell’ultimo mese e mezzo ha rallentato la sua corsa e incontrato delle difficoltà, ma poi, nei due momenti più caldi e cruciali - prima al Tourbillon, poi al Rheinpark - ha mostrato di che pasta è fatto piazzando due colpi esterni dall’enorme peso specifico. 

«Sono successi che ci hanno portato grande sollievo, ma bisogna sempre considerare il “momentum”», interviene Angelo Renzetti, presidente dei bianconeri. «In una stagione tutti vivono periodi anche complicati; a quel punto il mentale fa tanto. Lì bisogna essere bravi a limitare i danni e noi, bene o male, l’abbiamo fatto. In dieci giorni abbiamo giocato a Sion e Vaduz vincendo due volte 3-0. Nel mezzo la sconfitta con lo Zurigo, dove abbiamo visto tutti com’è andata. Adesso non possiamo sederci o mollare, ma possiamo pensare anche un po’ positivo. Certo il campionato è talmente equilibrato che non possiamo abbassare la guardia. Dal secondo posto in giù c’è una bagarre totale».

Le tre sberle che i bianconeri hanno rifilato al Sion sono costate la panchina a Grosso. Nelle ultime due uscite i vallesani sono stati guidati dal presidente Constantin in persona...
«Non mi piace guardare in casa d’altri. Dopo la sconfitta contro di noi c’era poco tempo per agire e Constantin è andata in panchina. Hanno vinto e poi hanno trovato subito un sostituto, che però è stato fermato da una quarantena preventiva legata al Covid. Non l'ho vista come una scena "da circo"».

Per il Lugano il prossimo ostacolo è il Basilea. La posta piena potrebbe dare grande slancio ai bianconeri.
«Tutte le partite possono dire molto. Se pensiamo ai punti persi in casa con Servette, Lucerna e Zurigo - per non parlare dell’1-1 col Vaduz - ci mangiamo le mani. È una cosa folle. Bastava fare il minimo sindacale per essere terzi o secondi».

Nel Principato si è sbloccato Joaquin Ardaiz, che sin qui - complice un po’ di sfortuna - aveva sempre mancato l’appuntamento con il gol.
«L’ho sempre detto, fin qui era stato anche un po’ sfortunato. Ora vediamo se queste due reti gli faranno fare un clic. In quel caso avremmo davvero tra le mani un’arma in più quasi letale. È sempre stato considerato un giovane di grande talento e quando tira fa male… Ha l’istinto da attaccante puro. Nel secondo gol a Vaduz lo si è visto benissimo, l’ha piazzata al volo di sinistro».

Vinte due sfide delicate in campo, ora resta caldo il fronte relativo alla realizzazione del futuro Polo Sportivo e degli Eventi di Cornaredo.
«Il 29 marzo la tematica verrà dibattuta in Consiglio comunale. Ci tengo a fare un plauso al Municipio di Lugano che è stato fermo nel portare avanti la votazione a fine mese. Poi, se come penso andrà bene, da quel momento il referendum sarà legittimo. Io onestamente non sono contro, perché in fondo è un atto democratico. È più democratico rispetto a tutte le speculazioni che sono state fatte fino adesso, che hanno avvelenato le parti. Sono tanti anni che ci lavoriamo e nessuno ha mai speculato. Ora, prima delle votazioni, tutti dicono la loro, anche chi non ha mai vissuto il progetto fino in fondo. Ribadisco questo concetto: in caso di referendum perderemmo un po’ di tempo - e in realtà ne abbiamo già perso tanto -, ma è un atto democratico che ci sta».

CALCIO: Risultati e classifiche

TiPress/archivio
Guarda le 4 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Diablo 2 mesi fa su tio
PRRRRRRRRRRRRRR PRONZINI
Tato50 2 mesi fa su tio
A volte però un certo abuso su questo tema esiste !
Topino 2 mesi fa su tio
Bravo Angelo, hai ragione su tutto, ti stimo tantissimo, e ti ringrazio per tutto quanto hai fatto e farai per il Lugano! Per i punti persi un vero peccato, ce ne mancano almeno 5, pazienza e guardiamo avanti.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-14 05:50:24 | 91.208.130.89