Cerca e trova immobili

TIZIANO GALEAZZILugano una mobilità che va aggiustata

25.01.24 - 13:17
Tiziano Galeazzi, Municipale di Lugano
Tiziano Galeazzi
Fonte Tiziano Galeazzi
Lugano una mobilità che va aggiustata
Tiziano Galeazzi, Municipale di Lugano

LUGANO - Il dibattito sulla mobilità urbana a Lugano è animato da anni. Da un lato, c'è una spinta politica verso la realizzazione di piste ciclabili, ispirate ai modelli di Zurigo e Amsterdam, con l'obiettivo di promuovere una mobilità più sostenibile e lenta, a scapito del traffico motorizzato. Tuttavia, l'introduzione di piste ciclabili e la rimozione di parcheggi, come avvenuto alcuni anni fa durante la pandemia, non sembra ridurre efficacemente il traffico, nella speranza che i cittadini optino per la bicicletta, sia di giorno che di notte, anche in inverno.

La strategia di mobilità lenta, pur lodevole nell'intento, trova difficoltà nell'applicazione pratica a Lugano, data la struttura della città e le problematiche emergenti nella mobilità quotidiana.

Il problema del traffico è evidente. Basta percorrere Via Zurigo in direzione della stazione negli orari serali post-lavorativi, o lungo il lago verso Paradiso la sera, o verso Lugano la mattina, per ritrovarsi in coda. La situazione peggiora se viene chiusa la galleria Vedeggio-Cassarate, causando il caos. Per non parlare dei cantieri (necessari ovviamente) lungo le varie vie cittadine che creano problemi al transito. 

Le principali arterie intasate in entrata e in uscita della città sono limitate a pochi punti e  I trasporti pubblici, nonostante gli sforzi, spesso restano anch'essi intrappolati nel traffico urbano creando ritardi pure loro.

Studi passati hanno evidenziato un fenomeno di traffico pendolare atipico, il "transito", che descrive il traffico di passaggio da nord a sud che devia dall'autostrada per attraversare la città, evitando le code sull'autostrada. Questo fenomeno contribuisce ai problemi di traffico, ma non ne è l'unica causa ne sono state riscontrate altre.

Questo tema va rivisto di nuovo. Le soluzioni future non dovrebbero puntare alla penalizzazione degli automobilisti, rimuovendo parcheggi. Piuttosto, si dovrebbe considerare una revisione del Piano Viario del Polo del Luganese (PVP) cittadino, una maggiore sensibilizzazione alla comunità, un incremento dell'offerta di trasporti pubblici (corse e orari), e una possibile revisione delle arterie stradali per creare "micro circonvallazioni cittadine interne". Un esempio è Via Ciani, già considerata in passato un'arteria di smistamento che andrebbe maggiormente presa in considerazione.

Purtroppo conosciamo la restrizione in cui dobbiamo operare ma è fondamentale poter trovare di nuovo delle soluzioni più fluide sin tanto che questo traffico persisterà. Vi sono si, progetti che verranno alla luce in futuro e un paio di esempi sono il Nuovo Quartiere di Cornaredo tanto quanto l'entrata in città del Tram-Treno, ma resta pur sempre musica del futuro.

Oggi siamo ingabbiati e quindi vanno trovate soluzioni, anche transitorie, rapide. 

Un coordinamento maggiore nei lavori stradali, segnaletiche efficaci e forse anche nuovi cambi di corsie (inversioni) e semafori più performanti, affinché si possano diluire meglio questi ingorghi. Non è escluso che si possano trovare nuovi accorgimenti, senza stravolgere la città ma renderla più fluida tra mobilità lenta e motorizzata  

Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Mitch 83 2 mesi fa su tio
Piste ciclabili... Si spendono milioni per costruirle ma poi i ciclisti preferiscono la strada ! Abito vicino ad una stupenda pista ciclabile nel Mendrisiotto e vi assicuro che weekend a parte non la utilizza nessuno,e durante le ore di punta i ciclisti te li trovi sulla strada.. Per quanto riguarda Lugano il problema è che il traffico è principalmente convogliato in 3 arterie 2 delle quali convogliano il traffico sul lungolago, difficile cambiare la situazione senza ampliare o costruire altre strade.

Granzio 2 mesi fa su tio
Il 31 gennaio alle 18.00, c/o Asilo Ciani Lugano, ci sarà una serata pubblica sul tema: Lugano e il suo traffico

Rosso Blu 2 mesi fa su tio
Va messa una tassa per chi circola in città solo così i mezzi pubblici potranno dare il massimo del servizio. 1 cantiere e non 3 sulle poche vie. Quando si tocca il portafoglio la gente si adatta velocemente. Lugano è un causs e i bla-bla-bla non fanno i fatti

Thinks 2 mesi fa su tio
Risposta a Rosso Blu
Un altro inventa tasse, come se già non ne paghiamo abbastanza... I servizi pubblici DEVONO essere "gratuiti" nelle città, come in altri paesi meno ricchi del nostro!

carlo56 2 mesi fa su tio
tanto bla bla. le cose descritte si sanno, mancano idee e soluzioni. di certo la bici per chi abita a Cadro, Castagnola, Sorengo, Massagno, ecc è anche questione di prestanza fisica, salute e mancanza di bagaglio, perciò l’auto non verrà scardinata. senza parlare del grosso del turismo. pianificare basandosi sull’Olanda a territorio compretamente piatto o Zurigo con il miglior servizio pubblico forse del mondo, ma in una realtà molto diversa, a me non pare sia stata una mossa molto saggia.
NOTIZIE PIÙ LETTE