tipress
L'OSPITE
25.06.2020 - 10:250

Prezzi e qualità del servizio delle FFS

Associazione per la difesa del servizio pubblico: Il presidente, Diego Scacchi; il segretario, Graziano Pestoni

Onorevole signora Presidente,
da diversi anni la sensibilità ambientale sta aumentando e ha subìto una forte accelerazione negli ultimi tempi. Ciò ha avuto importanti conseguente anche sul traffico ferroviario. Dal 2003 al 2018 il numero dei passeggeri è passato da 680'000 a 1,25 milioni. Solo il traffico merci, incomprensibilmente, è effettuato in gran parte ancora su gomma. La percentuale di merci trasportate su rotaia è addirittura diminuita.

La qualità del servizio in questi anni ha subito un forte deterioramento. Le FFS, ammirate grazie alla loro immagine per quasi cent’anni dal mondo intero, come quelle britanniche, sono ormai solo un ricordo. Ritardi, affollamenti, incidenti sono fatti quotidiani. La digitalizzazione, certamente utile e opportuna, mette sovente in difficoltà l’utenza, invece di esserne un supporto, per la sua eccessiva e rapida sostituzione dei servizi più tradizionali. La comunicazione nelle stazioni è carente, per la scarsa presenza di personale. La direttrice del Traffico Sud, in un recente dibattito televisivo, ha affermato che i ritardi sono dovuti nella misura del 45 % alla vicina Italia. Sono molti.

Ma ciò significa che più della metà dei ritardi in Ticino è imputabile alle FFS. Addirittura ci sono state economie sulla manutenzione. 512 porte difettate, pericolose, che hanno perfino provocato la morte di un ferroviere. Anche sui binari, da quanto ci è stato confermato da molti ferrovieri, si economizza sulla manutenzione. Qualche deragliamento è già avvenuto. Altri potrebbero succedere, se non si interviene rapidamente. Manca materiale rotabile e mancano macchinisti. Molte di queste disfunzioni avrebbero potuto essere evitate con una diversa direzione e una pianificazione più attenta.

A nostro giudizio, tuttavia, la maggiore responsabilità di questa situazione è imputabile alla politica. Da quando le FFS sono state trasformate in società anonima, esse sono gestite come un’azienda privata. L’obiettivo prioritario non è più la qualità del servizio all’utente, ormai diventato nel frattempo un cliente senza diritti, bensì i risultati finanziari. Anche i prezzi sono altissimi. E l’eccessivo costo non può essere risolto solo con l’adozione di promozioni per i momenti di debole traffico. Molti utenti non possono scegliere gli orari, soprattutto nei tragitti di media e lunga distanza.

La nostra Associazione è molto preoccupata per questa situazione. Ritiene pure che un miglioramento significativo della situazione non possa avvenire solo con una direzione più attenta. A nostro giudizio è necessario il ripristino del servizio pubblico quale priorità. Il ripristino delle ex Regie federali potrebbe essere una soluzione.

Ci auguriamo quindi che lei possa, in qualità di direttrice del DATEC, promuovere gli interventi idonei a porre rimedio a questa triste situazione. Un miglioramento della qualità del servizio e prezzi più ragionevoli.

La ringraziamo vivamente per un suo cortese riscontro e saremmo lieti, se i suoi impegni lo permettessero, poterla invitare a un nostro incontro. In attesa di un suo riscontro, onorevole signora Consigliera federale, la preghiamo di gradire i nostri distinti ossequi.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-04 15:20:41 | 91.208.130.87