ULTIME NOTIZIE People
AUSTRALIA
10 ore
Da Davesco a Brisbane, per diventare virale su TikTok
La strana storia di un ticinese finito sui media di mezzo mondo per un infelice incontro con un volatile arrabbiato
ITALIA
12 ore
Fedez compie 32 anni: il regalo da 20mila euro della Ferragni
L’imprenditrice non ha badato a spese per il compleanno del marito caduto lo scorso 15 ottobre
REGNO UNITO
14 ore
Il padre di Meghan: «Fatemi vedere i miei nipotini»
Sebbene voglia riconciliarsi, Thomas Markle ha nuovamente accusato i Duchi di Sussex: «Pensano solo ai soldi»
STATI UNITI
19 ore
Addio Kanye West, d'ora in poi chiamatelo Ye
Niente più nome e cognome per il celebre rapper che da lunedì sul certificato di nascita ha solo una sillaba
Foto e Video
Lugano
21 ore
Una ticinese vola da Netflix ed è la regista di una serie tv e di un film
Una romantic comedy e il dramma di un'amicizia sono i progetti a cui la regista ha lavorato negli ultimi anni
ITALIA
1 gior
La Tatangelo: «D’Alessio di nuovo padre? Lo abbiamo saputo dai giornali»
La cantante ha raccontato come lei e il figlio Andrea hanno avuto la notizia 
STATI UNITI
1 gior
Kourtney Kardashian e Travis Barker si sono fidanzati
Anello da un milione di carati (e pietrona) per la coppia numero uno dei tabloid americani di questo 2021
ITALIA
1 gior
Francesco Facchinetti: «Aggredito senza motivo da Conor McGregor»
Il presentatore ha mostrato il labbro tumefatto causatogli dal lottatore MMA. Le conferma da altri Vip
FOTO E VIDEO
STREAMING
1 gior
Così “The Closer” ha generato la tempesta perfetta
Lo special comico di Dave Chappelle, tacciato di omofobia e transfobia, ha scosso i social e anche Netflix, ecco come
STATI UNITI
2 gior
Ryan Reynolds si prende un periodo di pausa dai film
L'attore 44enne lo ha annunciato su Instagram, ma senza precisare quanto potrebbe durare
MUSICA / STORIA
30.07.2009 - 12:500
Aggiornamento : 24.11.2014 - 23:09

Quando la Stasi temeva Michael Jackson e Bruce Springsteen cantava a Berlino Est

La Stasi temeva che il concerto del 1988 a Berlino Ovest potesse creare disordini nella capitale della Repubblica Democratica Tedesca, mentre a Berlino Est, sempre nell'estate del 1988, salì sul palco Bruce Springsteen davanti a 160mila cittadini della DDR

BERLINO - La Stasi aprì un dossier su un concerto tenuto a Berlino ovest da Michael Jackson nel 1988. La polizia segreta del regime dell'allora Germania orientale, rivela oggi un giornale tedesco, si occupò dell'esibizione perché questa avvenne proprio a ridosso del Muro e temeva che avrebbe potuto fomentare incidenti a Berlino est.

Timore di scontri a Berlino Est - Il re del pop scomparso un mese fa si esibì il 19 giugno 1988, meno di un anno e mezzo prima che il Muro cadesse. Il concerto si tenne dietro la Porta di Brandeburgo, per pochi metri nella parte ovest della Berlino divisa e la Stasi - rivela ora la Bild citando documenti - temeva "uno scontro" tra la polizia e giovani attratti dalla musica ben udibile anche ad est.

Il piano della Stasi - Il "Ministero per sicurezza di Stato", la principale organizzazione di sicurezza e spionaggio della Ddr detta anche "Stasi", secondo il quotidiano pensò anche alla possibilità di allontanare i giovani dalla Porta di Brandeburgo, attirandoli in uno stadio più ad est dove sarebbe stato proiettato il concerto su grandi schermi: il piano, non realizzato, era quello di una ritrasmissione ritardata di due minuti che avrebbe consentito di inserire brani registrati di altre esibizioni qualora Jackson si fosse abbandonato a "provocazioni politiche" come riferimenti alla libertà negata nella Ddr

Il Boss a Berlino Est - A Berlino Est invece, sempre nel 1988, si esibì un mese dopo il concerto di Michael Jackson, esattamente il 19 luglio, il cantante americano Bruce Springsteen. L'evento fu organizzato dalla Libera Gioventù Tedesca, che intendeva manifestare la solidarietà della DDR nei confronti del Nicaragua, paese del Centro America che subiva l'opera destabilizzante degli Stati Uniti. "E' bello essere a Berlino Est - disse in un tedesco stentato il Boss davanti a 160mila cittadini della DDR - Io non sono né a favore, né contro qualsiasi governo, sono venuto qui per suonare per voi del rock'n roll, nella speranza che, un giorno, tutte le barriere vengano abbattute". Springsteen utilizzò la parola barriere, anziché muro.

La FDJ - La Libera Gioventù Tedesca, la Freie Deutsche Jugend, organizzazione giovanile di massa (proibita nella Repubblica Federale Tedesca poiché considerata nemica dello Stato), cercava di portare avanti una politica di avvicinamento e di apertura al genere musicale proveniente da occidente, considerato degenerato dal regime, ma molto apprezzato dal popolo. In Germania Orientale esistevano, comunque, gruppi musicali anarchici e punk che, con le loro canzoni, criticavano la politica del Governo, allora diretto da Erich Honecker.

Born in the GDR - Un esempio su tutti è rappresentato dai Sandow, gruppo della Germania Orientale che, alla "Born in The USA", rispose con la canzone intitolata "Born in the GDR" (Nato nella Repubblica Democratica Tedesca"). Un testo naturalmente che ridicolizza lo "yankee" arrivato da Oltre oceano e gli spettatori di quel concerto che sognavano l'America e l'Occidente, ma che, allo stesso tempo, critica il regime, ancora troppo conservatore, per avere invitato una star del rock occidentale con lo scopo di tenere mansueto un popolo, quello della DDR, che chiedeva, invece, una nuova forma di socialismo. L'assurdo è che i 160mila poterono comprare e cantare "Born in the USA", mentre la canzone dei Sandow fu proibita, così come la sua vendita.

ats / p.d'a.

In allegato il video della canzone dei Sandow, "Born in the GDR".

Foto d'apertura: Keystone / Ap Michael A. Mariant


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-20 03:56:47 | 91.208.130.85