Cerca e trova immobili

EUROPAUe, un Green Deal da 620 miliardi all'anno

06.07.23 - 17:23
I costi del piano ambientale per il futuro dell'Europa.
Deposit
Fonte ATS ANS
Ue, un Green Deal da 620 miliardi all'anno
I costi del piano ambientale per il futuro dell'Europa.

BRUXELLES - «Saranno necessari investimenti aggiuntivi per oltre 620 miliardi di euro all'anno per raggiungere gli obiettivi del Green Deal e di RepowerEU». L'Ue è già pronta a spendere 578 miliardi di euro - almeno il 30% del suo bilancio - per azioni rilevanti per il clima nel periodo 2021-2027. È quanto prevede la Commissione europea nel suo Strategic Foresight Report del 2023 in cui sono individuate le sfide future dell'Europa.

«Colmare il divario di investimenti per la transizione digitale costerà almeno 125 miliardi di euro all'anno», si legge ancora nel rapporto della Commissione.

Quest'ultimo individua dieci aree strategiche per il futuro dell'Europa: garantire un nuovo contratto sociale europeo con politiche di welfare rinnovate e un'attenzione particolare ai servizi sociali di alta qualità; approfondire il mercato unico per promuovere un'economia resiliente a zero emissioni, con particolare attenzione all'autonomia strategica aperta e alla sicurezza economica; potenziare l'offerta dell'Ue sulla scena mondiale per rafforzare la cooperazione con i partner principali; sostenere il passaggio della produzione e del consumo alla sostenibilità, puntando sulla regolamentazione e promuovendo stili di vita equilibrati; passare a un'"Europa degli investimenti" attraverso un'azione pubblica che catalizzi i flussi finanziari per le transizione; rendere i bilanci pubblici adatti alla sostenibilità attraverso un quadro fiscale e una spesa pubblica efficienti; postare ulteriormente gli indicatori politici ed economici verso un benessere sostenibile e inclusivo, anche adeguando il Pil a diversi fattori; garantire che tutti gli europei possano contribuire alla transizione aumentando la partecipazione al mercato del lavoro e concentrandosi sulle competenze future; rafforzare la democrazia, ponendo l'equità generazionale al centro delle politiche, per rafforzare il sostegno alle transizioni; integrare la protezione civile con la "prevenzione civile", rafforzando gli strumenti di preparazione e risposta dell'Ue.

Nel rapporto, presentato alla stampa dal vicepresidente della Commissione europea Maros Sefcovic, si pone l'accento anche su un cambio di paradigma nel calcolo del Pil. «Per dotare i responsabili politici di indicatori economici che tengano conto anche del benessere, si propone di adeguare il Prodotto interno lordo per tenere conto di diversi fattori, come la salute e l'ambiente», si legge nel testo.

COMMENTI
 

Peter Parker 7 mesi fa su tio
Sostituire la parola „deal“ con „business“.
NOTIZIE PIÙ LETTE