Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch (FABIO FRUSTACI)
Governo in Italia, giornata incentrata sui temi del programma comune.
ITALIA
01.02.2021 - 10:500

Governo, Fico prova a sciogliere i nodi sul programma

Se si trovasse un'intesa sarebbe più facile trovare intese sul nome del premier e dei ministri

Fonte Ats Ans / Cristina Ferrulli
elaborata da Fabio Caironi
Giornalista

ROMA - Giornata all'insegna del programma per il presidente della Camera Roberto Fico, chiamato dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella a capire se ci sono le condizioni per un Conte ter.

Nella sala della Lupa intorno a un enorme tavolo che garantisce il distanziamento anti-Covid, sono riuniti, insieme a Fico, i capigruppo M5S Davide Crippa ed Ettore Licheri, quelli del Pd Graziano Delrio e Andrea Marcucci, per Iv i capigruppo Maria Elena Boschi e Davide Faraone, per Liberi e Uguali Federico Fornaro e Loredana De Petris, per 'Europeisti-MAIE-Centro Democratico' i senatori Raffaele Fantetti e Maurizio Buccarella, per il Gruppo parlamentare 'Per le Autonomie del Senato' Albert Laniece e Gianclaudio Bressa, per CD-Maie Bruno Tabacci ed Antonio Tasso.

Nel corso della giornata i partecipanti potrebbero anche cambiare in base ai temi trattati. Con l'apertura del tavolo tecnico, "l'esploratore" Roberto Fico cercherà di sciogliere i nodi programmatici che dividono la maggioranza di governo e di facilitare la strada per il Conte ter.

Non si faranno nomi ma sono molti i temi che dividono i partiti della maggioranza del fu Conte bis: dalla prescrizione alle infrastrutture, dalla legge elettorale alle risorse per la Sanità. Nodi come il Mes (Meccanismo europeo di stabilità, detto anche Fondo salva-Stati) o il reddito di cittadinanza, ad esempio, se fossero posti sul tavolo, rischiano di essere pietre tombali sull'intesa.

Se invece i partiti di maggioranza ne uscissero con un «documento scritto», come chiede Matteo Renzi, o con un «programma di legislatura», come preferisce chiamarlo il Pd, sarebbe più facile ricucire anche sul nome del premier e sulla squadra di governo. I nomi saranno infatti al centro delle consultazioni di domani e poi Fico è atteso al Quirinale per riferire al Capo dello Stato.

Sembra convinto di un fallimento Matteo Salvini. «Penso che non troveranno un accordo. Noi contiamo che il presidente Mattarella senta che cosa pensa il Paese, e quindi piuttosto che i pastrocchi e i ricatti tra Conte, Renzi e Di Maio, restituisca la parola agli italiani», afferma il leader della Lega.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-20 18:50:19 | 91.208.130.87