keystone-sda.ch (Mauro Scrobogna)
Approvata la mozione per la proroga dello stato di emergenza fino al 15 ottobre.
ITALIA
28.07.2020 - 21:050
Aggiornamento : 23:39

Stato di emergenza fino al 15 ottobre, il Senato approva

«La proroga è inevitabile» aveva dichiarato in aula il premier Giuseppe Conte

ROMA - Il Senato italiano ha approvato questa sera la mozione della maggioranza che proroga lo stato di emergenza fino al 15 ottobre con 157 "sì". Questo termine dovrebbe rappresentare la data di scadenza dell'emergenza legata al Covid-19 in Italia.

Il Senato ha approvato la risoluzione con 157 voti a favore, 125 contrari e 3 astenuti. Alla fine si è trattato di un compromesso tra la linea più dura, che propendeva per la proroga al 31 ottobre e chi, anche in maggioranza, avrebbe preferito fissarne la fine al 30 settembre.

Tale proroga non è «una torsione autoritaria», ma una misura «legittima e inevitabile perché il virus continua a circolare», ha detto oggi il premier italiano Giuseppe Conte, dopo che nel pomeriggio aveva sostenuto questa misura, dicendosi favorevole alla risoluzione della maggioranza e non a quella dell'opposizione.

Il centrodestra, con Lega, Forza Italia e Fratelli d'Italia, si è opposto, con il leader leghista Matteo Salvini che nel pomeriggio ha chiamato il capo dello Stato italiano Sergio Mattarella per manifestare il suo «sconcerto» e la sua preoccupazione.

«La proroga è inevitabile» sulle basi «di valutazioni squisitamente, vorrei dire meramente tecniche», aveva aggiunto il premier italiano. Il Comitato tecnico scientifico (Cts) ha segnalato che «sebbene la curva di contagi e l'impatto sul Ssn si siano notevolmente ridotti, ed è un dato che ci rinfranca, i numeri registrati dicono che il virus continua a circolare nel Paese. E la situazione internazionale resta preoccupante e ciò che accade nei Paesi a noi vicini ci impone un'attenta vigilanza», aveva indicato.

«Con la proroga dello stato di emergenza continueremo a mantenere in efficienza quel sistema di misure che rendono il nostro Paese più sicuro a beneficio degli italiani ma anche degli stranieri che vogliano visitare il Paese. La scelta di prorogare lo stato di emergenza non può ritenersi lesiva della nostra immagine all'estero. Non vi è affatto questo rischio, anzi, è vero il contrario. L'Italia è vista da tutti come un Paese sicuro proprio grazie al sistema di monitoraggio e precauzione» messo in campo, aveva poi sostenuto Conte.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-05 10:42:44 | 91.208.130.89