Archivio Keystone
CINA
23.10.2020 - 08:190
Aggiornamento : 09:40

Huawei: risultati in calo, ma come previsto

La rete di fornitura globale è sottoposta a forti pressioni a causa della pandemia

La compagnia intende inoltre espandersi in Svizzera

PECHINO - Huawei sconta la «forte pressione» sui conti nei primi nove mesi del 2020 causata sia dall'effetto del Covid-19 sia dal blocco Usa all'accesso di componenti vitali per la sua produzione: i ricavi si sono attestati a quota 671,3 miliardi di yuan (101 miliardi di dollari), in rialzo annuo del 9,9%, più che dimezzando il 24,4% dello stesso periodo del 2019.

I margini sui profitti sono stati pari all'8% contro l'8,7%. Nei primi nove mesi, si legge in una nota, Huawei ha affermato che i risultati hanno «sostanzialmente incontrato le aspettative».

La crescita dei ricavi di Huawei è rallentata bruscamente nel terzo trimestre a 217,3 miliardi di yuan (32 miliardi di dollari), in rialzo annuo del 3,7%. Le sanzioni americane stanno chiaramente danneggiando il gruppo di Shenzhen che l'anno scorso è finito nella 'lista nera' dell'export Usa per i timori sulla sicurezza dato che Huawei è stata accusata di essere al servizio - sempre negato - di Pechino nelle attività si spionaggio. L'azienda è stata fondata nel 1987 dall'ex ingegnere dell'Esercito popolare di liberazione Ren Zhengfei.

A seguito del bando, Google ha tagliato i rapporti con Huawei, i cui smartphone non possono più utilizzare il software del sistema operativo mobile Android con licenza. Di conseguenza, le vendite all'estero hanno accusato il colpo, mentre quelle domestiche hanno avuto un'impennata.

La compagnia, questa volta, non ha rilasciato la ripartizione dei ricavi per business. All'inizio dell'anno, Huawei ha affermato che la sua attività di consumo, che include gli smartphone, è stata responsabile di quasi tutti i 12 miliardi in meno di entrate registrato nel 2019 rispetto a i propri obiettivi. «Mentre il mondo è alle prese con il Covid-19, la rete della fornitura globale di Huawei è stata sottoposta a forti pressioni e la sua produzione e le sue operazioni hanno visto crescenti difficoltà», ha ammesso la società nella nota, assicurando «che avrebbe fatto del suo meglio per trovare soluzioni, sopravvivere e andare avanti, e adempiere ai propri obblighi nei confronti di clienti e fornitori».

A inizio anno, poi, Washington ha imposto ulteriori sanzioni per colpire le forniture di semiconduttori dal suo principale fornitore, la taiwanese TSMC, che da metà settembre ha smesso di prendere nuovi ordini. Una mossa che potrebbe paralizzare il business degli smartphone, in assenza di valide opzioni per aggirare l'ostacolo.

Verso l'espansione in Svizzera - Il gigante cinese intende espandersi fortemente in Svizzera. Entro la fine del prossimo anno l'organico sarà quasi raddoppiato, passando dagli attuali 300 a 550 dipendenti.

Il gruppo vuole assumere altri 190 ricercatori e sviluppatori entro la fine del 2021, ha dichiarato il Ceo di Huawei Svizzera, Haitao Wang, in un'intervista pubblicata oggi dalla testata economica L'Agefi. L'obiettivo, ha precisato, è dividere il lavoro tra le sedi di Dübendorf (ZH) e Saint-Sulpice (VD).«Vogliamo praticamente raddoppiare la nostra forza lavoro», ha rilevato Wang.

In Svizzera, Huawei è cresciuta nonostante la pandemia. Nel segmento dei clienti commerciali, nel primo semestre dell'anno si è registrata una crescita di oltre il 40%. I clienti privati, invece, sono leggermente calati perché Huawei ha perso la licenza per Google sui suoi cellulari. Nel 2018 l'azienda cinese aveva raggiunto una quota di mercato del 13% nella telefonia mobile in Svizzera.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-12-01 19:16:45 | 91.208.130.86