Depositphotos (archivio)
MONDO
13.10.2020 - 13:320

La crittografia «spinta» non piace a Londra e Washington

Assieme ad altri cinque paesi, chiedono alle aziende tecnologiche di predisporre nelle app "backdoor" per le autorità

WASHINGTON / LONDRA - Stati Uniti e Regno Unito sono tra i sette Paesi che hanno firmato una nuova dichiarazione di allarme sui rischi derivanti dalla crittografia più "spinta", che tiene smartphone e chat al sicuro da occhi indiscreti impedendo però l'accesso anche ad agenzie governative e a forze di polizia.

La dichiarazione - promossa anche da Australia, Canada, Nuova Zelanda, India e Giappone - torna a chiedere alle aziende tecnologiche di collaborare con i governi e, in sostanza, di predisporre "backdoor", cioè porte sul retro, che permettano alle autorità di accedere a software e dispositivi in caso di necessità.

«Sosteniamo una crittografia avanzata, che svolge un ruolo cruciale nella protezione dei dati personali, della sfera privata, della proprietà intellettuale, dei segreti commerciali e della sicurezza informatica», è l'incipit della dichiarazione, dove si evidenzia l'importanza della crittografia anche per proteggere giornalisti e difensori dei diritti umani nei Paesi repressivi.

Tuttavia determinati utilizzi della crittografia «pongono sfide significative alla sicurezza pubblica», ad esempio quella dei «bambini sfruttati sessualmente», evidenziano i firmatari. Per questo «esortiamo l'industria a rispondere alle nostre serie preoccupazioni laddove la crittografia viene applicata in un modo che preclude qualsiasi accesso legale ai contenuti».

La richiesta, firmata per gli Usa dal procuratore generale William Barr, è l'ultimo atto di una battaglia che da anni vede su fronti contrapposti le aziende tecnologiche e le autorità nazionali. Uno degli scontri più emblematici è quello del 2016 tra Apple e la polizia federale statunitense Fbi per lo sblocco dell'iPhone di uno dei responsabili della strage di San Bernardino.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Don Quijote 1 sett fa su tio
Beh, dalla porta sul retro potrebbe entrare chiunque, allora tanto vale mettere in copia le autorità, comunque quelli bravi una porta la trovano sempre.
albertolupo 1 sett fa su tio
Meglio un po’ di rischio in più che sapere che ogni commissario troppo zelante possa ficcare il naso nei nostri affari. Si fa in fretta a diventare “sospetti” agli occhi di chi ci guarda con lenti distorte.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-21 21:48:23 | 91.208.130.85