CINA
31.07.2014 - 07:450
Aggiornamento : 25.11.2014 - 02:25

Xinjiang, assassinato imam filogovernativo

L'uomo è stato accoltellato a morte

PECHINO - L'imam della principale moschea di Kashgar, nella Regione autonoma cinese del Xinjiang, è stato assassinato oggi a colpi di coltello. Lo riferisce Radio Free Asia (Rfa), citando testimoni oculari.

 

L'imam, che si chiamava Jume Tahir, era "una persona religiosa e patriottica", secondo un funzionario locale. Il termine "patriottico" indica che era un sostenitore del governo cinese.

 

Tahir aveva più volte condannato le proteste anti-cinesi dei giovani locali appartenenti all'etnia minoritaria degli uighuri. Pochi giorni fa, riferisce sempre Rfa, un funzionario di polizia è stato gravemente ferito e la moglie uccisa nella vicina Hotan.

 

Il funzionario, Rejep Islam, aveva guidato pochi giorni prima un'incursione di agenti in una moschea e in quartiere di Hotan, durante la quale un residente era stato ucciso dagli agenti.

 

Lunedì scorso "dozzine" di persone sono morte in un altro piccolo centro della regione, Yarakand, quando la polizia è intervenuta contro una manifestazione di uighuri - la locale popolazione turcofona e musulmana - contro le restrizioni imposte dalle autorità cinesi alle celebrazioni del Ramadan, il mese islamico del digiuno.

 

Ats Ans


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-31 21:44:18 | 91.208.130.89