Cerca e trova immobili

MEDITERRANEODoppia tragedia della migrazione: oltre 70 tra morti e dispersi

17.06.24 - 19:42
«Ogni naufragio rappresenta un fallimento collettivo» denunciano Unhcr, Oim e Unicef
keystone-sda.ch (GELMERT FINOL)
Immagine di archivio.
Immagine di archivio.
Fonte Ats Ans
Doppia tragedia della migrazione: oltre 70 tra morti e dispersi
«Ogni naufragio rappresenta un fallimento collettivo» denunciano Unhcr, Oim e Unicef

LAMPEDUSA - Doppia tragedia della migrazione nel Mediterraneo piatto che favorisce le partenze delle carrette del mare. Ad un centinaio di miglia dalle coste calabresi, una barca a vela si rovescia e 66 passeggeri risultano dispersi. Tra loro almeno 26 bambini, raccontano i sopravvissuti. A sud di Lampedusa un'altra barca viene soccorsa da una nave umanitaria: troppo tardi per 10 persone trovate morte nel ponte inferiore allagato. Le nuove stragi all'indomani del G7 di Borgo Egnazia che ha lanciato una coalizione «per prevenire e contrastare il traffico di migranti». Unhcr, Oim e Unicef contano oltre 800 tra morti e dispersi quest'anno nel Mediterraneo centrale, una media di 5 al giorno e chiedono un potenziamento dei soccorsi.

È stata una nave francese nella notte a lanciare un 'may-day' dopo aver recuperato 12 persone che si trovavano su un veliero semiaffondato a circa 120 miglia dalle coste italiane, al limite delle aree Sar di competenza della Grecia e dell'Italia. La Guardia costiera italiana ha raccolto l'allarme e inviato sul posto un aereo e due motovedette, una delle quali ha preso a bordo i superstiti e li ha portati a Roccella Ionica. Una donna è morta durante le operazioni. Secondo i sopravvissuti, che riferiscono di 66 dispersi, il motore dell'imbarcazione, partita otto giorni prima dalla Turchia, si sarebbe incendiato, facendo rovesciare lo scafo. Iran, Siria e Iraq i Paesi di provenienza. Le ricerche in zona sono in corso con assetti della Guardia costiera e di Frontex. Un team di Medici senza frontiere sta offrendo assistenza psicologica ai migranti sbarcati. «La scena - raccontano - era straziante, davanti a noi persone traumatizzate, il dolore si toccava con mano». La procura di Locri sta coordinando l'attività investigativa.

In mattinata il secondo episodio, che ha riguardato un barchino di legno 8 metri partito dalla Libia e trovatosi in difficoltà in acque maltesi dopo essersi allagato. La Nadir della ong ResQship è intervenuta in soccorso, ma 10 persone sono soffocate nel piano inferiore stipato. Per liberare due dei naufraghi, rimasti privi di sensi, i soccorritori hanno demolito parte del ponte a colpi di ascia. Alla fine in 54 sono stati recuperati dalla Nadir e portati poi a Lampedusa dalla Guardia costiera. I corpi sono rimasti sul barchino che la nave umanitaria ha trainato sull'isola Pelagia in tarda serata. I migranti - originari di Bangladesh, Pakistan, Egitto e Siria - hanno pagato circa 3500 dollari per mettersi in viaggio.

Secondo Unhcr, Oim e Unicef «questi ennesimi incidenti generano un senso di profonda frustrazione per i ripetuti appelli inascoltati a potenziare risorse e capacità per le operazioni di ricerca e soccorso in mare a supporto della Guardia costiera italiana. Ogni naufragio rappresenta un fallimento collettivo, un segno tangibile dell'incapacità degli Stati di proteggere le persone più vulnerabili». Anche Save the Children rinnova «l'invito alle istituzioni italiane ed europee a un'assunzione di responsabilità affinché mettano al primo posto la vita delle persone in ogni decisione sulle politiche migratorie».

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE