Cerca e trova immobili

ITALIAUcciso Bambotto, il cervo "di casa" adottato da un paese intero

22.10.23 - 18:05
Lo hanno annunciato sui social gli abitanti di Pecol (Belluno), dove lo splendido esemplare era cresciuto.
Foto Facebook
Ucciso Bambotto, il cervo "di casa" adottato da un paese intero
Lo hanno annunciato sui social gli abitanti di Pecol (Belluno), dove lo splendido esemplare era cresciuto.

BELLUNO - Ucciso Bambotto, il cervo adottato da un'intera comunità a Pecol (Belluno), frazione del comune di San Tomaso Agordino che si trova a circa 1000 metri di quota.

«Era nato 7 anni fa a Pecol (Belluno) ed era stato adottato da tutta la popolazione del paese - spiega sui social la politica e attivista italiana, Michela Brambilla - Viveva sereno insieme a loro, finché un cacciatore senza cuore di 23 anni lo ha ammazzato per divertimento». 

La notizia sta facendo il giro dei social. Lo sdegno è tanto perché il cervo era amato dai bimbi e non aveva paura dell'uomo, tanto da fare visita nelle case della piccola frazione. 

Ad annunciare per prima quanto accaduto a Bambotto è stata un'abitante del piccolo centro del Bellunese: «La sua mamma Minerva lo aveva portato sullo zerbino di Giorgio, affidandolo a noi abitanti e fidandosi come aveva fatto lei per tutta la sua vita. Da allora è diventato il nostro amatissimo cervo. Era bellissimo e maestoso e credo che siano davvero pochi quelli che non lo conoscano».

E ancora, «lo potevi incrociare per strada mentre raggiungeva tutte le frazioni limitrofe e si fermava a mangiare ovunque da chi lo amava come noi. Spesso mi entrava in casa e poi era un'impresa farlo uscire perché i suoi palchi erano immensi. Ho trascorso anni stupendi e mi teneva tanta compagnia perché se decideva di restare si addormentava su per le scale o davanti alla porta di ingresso, mi seguiva ovunque docilmente».

Putroppo il grande cervo non c'è più, «abbattuto da un cacciatore».

Sulla vicenda, come riporta un'agenzia AdKronos, è intervenuto anche il consigliere regionale del Pd in Veneto Andrea Zanoni. Il politico ha spiegato che il cervo «è stato ucciso da un cacciatore di 23 anni a norma di legge». Aggiungendo poi però che «la legge attuale sulla caccia e il calendario venatorio della Regione del Veneto hanno consentito a questo ragazzino di uccidere un animale amico degli abitanti».

E ancora, «invito chi ama gli animali e la natura a farsi parte attiva per la loro tutela».

Ultimo aggiornamento.
Secondo un'agenzia Ats/Ans di lunedì 23 ottobre, «alcuni cacciatori avrebbero dichiarato di averlo ucciso dopo aver ricevuto segnalazioni, negli ultimi tempi, di una sua presunta aggressività».

Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Spartan555 5 mesi fa su tio
I commenti qui sotto fanno tenerezza, specialmente quelli del conte Tacchia, grande aristocratico Oxfordiano di Tio. Morale della favola: cacciatore abbatte cervo legalmente. Tutto qua.

Evry 5 mesi fa su tio
Risposta a Spartan555
D'accordo ma uccidere un Cervo cosi non è certamente un agire da cacciatore che rispetta i valori venatori ma di un pivello con scarpe di vernice !!!

Keope1963 5 mesi fa su tio
Risposta a Evry
Esatto, tutto quello che ho scritto andava in quel senso.. da quello che ho capito leggendo articoli di giornali locali, il giovane cacciatore ha volutamente fatto un dispetto alla comunità della quale faceva parte. Altro che caccia..

Keope1963 5 mesi fa su tio
Ho letto il corriere del Veneto e li ho trovato che si tratta di un gesto premeditato di chi voleva abbattere proprio questo esemplare e non un cervo a caso. Il giovane cacciatore era un membro della comunità, la sua sensibilità ed empatia per gli abitanti del luogo e amanti della loro mascotte pari a zero.

Keope1963 5 mesi fa su tio
A volte un po’ di sensibilità in più non guasterebbe. Nel caso di questa comunità possiamo pensare a quante persone, soprattutto bambini, avevano “adottato” questo cervo. Non tutti gli animali della stessa specie si comportano allo stesso modo, alcuni sono molto più schivi di altri. Il cibo non è sempre l’unico motivo che spinge un animale selvatico ad avvicinarsi all’uomo. Il cacciatore ha agito forse nella legalità (bisogna vedere se ha rispettato tutti i parametri di abbattimento compreso le distanze da strade, insediamenti umani ecc ecc). Poteva scegliere di andare a caccia più lontano e cacciare una preda meno facile lasciando alla comunità il piacere di avere il loro cervo “urbano”. La regola di non dare cibo agli animali selvatici è dettata dal buonsenso e nella maggior parte dei casi si rivela corretta, non mi sembra di aver letto però che nel paesino ci siano branchi di cervi che mendicano cibo assillando la popolazione. Dunque mi rifaccio a quanto scritto all’inizio, non tutti gli animali della stessa specie hanno un comportamento uguale nella stessa situazione.

W.Bernasconi 5 mesi fa su tio
Risposta a Keope1963
Mi dica, come mai ultimamente siamo sempre d’accordo? Hehe. Bello il suo commento, con logica, sensibilità e soprattutto buonsenso!

Peter Parker 5 mesi fa su tio
Risposta a Keope1963
K. Perché supponi che il cacciatore non fosse già lontano da quel paesello? Si legge che è stato ucciso a 1000m di quota. Il Paese di Pecol è a 1400m (l’ho letto su Wikipedia, fonte imbattibile per sostenere argomentazioni su Tio). Il cervo non era tenuto in un recinto. Non mi sembra che nessuna info dica che questo cacciatore abbia sparato dentro o vicino al paesello, magari mentre il cervo socializzava. Stiamo ai fatti. Un cervo, in una zona di caccia, durante la stagione di caccia….e’ stato ucciso, da un cacciatore, con patente, e fino a prova contraria in modo legale (e magari questo cacciatore di Bambotto non sapeva nulla). Il buonsenso lo si può anche richiedere dagli abitanti del paesello, che hanno socializzato con un animale selvatico, non protetto, non recintato. Purtroppo per loro, qualcuno ha definito quella zona come aperta per la caccia. Perché nessuno ha protetto il cervo tanto amato e con tanti piccoli fans? Che cosa ci si aspettava? Drammatizzare ed umanizzare ora questa uccisione mi sembra molto fuori luogo.

Keope1963 5 mesi fa su tio
Risposta a Peter Parker
Caro Peter Parker, non mi pare proprio di aver umanizzato e drammatizzato questa storia. Dal momento che hai verificato la conformazione topografica dei luoghi, ti sarai sicuramente accorto della ripidità della zona. 400 metri di dislivello in quell’area può non essere molta strada, posso immaginare che l’abbattimento sia avvenuto in modo legale anche tenendo conto di tutte le distanze di legge, la certezza non c’è ma possiamo fidarci del buon cacciatore che in teoria dovrebbe conoscere il luogo (cascine e quant’altro) e le regole. Partendo dal presupposto che legalmente non ci siano infrazioni, io ho unicamente affrontato il lato emotivo che a volte anche certi esseri umani riescono ad avere. L’interazione tra esseri umani ed animali selvatici è nella maggior parte dei casi problematica per la salute stessa dell’animale, soprattutto quando si tratta di predatori che rischiano di perdere l’istinto alla caccia. Il cervo è molto più facile in questo senso e lo dimostra il lungo periodo di convivenza/adozione da parte del villaggio. Ripeto che a mio modo di vedere il cacciatore poteva cercare un bersaglio meno comodo, conosco cacciatori / escursionisti che camminano ore e restano appostati giorni interi per essere certi di colpire l’animale, senza sbagliare bersaglio ( femmine gravide ecc ecc ). Poi ci sono i cacciatori da baita che fumano e bevono e sparano in pantofole agli animali che passano davanti alla veranda. Ora posso immaginare che il cacciatore abbia agito correttamente e forse nemmeno sapeva che si trattasse di Bambotto. In caso contrario avrà comunque agito legalmente dimostrando di infischiarsene della sensibilità degli esseri umani che lo avevano adottato. Anche questo è un suo diritto, è legale… buona giornata

Dred 5 mesi fa su tio
Risposta a Peter Parker
Peter, in realtà ci sono 2 Pecol nel Bellunese a circa 10 km di distanza. Quello del cervo si trova a quota 1100 metri.

Peter Parker 5 mesi fa su tio
Risposta a Dred
Dred. Ok.

Peter Parker 5 mesi fa su tio
Risposta a Keope1963
Caro Keope, penso che l’uccisione fosse inevitabile e solo questione di tempo, dato che si parla di un animale selvatico non protetto in zona di caccia. Preferisco stare ai (pochi) fatti, quindi non si può dedurre se questo cacciatore abbia sparato seduto su un divano, magari con la bava alla bocca, fregandosene a chi stesse sparando. Questo articolo (su un fatto che non sussiste), ha mostrato quanto si può essere intransigenti e prevenuti su un tema, la caccia, che ogni anno balza agli onori. Non difendo i cacciatori, non vi è motivo in quanto loro hanno la legge dalla loro parte. Che si cambi la legge. Non so che altro dire. Manco si avesse ucciso l’ unicorno color arcobaleno, in una riserva naturale, di fronte ad una scolaresca, di rifugiati…. Buona giornata.

Keope1963 5 mesi fa su tio
Risposta a Peter Parker
Non mi sembra di essermi espresso in modo intransigente. Unicamente ritengo che, se possibile, avrei evitato di colpire un animale che era entrato nel cuore di una comunità intera. Restiamo nel dubbio che il cacciatore nemmeno sapesse che esemplare stesse abbattendo, altrimenti effettivamente avrebbe potuto dimostrarsi più sensibile.. tutto qui.

Peter Parker 5 mesi fa su tio
Risposta a Keope1963
K. Si, credo che per il momento non si può presupporre niente di più.

Keope1963 5 mesi fa su tio
Risposta a Peter Parker
Ho scritto sopra quello che ho trovato in più…

Peter Parker 5 mesi fa su tio
Risposta a Keope1963
K. Ho letto. E per mantenere il livello di civiltà dei nostri tempi, ora quel cacciatore (insensibile quanto si vuole) sta subendo un linciaggio nazionale e minacce dirette, come non se ne leggono neanche per il peggiore dei camorristi o mafiosi. E questo senza neanche aver compiuto un azione illegale….. Questo è il Mondo….di che stupirsi?

Keope1963 5 mesi fa su tio
Risposta a Peter Parker
Lui è un p i r l a , poi chi trascende sbaglia sempre..

Keope1963 5 mesi fa su tio
Risposta a W.Bernasconi
Perché esattamente non lo so. Però dopo lo “scontro” iniziale, del quale mi assumo la responsabilità in quanto avevo completamente sbagliato approccio, gli argomenti commentati ci hanno mostrato che siamo molto più simili di quanto pensavamo inizialmente.

W.Bernasconi 5 mesi fa su tio
Risposta a Keope1963
Sono molto contento. Dico davvero.

Keope1963 5 mesi fa su tio
Risposta a W.Bernasconi
Anch’io 👍

Peter Parker 5 mesi fa su tio
Io non amo la caccia e non mi interessa neppure. Per quel che ne so questa attività è regolata e chi la pratica deve avere una patente. In questo caso non c’è stato nessun atto contro la legge. Quindi..invece di attaccare questo cacciatore (pure etichettandolo come Rambo….mah), bisogna solamente recriminare sul fatto che la caccia sia legale. Tutti questi commenti sarcastici e denigratori nei confronti di una persona che pratica un’attività legalissima (!) solo perché non la si condivide… Quanta acredine ed odio tra noi essere umani….. Ed il buonsenso de che? Un cacciatore, con patente, che spara ad un cervo, in zona di caccia….che cosa non torna? era solo questione di tempo.

W.Bernasconi 5 mesi fa su tio
Risposta a Peter Parker
Dato che si riferisce a me le rispondo; ho notato che quando non c’è dentro nulla o ben poco poi il risultato è questo.. mi raccomando, si sbrighi a fare tutto quello che la legge non vieta perché questo significa che sarà tutto ben fatto..! Riguardo al buonsenso.. la ringrazio per averlo confermato…

W.Bernasconi 5 mesi fa su tio
Risposta a Peter Parker
Tra l’altro, una domanda pertinente; ma le è accaduto qualcosa da circa una settimana? Non so, una caduta, una botta, uno shock..?

Peter Parker 5 mesi fa su tio
Risposta a W.Bernasconi
W. Potrei farle esattamente la stessa domanda….. In ogni caso, ripeto, attaccare il cacciatore dimostra che si guarda il classico dito e non si vede la luna. La caccia è ancora legale, che la si abolisca. Mi invita a fare tutto quello che è legale? Come se fosse insensato…..….e poi domanda a me se ho preso una botta??

W.Bernasconi 5 mesi fa su tio
Risposta a Peter Parker
Appunto.. mi conferma la botta.

W.Bernasconi 5 mesi fa su tio
Risposta a Peter Parker
Ne approfitti per andare a sparare alle formiche o alle api se sono di troppo.. sa, non è vietato…

CJ 5 mesi fa su tio
La cosa ridicola è il comportamento degli abitanti che nutrivano il cervo d'inverno attirandolo in paese .... facendolo diventare un animale domestico in pratica.... ben fatto dal cacciatore ad abbatterlo a norma di legge .....chi non la pensa cosi in quel paese poteva fare un recinto e tenerlo in cattività ma lasciarlo in libertà di mendicare cibo di casa in casa era una idiozia come che accusa il cacciatore ...

W.Bernasconi 5 mesi fa su tio
Risposta a CJ
Ridicolo quello che ha detto poiché non ha nessuna logica..premettendo che gli abitanti abbiano sbagliato foraggiando il cervo, c’erano ben altre soluzioni da attuare piuttosto. Se l’autorità non è intervenuta in 7 anni non si è chiesto il motivo? Mi faccia indovinare; attendevano l’arrivo non del messia ma di un giovane e soprattutto coraggiosissimo cacciatore che risolvesse il problemone. Però qualcosa mi suggerisce che lei dev’essere un appassionato di armi.. indovino, cacciatore?

Brissago 5 mesi fa su tio
I veri animali siamo noi umani

T-34 5 mesi fa su tio
Tutti a prendersela con il povero cacciatore. Ma non avete un po’ di pietà per uno che a 23 anni è già ridotto in simili miserabili condizioni? Pensate che per chi si ritrova con un QI da cacciatore sia così evidente gestire i problemi della vita ed integrarsi in una società post-medievale? Anche nei casi di omicidio è contemplata l’attenuante per incapacità di intendere e di volere. Le pesanti tare genetiche che caratterizzano la categoria dei cacciatori dovrebbe instillare profonda ed incondizionata compassione, non indurre a giudizi di condanna. La natura è già stata abbastanza spietata con questi individui disadattati. Sono talmente dissociati da arrivare solitamente ad affermare nientemeno di “amare la natura”, e questa la dice tutta, mi pare. Al massimo prendetevela con la teoria dell’evoluzioni delle specie, per il fatto che nel caso dell’umanità il processo procede col freno a mano tirato.

Fabvan 5 mesi fa su tio
Come si fa a togliere la vita ad una creatura così mistica, affascinante e meravigliosa? Come? E per cosa??

Freelikeair 5 mesi fa su tio
Risposta a Fabvan
Mistica?

W.Bernasconi 5 mesi fa su tio
Risposta a Freelikeair
L’avrà confuso con l’unicorno..

Fulisca 5 mesi fa su tio
L'uccisione dell'animale è avvenuta in maniera totalmente legale. Inoltre, la gestione degli ungulati in Italia negli ultimi anni (caccia di selezione) è gestita in maniera discreta. Mi permetto di richiamare l'attenzione a tutti quelli che scambiano un animale selvatico per un gattino o un cagnolino. In questa storia, l'errore più grave è stato commesso dalla comunità, in quanto un animale selvatico NON va mai foraggiato, o gestito come se fosse un animale domestico, ne avvicinato alle abitudini dell'uomo. Se avete dei reali interessi per la fauna o la biodiversità in generale, questa nozione dovrebbe essere una delle principali. Mi stupisco del fatto che si debba deviare il tema in commenti assurdi e insulti a chi non ha eseguito nessun tipo di reato od azione illegale.

tibex 5 mesi fa su tio
Risposta a Fulisca
concordo

Peter Parker 5 mesi fa su tio
Risposta a Fulisca
Quoto tutto.

Dex 5 mesi fa su tio
Risposta a Fulisca
Legalmente si. Ma moralmente è un atto vile

W.Bernasconi 5 mesi fa su tio
Risposta a Fulisca
Nel suo commento manca solo un’ingrediente.. il BUONSENSO.

W.Bernasconi 5 mesi fa su tio
Risposta a Fulisca
Se in 7 anni nessun altro cacciatore ne le autorità erano intervenute probabilmente era stato valutato che andava bene così. Poi però salta fuori questo giovane Rambo col fucile.. che uomo.. che coraggio.. un po’ come quelli che hanno commentato il suo commento a favore.. buonsenso.. cos’è?

Mat78 5 mesi fa su tio
Risposta a Fulisca
Fulisca, spiace per la tristezza dei bambini del paese ovviamente, ma concordo al 100% con quanto hai scritto.

RV50 5 mesi fa su tio
Risposta a Dex
Dex perché moralmente deve sentirsi un vile? se ha una patente di caccia ha tutte le carte , sempre che sia nella prescrizione, di andare a caccia e abbattere un selvatico non vedo il problema allora tutti i cacciatori sono dei vili !!!! proibite la caccia e tutto si risolve .... e come se io faccio la patente e non posso guidare una autovettura , io non sono ne cacciatore ne animalista rispetto la natura ma se ho occasione di andare a cena e gustarmi una sella di capriolo non ci rinuncio , a questo punto io sarei considerato un vile

Sinned azzaip 5 mesi fa su tio
Risposta a Dex
Se arriva la fame che non c'è più cibo in tavola che fai?

W.Bernasconi 5 mesi fa su tio
Risposta a Sinned azzaip
Acuta osservazione.. dunque conviene mangiarci anche tra noi, perché se non ci sarà più cibo ne animali.. meglio mettere le mani avanti… quando si pensa di averle sentite tutte..

Dred 5 mesi fa su tio
Risposta a RV50
Secondo me sparare ad un animale che si lascia avvicinare fino a pochi metri e ormai è praticamente domestico è da vigliacchi. Dove sta la bravura? Chiunque sarebbe in grado di farlo.

Mami1674@yahoo.it 5 mesi fa su tio
e sarà pure orgoglioso di se stesso!!!😡

Gemello 5 mesi fa su tio
Bravo ti meriti una bella corona!!

tibex 5 mesi fa su tio
il cervo ripreso nell'ultima foto non è lo stesso cervo delle altre foto, per chi se ne intende è palese basta guardare le corna.... solita propaganda animalista

W.Bernasconi 5 mesi fa su tio
Risposta a tibex
Mi scusi, ma chi se ne importa?!? Rimanga focalizzato sull’atto compiuto.

tibex 5 mesi fa su tio
Risposta a W.Bernasconi
sto cercando di far capire che il cervo morto nell'ultima foto è un altro, mentre magari il cervo della vostra dolce storia è ancora vivo e vegeto....

TonyPalloni 5 mesi fa su tio
un applauso al nobile e praticante di questa antica pratica, soprattutto, a chi ha saputo tramandargli questa tradizione. bravissimi

Boomerang28 5 mesi fa su tio
Tutto il mondo é paese… é successo anni fa anche qui !!! No comment

Gimmi 5 mesi fa su tio
Che tristezza!!!!

El Lobo loco 5 mesi fa su tio
Queste notizie non so se mi fanno più rabbia, tristezza o vergogna di far parte di quella specie che chiamano "umana" 😡

francox 5 mesi fa su tio
Maddaii, un cervo, mica un lupo. Se qualcuno mi ammazza il volpino di casa, poi se la vede con me.

El Lobo loco 5 mesi fa su tio
Risposta a francox
Al tuo cagnolino non farei mai nulla di male, per carità, a te invece dopo aver letto il tuo post, ci farei un pensierino...

Se7en 5 mesi fa su tio
Risposta a francox
…. la tua ig ….. za non ha limiti 👏

W.Bernasconi 5 mesi fa su tio
Risposta a El Lobo loco
Non vorrei sbagliare, ma il commento di Francox non è a favore del cacciatore.

El Lobo loco 5 mesi fa su tio
Risposta a W.Bernasconi
Non mi pareva, ma se così è, ritiro il mio commento e mi scuso

Luc Luc60 5 mesi fa su tio
Ma si può essere cosi' insensibile ... mi auguro che tutto il paese, dove il povero cervo era amato ,sappia chi sei !!

rexlex 5 mesi fa su tio
sono storie uniche, che vengono spazzate via in una frazione di secondo. e per cosa? per un po' di adrenalina? per un senso di potenza?

W.Bernasconi 5 mesi fa su tio
Che triste mi spiace tantissimo per il cervo! Riguardo al giovane cacciatore.. inqualificabile!

El Lobo loco 5 mesi fa su tio
Risposta a W.Bernasconi
Chi fa del male gratuitamente verrà chiamato alla cassa, prima o poi, e pagherà con gli interessi. Fidati 😉

W.Bernasconi 5 mesi fa su tio
Risposta a El Lobo loco
Lo spero.
NOTIZIE PIÙ LETTE