Cerca e trova immobili

IL CASOIl reporter arrestato scrive ai genitori: «Non perdo la speranza»

15.04.23 - 14:39
Evan Gershkovich si trova in detenzione in Russia dal 29 marzo. È accusato di spionaggio
KEYSTONE/AP / STF (Alexander Zemlianichenko)
Fonte ats
Il reporter arrestato scrive ai genitori: «Non perdo la speranza»
Evan Gershkovich si trova in detenzione in Russia dal 29 marzo. È accusato di spionaggio

MOSCA - Il reporter del "Wall Street Journal" Evan Gershkovich, arrestato in Russia il 29 marzo con l'accusa di spionaggio, ha inviato la sua prima lettera alla famiglia negli Usa da quando è detenuto. Il testo è stato pubblicato dal suo giornale.

Scritta a mano in russo, la lingua che parla a casa con i genitori, ha spiegato di essere ottimista e di non vedere l'ora di rivederli. «Voglio dire che non sto perdendo la speranza. Leggo. Mi alleno. E sto cercando di scrivere. Forse, finalmente, scriverò qualcosa di buono», ha scritto nella missiva di due pagine datata 5 aprile. Le parole di Evan sono il primo contatto diretto con la famiglia dal momento dell'arresto.

La madre di Gershkovich, Ella Milman, ha affermato di aver provato «una grande gioia» nel ricevere la lettera, perché finalmente sente in prima persona come sta: «queste sono le parole di mio figlio, non qualcun altro che me lo dice», ha detto, «e il suo spirito risplende». La 66enne ha detto che il figlio scrivendo ha usato un tono leggero nel tentativo di mantenere alto il morale della famiglia.

«Mamma, sfortunatamente, nel bene e nel male, mi hai preparato bene per il cibo della prigione», ha scherzato, «la mattina, a colazione, ci danno una crema calda di frumento, farina d'avena o farinata di frumento. Sto ricordando la mia infanzia».

Evan ha indirizzato la lettera alla sua «cara famiglia»: la madre, il padre Mikhail e la sorella Danielle, a cui si riferisce con il soprannome di famiglia, Duscia.

Gershkovich ora deve affrontare quello che secondo gli esperti del sistema legale russo sarà un lungo processo giudiziario con scarse speranze di assoluzione.

La sua corrispondenza carceraria viene monitorata dai servizi di sicurezza russi. Finora al reporter sono state concesse solo visite dai suoi avvocati russi: non ha potuto ricevere visite di amici o funzionari dell'ambasciata americana a Mosca, nonostante le ripetute richieste di accesso.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Mat78 1 anno fa su tio
Ricatto di incivili
NOTIZIE PIÙ LETTE