Cerca e trova immobili

TERREMOTO IN TURCHIA E SIRIALe cifre della tragedia: oltre 45 mila morti e 264 mila edifici distrutti

18.02.23 - 10:27
Tra le vittime anche il calciatore ghanese Christian Atsu, ex Everton e Newcastle. I numeri sono destinati a salire ulteriormente
Afp
Fonte ats ans
Le cifre della tragedia: oltre 45 mila morti e 264 mila edifici distrutti
Tra le vittime anche il calciatore ghanese Christian Atsu, ex Everton e Newcastle. I numeri sono destinati a salire ulteriormente

ANKARA - Il calciatore ghanese Christian Atsu - ex Everton e Newcastle - ha perso la vita a causa del terremoto del sei febbraio. Il suo corpo è stato trovato tra le macerie della palazzina in cui viveva ad Hatay, nel sud della Turchia. Il 31enne giocava nella squadra dell'Hatayspor. Nei giorni immediatamente successivi al sisma si erano diffuse notizie contrastanti secondo le quali l'atleta sarebbe stato estratto vivo e che poi sarebbe risultato disperso. Ma ora la le autorità turche hanno confermato il decesso del campione.

Il bilancio - Non accenna intanto a frenare la conta dei morti causati dal terremoto: il bilancio ha superato i 45 mila morti, secondo gli ultimi dati pubblicati sul sito della Reuters. Numero destinato ad aumentare ulteriormente, con numerosi dispersi ancora sotto le macerie dei 264 mila edifici distrutti.

Silenzio sulla Siria - Le vittime in Turchia sono 39.672 e 5.800 in Siria, da dove da giorni non si hanno più notizie. Ieri, secondo quanto si apprende in queste ore, tre persone sono state estratte vive dalle macerie e nelle moschee di tutto il mondo si è pregato per i morti nel terremoto. Questo anche a commemorazione delle vittime che non hanno potuto ricevere i riti funebri, data l'entità del disastro.

I salvataggi "miracolosi" - Continuano a sorprendere e a stupire il mondo le news sui ritrovamenti dei superstiti, a distanza di giorni. Tre persone sono state trovate vive oggi, dopo tredici giorni trascorsi sotto le macerie di un edificio crollato a Hatay. E tra i tre sopravvissuti, vivi dopo 296 ore, c'è anche un bambino.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

ONYX21 1 anno fa su tio
Questo evento da giorni sotto gli occhi di tutti,fa stringere il cuore...... migliaia di morti in un disastro di immani proporzioni.......i sopravvisuti non hanno piu nulla......."fortunati" nella sfortuna...."sono vivi"...... ma che DISTRUGGE invece il cuore è sapere che a pochi chilometri di distanza fanno a gara a chi "ruba" piu vite umane solo per raggiungere il potere.....credo che questo lo sapevate tutti,non racconto niente di nuovo...ma ci tenevo a RI sottolinearlo... buona giornata a tutti

Meganoide 1 anno fa su tio
Risposta a ONYX21
Hai ragione, è veramente una tragedia immane. Quello che però a me fa ancora più rabbia è che nella guerra che si combatte al di là del Mar Nero le persone perdono i propri cari e le proprie case per colpa di un dittatore che crede di essere il nuovo zar e non si fa alcun problema a massacrare civili, lanciando missili su scuole, ospedali e ospizi.
NOTIZIE PIÙ LETTE