Tra la farina spuntano 46 milioni di pillole di anfetamine, sequestro record

ARABIA SAUDITATra la farina spuntano 46 milioni di pillole di anfetamine, sequestro record

02.09.22 - 21:32
Le autorità saudite hanno recuperato la spedizione in un magazzino a Riyad, arrestati sei siriani e due pakistani.
AFP
Tra la farina spuntano 46 milioni di pillole di anfetamine, sequestro record
Le autorità saudite hanno recuperato la spedizione in un magazzino a Riyad, arrestati sei siriani e due pakistani.
Si tratta di "captagon", la droga più diffusa tra i giovani del Golfo e tra i guerriglieri dell'ISIS.

RIYAD - Tra i sacchi di farina, la polizia saudita ha ritrovato 46 milioni di pillole di anfetamina. Le forze di sicurezza hanno rintracciato la spedizione mentre arrivava al porto di Riyad, ha affermato la Direzione generale del controllo dei narcotici del regno. Sei siriani e due pakistani sono stati arrestati durante l'irruzione nel magazzino dove erano state trasportate le pillole.

La droga del Golfo - Secondo le prime informazioni, si tratta di una delle droghe più popolari tra i giovani benestanti del Golfo: il “captagon”, un mix di anfetamine, caffeina e altre sostanze stupefacenti. Durante la guerra civile in Siria e specialmente tra i combattenti dell’ISIS, il captagon era molto diffuso. 

Il commercio globale di questa droga è esploso durante gli ultimi anni. Un portavoce delle autorità saudite ha affermato che il sequestro di anfetamine è stata la più grande operazione del suo genere. Ha inoltre sottolineato che il personale di sicurezza è determinato a combattere e sventare le attività delle reti criminali che prendono di mira il Paese e i suoi cittadini. «Tutte le persone arrestate dovranno affrontare pesanti sanzioni», ha concluso.  

Rischio pena di morte - Secondo la legge sui stupefacenti in vigore in Arabia Saudita, le persone condannate per traffico di droga possono andare in contro alla pena di morte. Non si conosce ancora la provenienza delle pillole sequestrate, ma si presuppone che la maggior parte del carico abbia avuto origine in Siria e Libano.

Il governo siriano e le milizie alleate, come il movimento libanese Hezbollah, sono stati accusati di favorire la produzione e la distribuzione del captagon. Martedì, l'ambasciatore saudita a Beirut, ha affermato che sono stati sequestrati più di 700 milioni di narcotici che erano entrati nel suo territorio attraverso il Libano negli ultimi otto anni. L'anno scorso, il governo saudita ha sospeso tutte le importazioni di frutta e verdura dal Libano dopo che cinque milioni di compresse di captagon erano state nascoste all'interno di circa 2.000 melograni giunti da Beirut.

NOTIZIE PIÙ LETTE