Immobili
Veicoli
L’esercito da una parte, la ramina dall'altra: la disperazione dei migranti in fuga dalla Bielorussia
keystone-sda.ch (LEONID SCHEGLOV / HANDOUT)
+5
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
LIVE CORONAVIRUS
LIVE
Austria, una lotteria con buoni da 500 euro per convincere i non vaccinati
La figlia neonata di Boris Johnson sarebbe stata alle prese con un «brutto» contagio da Covid-19
ITALIA
1 ora
L'incidente nel 1987, il risarcimento ora (ma ormai è deceduto)
L'uomo è purtroppo morto nel frattempo, i soldi andranno quindi ai famigliari
GERMANIA
2 ore
Abusi nella Chiesa tedesca, «Ratzinger non agì in 4 casi»
Un rapporto stilato da uno studio legale fa luce sia su chi avrebbe perpetrato gli atti, sia su chi li avrebbe occultati
ITALIA
3 ore
Terremoto in Calabria, evacuate le scuole
Il sisma ha avuto epicentro in mare, al largo di Vibo Valentia
ITALIA
4 ore
Italia: da oggi serve il Green pass per entrare da parrucchieri ed estetisti
Da febbraio sarà presumibilmente necessario il certificato per accedere ad uffici, servizi e negozi non essenziali
MONDO
4 ore
I morti per Covid-19 potrebbero essere molti di più di quello che pensiamo
Le vittime della pandemia, secondo un confronto pubblicato su Nature, potrebbero essere arrivate a quota 20 milioni
TONGA
6 ore
Travolto dallo tsunami, racconta un'odissea di 24 ore
L'incredibile storia narrata da un 57enne tongano ad un'emittente radio locale
ITALIA
6 ore
I rapper Baby Gang ed Ezza in manette a Milano con l'accusa di rapina
L'arresto avvenuto nel Milanese. I furti compiuti in gruppo ai danni di ragazzini per le vie della movida milanese
STATI UNITI
7 ore
«Un'invasione dell'Ucraina? Putin la pagherà a caro prezzo»
L'ipotesi di Joe Biden è che la Russia stia per entrare in Ucraina, ma «sarà una decisione che pagherà a caro prezzo»
POLONIA
09.11.2021 - 11:360
Aggiornamento : 16:51

L’esercito da una parte, la ramina dall'altra: la disperazione dei migranti in fuga dalla Bielorussia

Sempre più critica la situazione al confine polacco, con già 8 morti fra gli stenti. Berlino: «L'Ue deve intervenire»

VARSAVIA - La strategia di pressione sui confini dell'UE della Bielorussia e del governo Lukashenko, sfruttando torme di migranti spesso “importati” su territorio bielorusso da Africa e Medio Oriente, sembra sempre più vicina a un preoccupante climax.

Parlando dell'emergenza ai confini dei paesi limitrofi come Lituania, Lettonia e Bielorussia, c'è chi ha accusato Minsk di un sfruttamento spietato e indiscriminato delle vite di persone in fuga, usate alla stregua di «armi umane».

Ora il timore, con la situazione allo sbando a ridosso della frontiera polacca di questi giorni, è che il conflitto possa diventare armato. A confermare questa eventualità sono le stesse autorità polacche che parlano di un numero sempre crescente di migranti a presidiare il valico fra i due paesi.

Un contingente «che è aumentato di 3'000 o 4'000 unità nelle ultime ore», spiega ai media il portavoce del governo Piotr Muller che aggiunge, «ci aspettiamo che se ci sarà un'escalation nell'immediato futuro, sarà di natura armata». Il motivo ha a che vedere con lo schieramento attivo di militari da parte della Bielorussia.

Già ieri un manipolo di circa 1'000 migranti era stato scortato proprio da soldati bielorussi fino al filo spinato fra i due paesi e invitato - anche se il termine è decisamente eufemistico - a sconfinare, recidendolo e forzandolo

Il tentativo era stato scongiurato dall'intervento in forze - e con la forza - degli agenti della guardia di confine. Varsavia, dal canto suo, ritiene un bis ancora più probabile: «Al momento gli accampamenti dei migranti sono presidiati dai soldati bielorussi armati». Sono proprio questi, poi, ad assicurarsi che questi ultimi non tentino di tornare in dietro.

Una disperata situazione, fra la proverbiale incudine e il martello, quella dei migranti, sfiniti al freddo e al gelo. Stando al Guardian almeno 8 persone avrebbero perso la vita - si ipotizza per il freddo e la malnutrizione - mentre un numero imprecisato è rimasto ferito nei tafferugli.

E intanto la Germania, così come la Polonia, ha chiesto assistenza all'Unione Europea: «È una situazione che né la Polonia né la Germania possano affrontare da sole», ha spiegato alla Bild il ministro degli Interni Horst Seehofer, «dobbiamo essere uniti comune e aiutare Varsavia a fortificare la sua frontiera».

Questo perché molto difficilmenteil pressing da parte del governo Lukashenko, da tempo apertamente ai ferri corti con Bruxelles, diminuirà nei prossimi mesi. E proprio dal Consiglio europeo arriva la condanna inequivocabile a Minsk.

Dal canto suo la Bielorussia continua a negare qualsiasi coinvolgimento e, anzi, punta il dito verso la Polonia parlando di «atteggiamento disumano» da parte polacca, «che ha portato i rifugiati a gesti disperati».

keystone-sda.ch (LEONID SCHEGLOV / HANDOUT)
Guarda tutte le 9 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-20 16:06:32 | 91.208.130.86