Immobili
Veicoli
Deposit
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
ITALIA
30 min
Un cristiano su sette è perseguitato. Nel 2021 uccisi in seimila
La Word Watch List 2022 mette al primo posto l'Afghanistan. Altre sette nazioni ritenute pericolose sono tutte in Africa
STATI UNITI
50 min
Spaccio di droga tramite Snapchat: il social corre ai ripari
Le ultime modifiche dovrebbero rendere la vita più difficile ai pusher che vogliono contattare gli adolescenti
GERMANIA
51 min
Zara è quasi a casa, dopo cinque mesi e un giorno atterrerà in Belgio
Domani sarà ufficialmente la donna più giovane al mondo ad aver fatto il giro del globo volando in solitaria
STATI UNITI / PAESI BASSI
2 ore
Anna Frank, i dubbi degli esperti sulla nuova tesi
Le conclusioni «offrono informazioni che meritano approfondimento, ma nessuna base per l'accusa centrale»
REGNO UNITO
4 ore
«Niente più obbligo di mascherine o Covid pass»
A partire da giovedì 27 gennaio in Inghilterra saranno revocate quasi tutte le restrizioni Covid
SPAGNA
6 ore
Cosa farsene della lava e della cenere del vulcano di La Palma?
Vigneti? Materiale da costruzione? Gli studiosi sono al lavoro e cercano risposte anche dal passato
UCRAINA
7 ore
Ucraina, Blinken: «Putin scelga una via pacifica»
Il capo della diplomazia statunitense è atterrato a Kiev stamattina
KAZAKISTAN
8 ore
Tutte le truppe russe sono partite
Il contingente faceva parte di una forza congiunta dei paesi membri del Trattato di sicurezza collettiva
TONGA
9 ore
«Sull'isola di Mango non è rimasta neanche una casa»
Onde alte fino a «quindici metri» non hanno risparmiato neanche una casa dell'Isola di Mango, a Tonga
MONDO
12 ore
I "dimenticati" del vaccino. Lì dove la dose è un miraggio
Nei paesi poveri solo il 9,5% delle persone hanno ricevuto almeno una dose di vaccino anti Covid.
Spagna
03.11.2021 - 08:050
Aggiornamento : 08:27

In 13 anni sono morte 379 persone nel tentativo di farsi un selfie

La metà di loro è precipitata nel vuoto perché si era sporta troppo

Solo nei primi sette mesi del 2021 sono decedute 30 persone e la paura dei ricercatori è che il bilancio si aggravi ulteriormente, diventando il più nefasto di sempre

MADRID - Tra scatti e autoscatti può scappare il morto. A volte nella corsa al selfie perfetto è necessario fermarsi e chiedersi se valga davvero la pena sporgersi così tanto dalla montagna. Dal 2008 a oggi sono stati recensiti 379 decessi legati al tentativo d'immortalare l'attimo. Ad essere maggiormente coinvolti sono i giovani adulti, tra i 18 e i 24 anni.

Precipitano, vengono investiti o annegano. Sono tutte storie iniziate con un sorriso in camera e finite in tragedia. A volte anche davanti ai propri figli di 5 e 6 anni, come era successo a due genitori polacchi in vacanza in Portogallo che erano caduti da una falesia. O ancora il caso svizzero del maggio 2019, in cui un 35enne del vallesano che si trovava al Creux-du-Van nel canton Neuchâtel, facendosi un selfie, è precipitato nella corona rocciosa per 160 metri.

Le statistiche raggruppate da sette ricercatori della Fundación iO, un'organizzazione scientifica spagnola specializzata nello studio delle malattie tropicali e legate ai viaggi, mostrano che il 52% delle morti per selfie sono causate da delle cadute, il 26% dai trasporti, come barche, moto o aerei, il 15% dai treni e il 14% dagli annegamenti. Rientrano nelle cause anche armi, elettricità, cascate, animali e suicidi. Sul caso dell'elettricità, proprio quest'anno un fulmine ha ucciso 16 persone che si stavano facendo un selfie in cima a una torre di guardia del Forte Amber, in India.

Ed è l'India, inoltre, il Paese in cui è accaduto più volte che qualcuno trovasse la morte nella ricerca di un selfie. Con 100 morti dal 2008 è la meta più tragica, seguita da Stati Uniti (39), Russia (33) e Pakistan (21). È inoltre possibile vedere anche la nazionalità delle persone decedute fino a oggi: sono 93 indiani, 30 russi, 26 statunitensi e 21 pakistani. Perché su 379 decessi, 250 riguardano persone che risiedono nel paese dove è avvenuto l'incidente e 129 sono turisti.

Quest'anno rischia di essere il più nefasto, con già 30 morti nei primi sette mesi, 8 di questi turisti. Da gennaio a luglio è deceduta, in media, una persona ogni 13 giorni mentre si faceva un selfie. Dal 2008 a oggi il picco più alto di morti in un anno è stato il 2019 con 68 morti. Tra i residenti nei paesi dove sono avvenuti gli incidenti, sono stati registrati più morti in persone di 15, 18, 21 e 24 anni di età. I turisti più toccati avevano rispettivamente 19, 24 e 58 anni.

I ricercatori hanno inoltre stilato una lista anche in base ai luoghi dove sono avvenuti più incidenti mortali di questo tipo. Tra questi figurano le Cascate del Niagara, il Glen Canyon, la catena montuosa degli Urali e il Taj Mahal.

Come spiega Cristina Juesas, una co-autrice dello studio, a BfmTv, «è un numero che tende ad aumentare ogni anno, con unica eccezione il 2020, perché a causa del Covid il turismo di massa era molto diminuito». La ricercatrice ha inoltre sottolineato che i professionisti della salute dovrebbero cominciare a mettere in guardia i viaggiatori per «una questione di prudenza ed educazione. Bisogna che le persone siano capaci di riconoscere quando si trovano in un luogo rischioso, come nei pressi di una falesia, dove la probabilità di cadere è piuttosto alta».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-19 18:27:13 | 91.208.130.89