keystone-sda.ch (Karl-Josef Hildenbrand)
GERMANIA
26.06.2021 - 14:390

Passanti accoltellati, il movente è ancora oscuro

Il bilancio dell'attacco avvenuto a Würzburg è di tre morti e cinque feriti.

L'aggressore, un giovane somalo, è stato arrestato. Negli interrogatori avrebbe parlato della sua «jihad». Ma non era noto come islamista e in passato era stato curato in un istituto psichiatrico.

WÜRZBURG - Gli investigatori tedeschi non hanno ancora individuato il movente che ieri ha spinto un giovane somalo ad attaccare con un coltello i passanti Würzburg, provocando tre morti e cinque feriti, due ancora gravi.

L'aggressore, arrestato poco dopo l'assalto, era arrivato nella cittadina bavarese nel 2015 ed era stato curato in un istituto psichiatrico. La polizia ha riferito che non era un noto islamista. Anche se, secondo lo Spiegel, durante l'interrogatorio avrebbe detto di aver compiuto la sua «jihad». La cancelliera Angela Merkel ha detto che le indagini mostreranno cosa ha spinto l'uomo a scatenare la sua furia omicida. «Ma ciò che è certo è che l'azione orribile si è diretta contro tutta l'umanità ed ogni religione», ha twittato il suo portavoce Steffen Seibert.

L'estrema destra dell'Afd ha cavalcato l'attacco di Würzburg, a tre mesi dalle elezioni federali. Il co-leader del partito anti-migranti, Joerg Meuthen, ha osservato che un testimone avrebbe sentito l'aggressore gridare «Allah Akbar», ed ha ricordato gli altri «assassini islamici armati di coltello che hanno già colpito in Germania». Aggiungendo che si è trattato di una «tragedia per le vittime e un'altra manifestazione della politica migratoria fallita della Merkel».

Se l'attacco di Würzburg venisse confermato come atto islamista, il caso rischierebbe di riaprire un aspro dibattito in Germania sull'immigrazione, argomento finora passato in secondo piano nella campagna elettorale di quest'anno. E che invece aveva contribuito al balzo in avanti dell'Afd nel 2017.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-29 03:44:05 | 91.208.130.85