Yaas: raffiche e inondazioni, evacuato un milione di persone
keystone-sda.ch / STR (PIYAL ADHIKARY)
+6
INDIA / BANGLADESH
26.05.2021 - 13:230
Aggiornamento : 17:05

Yaas: raffiche e inondazioni, evacuato un milione di persone

Si complica ancor più una situazione già difficile a causa dell'aumento dei casi di coronavirus

BHUBANESWAR - Con le sue piogge sferzanti accompagnate da forti venti (fino a 140 km/h) il ciclone Yaas ha raggiunto l'India e il Bangladesh, costringendo più di un milione di persone all'evacuazione, nel pieno delle difficoltà legate all'aumento di casi di coronavirus.

L'allerta è lanciata dal Dipartimento meteorologico indiano, ripreso dall'agenzia AP.

Negli Stati di Odisha e Bengala Occidentale, la tempesta ciclonica ha già causato due morti e danneggiato numerose case, provocando anche qualche frana. Il problema è reso ancor più grave dall'alta marea, che ha inondato all'incirca 200 villaggi dell'area.

Tutto ciò mentre il Paese sta ancora recuperando dall'ultimo devastante ciclone, Tauktae, che ha colpito la costa occidentale dell'India la scorsa settimana, uccidendo più di 140 persone. Senza dimenticare l'aumento di casi Covid. Il Primo ministro della regione di Odisha, Naveen Patnaik, ha lanciato un appello alla gente nei rifugi per indossare le mascherine e mantenere la distanza sociale: «Dobbiamo affrontare entrambe le sfide simultaneamente».

Nel distretto meridionale di Patuakhali, due argini del fiume sono stati sovrastati dalla forza dell'acqua, inondando i villaggi vicini. Almeno 15'000 persone sono accorse nei rifugi anti-ciclone. Gli aeroporti di Kolkata e Bhubaneshwar sono stati chiusi e i servizi ferroviari cancellati. Ai pescherecci e alle barche è stato detto di non uscire e di mettersi al riparo.

Con la tempesta ora quasi completamente sulla terraferma, però, i venti dovrebbero iniziare a indebolirsi.  

 

keystone-sda.ch / STR (PIYAL ADHIKARY)
Guarda tutte le 10 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-07 12:41:27 | 91.208.130.86