Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI / SPAGNA
4 ore
Dieci milioni per la «negligenza» che uccise le quattro turiste spagnole
L'accusa ha attaccato la mancata «competenza» dell'autista del camion commerciale che ha provocato l'incidente
REGNO UNITO
5 ore
Il rischio di trombosi rare non aumenta con la seconda dose di AstraZeneca
Lo afferma uno studio pubblicato su Lancet, finanziato e condotto dalla stessa azienda anglo-svedese
FRANCIA
6 ore
Due fermi per la rapina in monopattino da Chaumet
Una parte consistente del bottino, che ammonta a circa 3 milioni di euro, era in loro possesso.
COREA DEL SUD
7 ore
Tanto caldo, da rendere verde l'acqua
L'ondata di calore ha provocato anche una fioritura di alghe verdi, che hanno dato colore al lago Daecheong
ITALIA
8 ore
Nella lista dei patrimoni Unesco anche i portici di Bologna
Con questa terza nomina l'Italia si trova in cima alla classifica mondiale
ITALIA
9 ore
Lario invaso dai detriti, iniziata la conta dei danni
Sono decine le abitazioni evacuate, il presidente lombardo Fontana assicura: «La nostra attenzione sarà massima»
GERMANIA
9 ore
«Purtroppo non crediamo che troveremo vivi i dispersi»
Proseguono le operazioni di soccorso al Chempark di Leverkusen, colpito ieri da un'esplosione
ITALIA
11 ore
De Rienzo, arrestato il presunto pusher che gli avrebbe venduto l'eroina
L'uomo al momento è accusato di cessione di stupefacenti
ITALIA
11 ore
Green pass per lavorare? «Un'idea da tenere nel cassetto»
Il sottosegretario alla Salute italiano Pierpaolo Sileri non la scarta. Ma aggiunge: «Nessuno dovrà perdere il lavoro».
FRANCIA
11 ore
Francia, caffè al bar solo con il "pass" dal 9 agosto
Il portavoce del governo, Gabriel Attal, ha confermato oggi i tempi per la seconda fase del certificato obbligatorio
REGNO UNITO
11 ore
Niente quarantena per i vaccinati dagli USA e dall'Ue
Il Governo di Boris Johnson ha infine allentato le restrizioni, venendo contro al turismo
ITALIA
25.05.2021 - 21:210
Aggiornamento : 23:03

Tragedia di Stresa, convocati i dipendenti della funivia

La Procura di Verbania avrebbe iscritto almeno una persona nel registro degli indagati.

Convocati dai Carabinieri, per ora come persone informate dei fatti, i dipendenti delle Ferrovie del Mottarone.

STRESA - Ci sarebbe solo un nome, al momento, nel registro degli indagati, per l'incidente della funivia del Mottarone nel quale domenica sono morte 14 persone, tra cui due bambini. A quanto riferito, si tratta di un dipendente della Ferrovie del Mottarone Srl, la società che gestisce la funivia.

Spunta l'ipotesi dell'errore umano nelle indagini, ancora agli inizi, sull'incidente del Mottarone. Dai primi accertamenti, sembrerebbe che uno dei freni della cabina della funivia non abbia funzionato, forse per colpa di una dimenticanza.

Una prima svolta è arrivata in serata: alcuni dipendenti delle Ferrovie del Mottarone, la società che ha in gestione l'impianto, si trovano nella caserma dei Carabinieri di Stresa per essere interrogati. Persone informate dei fatti, al momento, anche se con loro ci sarebbero un paio di avvocati. E infatti un nome figurerebbe già sul registro degli indagati.

La procura di Verbania sembra dunque fare un passo avanti nel tentativo di dare le prime risposte ai famigliari delle 14 vittime della tragedia di domenica e al piccolo Eitan, il bimbo unico sopravvissuto all'incidente, che si sta risvegliando all'ospedale Infantile Regina Margherita di Torino.

Documenti ed esami - Ulteriore documentazione è stata acquisita dai carabinieri presso enti e società interessate; non solo Regione Piemonte e Comune di Stresa, che continuano a rimpallarsi la proprietà dell'impianto, ma anche l'Ufficio speciale trasporti a impianti fissi (Ustif) del Ministero dei trasporti italiano.

Decisivo sarà anche l'esame dai parte dei consulenti tecnici dei video delle telecamere della funivia. «La cabina era sostanzialmente arrivata al punto di sbarco, si vede che sussulta e torna indietro. La visuale è però limitata alla zona dell'arrivo», spiega la procuratrice della Repubblica Olimpia Bossi, che coordina le indagini con il pubblico ministero Laura Carrera.

La forchetta - E tra gli accertamenti c'è anche quello sulla cosiddetta "forchetta". Si tratta di una sorta di staffa, utilizzata con le cabine vuote in caso di prove tecniche, che se inserita disattiva il sistema frenante. «Se ci sia stato un reinserimento rientra nel campo delle ipotesi - sottolinea Olimpia Bossi - e dovrà essere accertato da un esame dei reperti rinvenuti». Ma se così fosse si potrebbe parlare di un "errore umano".

«Ci sono due sistemi frenanti che devono agire se purtroppo capita una cosa di questo genere. Se il sistema frenante non si aziona la cabina torna indietro, si calcola lo abbia fatto a oltre cento chilometri orari. In corrispondenza del pilone non dovrebbe esserci stato nessun urto, ma la pendenza che cambia a quella velocità ha fatto da trampolino e la cabina è saltata per aria a cento chilometri orari, facendo un volo di 54 metri, e poi è ancora rotolata per qualche decina di metri»: è la ricostruzione dell'incidente dell'assessore ai trasporti della Regione Piemonte, Marco Gabusi, intervenuto oggi durante il Consiglio regionale che ha osservato un minuto di silenzio per le vittime.

Chiarire quanto successo - «Apprezziamo che la Procura abbia subito aperto un'inchiesta e che il ministro dei trasporti abbia istituito una commissione di indagine: la verità dovrà emergere», è l'appello del governatore Alberto Cirio, che chiede che «si chiarisca con tutti i mezzi». C'è da aggiungere che il giorno prima della tragedia, come è stato riferito ai magistrati da alcuni testimoni, e probabilmente emergerà dai video, la funivia si è bloccata per mezz'ora e «c'è stato un intervento per rimetterla in funzione. Se questo sia collegato o meno all'incidete al momento non siamo in grado di dirlo».

Comunque, ha ribadito il magistrato, il cavo spezzato e il sistema frenante di sicurezza sono i due punti su cui si concentrano le indagini per disastro colposo con messa in pericolo della sicurezza dei trasporti, omicidio colposo plurimo e legioni gravissime coordinate dalla procuratrice Bossi e dal pm Laura Carrera. Inoltre qualche indizio potrebbe arrivare dai filmati delle telecamere di sorveglianza.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-29 04:10:58 | 91.208.130.85