keystone-sda.ch (J.M. GARCIA)
+2
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
GIAPPONE
1 ora
Vaccini a rilento, in Giappone si punta ora sulle aziende
L'iniziativa ha preso il via oggi. Toyota vaccinerà 80'000 persone. Rakuten 60'000.
Politica
2 ore
Indulto in vista per gli indipendentisti catalani
La proposta sarà discussa domani durante il Consiglio dei Ministri spagnolo
FOTO
INDIA
4 ore
Arrivano i monsoni. E centinaia di corpi potrebbero finire nel Gange
Il numero di sepolture sulle sponde del fiume sacro è esploso a causa della pandemia
FOTO E VIDEO
STATI UNITI
5 ore
Esplosioni nell'Atlantico: gli USA testano le proprie navi da guerra
La portaerei USS Gerald R. Ford è stata messa alla prova con una potente esplosione
STATI UNITI
5 ore
Dopo il disgelo ginevrino, l'ambasciatore russo torna a Washington
Il diplomatico è «ottimista» sul miglioramento dei rapporti tra Russia e Stati Uniti, che preparano però nuove sanzioni.
GERMANIA
6 ore
Euro 2020: Allianz Arena illuminata di arcobaleno contro Orbán e le sue leggi «omofobe»?
Lo chiede il Consiglio comunale di Monaco in occasione di Germania-Ungheria. Troppo politico?
STATI UNITI
8 ore
Maxi-incidente in autostrada, morti 9 minorenni e un 29enne
Tragico il bilancio di un tamponamento di massa avvenuto in Alabama
FOTO E VIDEO
STATI UNITI
9 ore
Un'oasi verde sul fiume Hudson: ecco Little Island
La nuova attrazione "fluttuante" è costata 260 milioni di dollari e ospita decine di specie di piante
STATI UNITI
17 ore
Il governo coprirà le spese per i soldati che vorranno cambiare sesso
Ci sono oltre 134 mila veterani transgender nell'esercito Usa, mentre ce ne sono circa 15mila in servizio
SPAGNA
09.05.2021 - 12:180
Aggiornamento : 13:43

Via lo stato d'emergenza: per alcuni è gioia, per altri ansia

Revocato il coprifuoco in buona parte del Paese: molti sono scesi in piazza, ma per alcuni saranno giorni complicati

MADRID - «La Spagna vuole tornare a qualcosa che profuma di normalità». Scrive così il quotidiano El Pais per descrivere lo stato d'animo nel paese, dopo che la scorsa mezzanotte sono state revocate le limitazioni d'orario imposte come strumento per contrastare la pandemia di coronavirus.

Lo stato di emergenza era in vigore dallo scorso ottobre e il suo ritiro, in molte regioni spagnoli, ha portato automaticamente alla fine del coprifuoco. In molte città si è festeggiato nelle strade e nelle piazze: raduni e bevute collettive sono state segnalate da Madrid a Barcellona, da Murcia a Salamanca. 

Il ritorno alla normalità significa il poter festeggiare fino a tardi, per i giovani. «Sapere che puoi tornare a casa senza guardare l'orologio è un sollievo» hanno dichiarato due studentesse di Siviglia a El Pais. Per altri, invece, è la possibilità di muoversi all'interno del paese, permettendo a famigliari di potersi rivedere dopo mesi di lontananza. La fine dello stato di emergenza è stata accolta con giubilo anche nelle regioni dove il coprifuoco è stato mantenuto fino a mezzanotte. A Valencia, e non solo, il settore turistico è pronto ad accogliere i turisti.

La polizia chiamata in azione

La polizia è stata chiamata in causa ripetutamente nel corso della notte: 16 arresti a Palma di Maiorca, con quattro agenti feriti in seguito a una protesta non autorizzata contro il coprifuoco. 6500 persone sono state disperse a Barcellona, mentre a Madrid gli interventi sono stati 450. «La libertà non consiste nell'infrangere le regole», ha José Luis Martínez-Almeida, il sindaco della capitale. «Quelle che abbiamo visto», con riferimento agli assembramenti e al mancato rispetto delle regole anti-contagio «sono scene deprecabili».

Come si reagisce al ritorno alla normalità

Secondo Josep Lobera, professore di sociologia presso l'Università Autonoma di Madrid, ci sono quattro modi di reagire a questo iniziale ritorno alla normalità. «Quelli che appariranno nei notiziari» sono coloro che «vogliono recuperare il tempo perduto», affollando spiagge e ristoranti. Ci sono poi gli ottimisti, ma non così ansiosi di scendere in piazza, per i quali «la comodità di credere che tutto sia finito abbassa la percezione del rischio e, quindi, le misure di prevenzione». Vengono poi i prudenti che, in linea con il pensiero degli epidemiologi, pensano che il virus non sia ancora sconfitto. In questa categoria, secondo Lobera, vanno inseriti anche coloro che hanno apprezzato alcuni cambiamenti nello stile di vita di questi mesi, come ad esempio il telelavoro.

Infine la quarta categoria, formata da chi in queste ore non prova sollievo, ma ansia. «Nella reclusione e nello stato di allarme avevamo tutti più o meno le stesse regole, ora ci saranno persone che vedranno che la loro vita non torna alla normalità, che hanno perso i parenti, il lavoro, che hanno preso le distanze dagli amici o hanno avuto una crisi di salute mentale a seguito della pandemia». Persone che «hanno visto trasformarsi qualche aspetto centrale della loro vita» e che dovranno prendere le misure con il ritorno alla normalità.

keystone-sda.ch (Luca Piergiovanni)
Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-21 15:53:38 | 91.208.130.87