KEYSTONE / TWITTER
John McAfee è stato arrestato per essersi rifiutato di sostituire il tanga che indossava sul viso con una mascherina chirurgica.
NORVEGIA
11.08.2020 - 16:590

In aeroporto con un tanga al posto della mascherina: John McAfee nei guai

Dopo un fermo di 14 ore il 74enne è stato rimesso in libertà

OSLO - John McAfee è rimasto in stato di fermo per 14 ore in Norvegia. La motivazione è decisamente bizzarra: il papà del primo antivirus per computer si era rifiutato di togliersi dal volto il tanga che usava a mo' di mascherina anti-coronavirus.

A raccontare la vicenda è stato lo stesso 74enne su Twitter. «Ho visitato la Catalogna poco prima che l'Europa vietasse ai catalani di viaggiare. Ho cercato di tornare in Germania e mi è stato rifiutato l'ingresso. Mi hanno chiesto d'indossare la mascherina. Ho indossato come tale un perizoma. Mi hanno chiesto di sostituirlo. Ho rifiutato. Sono finito in prigione e mi hanno rilasciato».

McAfee avrebbe dichiarato alle autorità aeroportuali che il tanga era «la protezione più sicura che ho a disposizione e mi rifiuto di indossare qualsiasi altra cosa per il bene della mia salute». Spiegazione non accettata dalla polizia, che ha trattenuto il milionario per 14 ore mentre la moglie aggiornava i fan via social: «Lo hanno fermato per ciò in cui crede» ha dichiarato la donna.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-26 21:10:02 | 91.208.130.89