Depositphotos (micdot)
Decine di arresti in un doppio blitz antimafia in Sicilia.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
TURCHIA
3 ore
Sequestro di cocaina record: più di una tonnellata
La merce è stata trovata su una nave container proveniente dall'Ecuador
MONDO
4 ore
I media cinesi deridono una donazione di vaccini degli USA: 80 fiale
«Poco è stato fatto, ma molto è stato detto», ha scritto ad esempio l'agenzia stampa Xinhua
COREA DEL SUD
4 ore
Molka, o la paura di essere riprese dalla webcam di uno sconosciuto
Un fenomeno diffuso nel quotidiano sudcoreano e un incubo per milioni di donne. La denuncia: «Pochissimi pagano»
AUSTRALIA
7 ore
Un mare di ragnatele
Il fenomeno è stato osservato in questi giorni nello stato di Victoria
FRANCIA
8 ore
Il presunto basista del rapimento di Mia è arrivato in Francia
Rémy Daillet è stato arrestato all'aeroporto di Parigi Charles de Gaulle
ITALIA
8 ore
Il video che mostra la caduta della funivia del Mottarone trapelato sul web
Le immagini della fune che si spezza, a pochi metri dall'arrivo, finite sul web. Ci si interroga su come sia successo
ITALIA
9 ore
Emergenza fino a fine anno? L'Italia ci pensa seriamente
La proroga, secondo fonti vicine al "premier" Mario Draghi, sarebbe già «certissima».
FRANCIA
10 ore
Si torna (quasi) alla normalità
Da domenica via il coprifuoco e da domani, salvo eccezioni, basta mascherina all'aperto
ITALIA
12 ore
Oggi i funerali di Camilla Canepa
L'autopsia ha confermato il decesso per emorragia cerebrale, i pubblici ministeri hanno parlato con i suoi genitori
UNIONE EUROPEA
12 ore
L'Europa riapre ai turisti americani (anche non vaccinati)
Le limitazioni in vigore cadranno anche per altri otto paesi, fra i quali Serbia, Thailandia e Albania
ITALIA
23.06.2020 - 17:000

Doppio blitz antimafia, decine di arresti

Le organizzazioni criminali avevano approfittato dell'uscita dal carcere dei boss

PALERMO - Boss di Cosa nostra che escono dal carcere e riprendono in mano il "controllo" delle estorsioni a Palermo, anche se questa volta gli imprenditori si ribellano e denunciano. Clan che continuano a rigenerarsi a Catania con "costellazioni" di gruppi alleati nel fiorente mercato della droga, ma che viene costantemente disarticolato da indagini e blitz.

Sono gli ultimi due colpi inferti alla mafia in Sicilia da operazioni delle forze dell'ordine delle Procure distrettuali delle due città. A Palermo i carabinieri, con l'operazione Teneo, hanno arrestato dieci persone, dando un nuovo colpo al mandamento mafioso di San Lorenzo e Tommaso Natale che si era "riorganizzato" dopo le scarcerazioni di boss di spessore come Giulio Caporrimo e Nunzio Serio. Una leadership confermata dalle intercettazioni: i due erano venerati e ossequiati per la capacità di comando, il carisma e l'influenza nelle dinamiche mafiose («l'hai sentita la buona notizia? È uscito Giulio, è uscito...»").

Le telecamere e le microspie dei carabinieri sono state le "ombre" nascoste e inseparabili di Caporrimo: militari dell'Arma lo hanno visto e ascoltato mentre faceva incontri su un gommone in mare a Palermo o mentre, a conclusione di un incontro su una "messa a posto" di una ditta che aveva appena avviato dei lavori, dava un bacio in bocca a uno dei suoi collaboratori più stretti, nel rispetto di un antico rituale mafioso radicato in Cosa nostra. Ma due imprenditori edili hanno avuto la forza di ribellarsi e di denunciare le minacce subìte per "tangenti" e "posti di lavoro". E i carabinieri, coordinati dalla Divisione distrettuale antimafia (Dda) di Palermo, hanno ricostruito i tasselli di sette estorsioni, tra tentate e consumate, che hanno riportato nuovamente in carcere il boss e nove suoi accoliti.

Sono 52, invece, i destinatari di un'ordinanza di custodia cautelare eseguita dalla squadra mobile della Questura di Catania e del Servizio centrale operativo della polizia contro la "costellazione" dei gruppi alleati e organici al potente clan mafioso Cappello-Bonaccorsi. Un'indagine, coordinata dalla locale Dda, che ha portato all'arresto anche di mogli e figli dei boss di un cosca che, ha ricordato il procuratore Carmelo Zuccaro, «è una delle più pericolose e aggressive del territorio», ma che, con l'operazione Camaleonte, «ha subito un fortissimo colpo». Ai vertici lo storico boss ergastolano Salvatore Cappello, detenuto al 41 bis, che dirige una serie di "galassie" associate specializzate soprattutto nel fiorente traffico di droga, che ha un volume d'affari stimato in circa 1,5 milioni di euro al mese.

L'organizzazione era capace di far arrivare cospicui quantitativi di droga - hashish e marijuana - anche a Malta ed aveva in progetto di approvvigionarla due volte al mese. Fondamentale nell'organizzazione era il ruolo delle donne, molte delle quali destinatarie dei provvedimenti restrittivi, che non soltanto facevano le veci degli uomini quando questi ultimi erano in carcere, ma avevano la contabilità del traffico di droga e disponevano il "recupero crediti".

Ma l'organizzazione criminale poteva contare anche su tanti ragazzi, molti giovani che "non conosceva nessuno" e che si mettevano a disposizione. Un allarme ribadito dal procuratore Zuccaro: «Se diamo poca possibilità di trovare lavoro e risorse economiche lecitamente - ha spiegato - il rischio che certe attrazioni funzionino maggiormente c'è. L'impegno dello Stato dev'essere quello. È ovvio, la fase repressiva è una fase fondamentale, ma non è la più importante. Bisogna offrire lavoro, dare tante possibilità alla gente».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-17 00:14:18 | 91.208.130.86