Archivio Depositphotos
STATI UNITI
29.05.2020 - 19:100

Partorisce da sola in carcere, nessuno se ne accorge

La donna ha fatto nascere il bambino di nascosto nella prigione di Fort Worth

FORT WORTH - Una donna è riuscita a partorire di nascosto in una cella di una prigione del Texas senza che le guardie carcerarie se ne accorgessero.

Da quanto riporta Abcnews, la donna ha fatto nascere il bambino in una cella della prigione di Fort Worth il 17 maggio, secondo la portavoce dello sceriffo della contea di Tarrant, il tenente Jennifer Gabbert.

La donna non ha sul momento rivelato la nascita, ma il bambino è stato presto scoperto da uno dei dipendenti del carcere, che ha immediatamente notificato la situazione e sia madre che figlia sono stati portati subito in ospedale. 

Il personale del carcere sapeva che la donna era incinta e la controllava regolarmente, ha spiegato Gabbert, senza specificare la frequenza di questi controlli. Il personale del carcere non sa quanto sia durato il travaglio «perché la madre non ha notificato al personale il parto imminente».

Il Dipartimento degli affari interni dello sceriffo sta indagando sulla nascita, ma non sembrerebbe esserci alcuna indicazione di irregolarità da parte del personale del carcere, ha riferito la portavoce.

La neomadre si trova in prigione da gennaio con l'accusa di aver aggredito un membro della famiglia. 

Comunque, il carcere di Fort Worth è stato nelle ultime settimane al centro dell'attenzione degli ispettori statali: la struttura non avrebbe soddisfatto gli standard minimi per il controllo dei detenuti. Tra gli episodi incriminati, oltre alla nascita del bambino, il ritrovo tardivo di un detenuto morto suicida. 

«Prendiamo la cosa molto seriamente e l'indagine interna è in corso», ha concluso la portavoce, dichiarando che il carcere ha nel frattempo già presentato un piano per correggere la situazione ed è stato ri-certificato dalle autorità.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-27 10:08:35 | 91.208.130.86