Keystone
FRANCIA
14.03.2020 - 20:080
Aggiornamento : 20:43

Coronavirus, anche la Francia chiude tutti i luoghi pubblici non indispensabili

In totale sono stati registrati 91 decessi

PARIGI - La Francia ha deciso di chiudere tutti i luoghi pubblici «non indispensabili», fra i quali ristoranti, bar, luoghi di culto. Lo ha annunciato in diretta tv il primo ministro, Edouard Philippe.

La fase 3, quella dell'epidemia ormai dilagante su tutto il territorio, è scattata questa sera in Francia, dopo «il raddoppio dei contagi in 3 giorni».

«Fino a nuovo ordine - ha annunciato Eduard Philippe - e a partire da questa sera a mezzanotte», tutti i bar, ristoranti, locali notturni e locali pubblici non essenziali. I luoghi di culto restano aperti ma senza celebrazioni. Restano aperte al pubblico farmacie, negozi di alimentari, banche e tabaccherie.

Ma, nonostante la massima allerta resta confermato per domani il primo turno delle elezioni comunali.

I contagi nel Paese hanno raggiunto nelle ultime 24 ore quota 4.500, con un aumento di 839 casi in 24 ore. Lo ha annunciato il direttore generale della Sanità, Jerôme Salomon. I decessi sono aumentati di 12, e sono arrivati a quota 91. Salomon ha parlato di «epidemia ormai diffusa su tutto il territorio».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-28 07:56:32 | 91.208.130.89