Cerca e trova immobili

MONDO«Ogni minuto nel mondo 20 persone sono costrette a fuggire»

20.06.24 - 10:26
L'Onu, in occasione della Giornata mondiale del rifugiato, attira l'attenzione su un tema troppo spesso dimenticato.
AFP
Fonte ATS ANS
«Ogni minuto nel mondo 20 persone sono costrette a fuggire»
L'Onu, in occasione della Giornata mondiale del rifugiato, attira l'attenzione su un tema troppo spesso dimenticato.

NEW YORK - Ogni minuto, 20 persone devono lasciare la loro casa, la propria terra, gli affetti, per sfuggire a guerre, persecuzioni o terrore. Per riconoscere la forza e il coraggio di coloro che sono stati costretti a fuggire dai loro paesi d'origine per sfuggire a conflitti o persecuzioni, l'Onu, insieme all'Unione africana, celebra oggi la Giornata mondiale del rifugiato che ha come tema ' Per un mondo che accoglie i rifugiati' che vuole sottolineare l'importanza della solidarietà internazionale per trasformare la loro vita.

Secondo l'Onu, ora più che mai, i rifugiati hanno bisogno della nostra solidarietà. Mostrare solidarietà significa tenere le porte aperte, riconoscere i punti di forza e le conquiste dei rifugiati e riflettere sulle sfide che devono affrontare.

Solidarietà con coloro che sono costretti a fuggire significa anche cercare soluzioni alla loro situazione: porre fine ai conflitti in modo che possano tornare a casa in sicurezza, garantire loro l'opportunità di ricostruire all'interno delle comunità che li hanno ospitati e fornire ai paesi ospitanti i mezzi necessari per accogliere e assistere i rifugiati.

Secondo i dati dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (Unhcr) alla fine di giugno 2023, erano110 milioni le persone in tutto il mondo sfollate con la forza a causa di persecuzioni, conflitti, violenze, violazioni dei diritti umani.

Nella prima metà dell'anno, circa il 90% dei nuovi sfollati ha riguardato conflitti nuovi e in corso e crisi umanitarie in paesi come l'Afghanistan, la Repubblica Democratica del Congo, l'America Latina e i Caraibi, il Myanmar, la Somalia, il Sudan e l'Ucraina. Negli anni '90, una media di 1,5 milioni di rifugiati erano in grado di tornare a casa ogni anno, rispetto ai circa 385.000 dell'ultimo decennio.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE