Cerca e trova immobili

BRASILEDeforestazione in Amazzonia, siamo ai minimi (dal 2017)

04.08.23 - 13:46
Per il mese di luglio i dati preliminari diramati dal governo brasiliano indicano un calo del 66%
Depositphotos (gustavofrazao)
Fonte ats
Deforestazione in Amazzonia, siamo ai minimi (dal 2017)
Per il mese di luglio i dati preliminari diramati dal governo brasiliano indicano un calo del 66%

SAN PAOLO - La deforestazione nell'Amazzonia brasiliana, a luglio, è scesa al livello più basso del mese dal 2017, secondo i dati preliminari diffusi dal governo.

I dati satellitari dell'Istituto nazionale per la ricerca spaziale (Inpe) indicano che i chilometri quadrati di foresta pluviale distrutti a luglio sono stati 500, facendo registrare un calo del 66% rispetto allo stesso mese di un anno fa.

Secondo l'Inpe, complessivamente nei primi sette mesi dell'anno, la deforestazione è diminuita del 42,5% rispetto allo stesso periodo del 2022.

I cali sequenziali di giugno e luglio sono particolarmente promettenti, poiché i dati mensili sulla deforestazione in Amazzonia spesso aumentano in questo periodo dell'anno.

"Stiamo assistendo all'inversione della curva di crescita della deforestazione", ha evidenziato il segretario del ministero dell'Ambiente Joao Paulo Capobianco.

I risultati arrivano mentre il presidente Lula sta preparando un vertice per l '8 e 9 agosto a Belem, che riunirà gli otto leader dell'Organizzazione del trattato di cooperazione amazzonica (Bolivia, Brasile, Colombia, Ecuador, Guyana, Perù, Suriname e Venezuela), a cui si aggiungeranno i capi di stato e di governo della Repubblica del Congo e della Repubblica democratica del Congo, che custodiscono il cuore verde dell'Africa, e quello dell'Indonesia.

Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Miki89 8 mesi fa su tio
Ci consideriamo cittadini di nazioni civilizzate, nazioni democratiche e solidali, pronte ad aiutare e a difendere i più deboli. Aiutandoli con medicine cibo e armi, tutto questo per garantire i diritti umani e la sovranità nazionale... Cittadini convinti di essere nel giusto, sempre nel bene, rispettando regole e certi che i nostri governi lavorino per il bene del paese delle persone, investendo sul nostro futuro e la nostra sopravvivenza. Potremmo raccontarne mille altre prese per i fondelli ma, come è possibile che non ci rendiamo conto della realtà?

F/A-19 8 mesi fa su tio
Risposta a Miki89
La qualità della nostra vita col tempo è migliorata, viviamo inoltre più a lungo, ritengo che l’essere umano comunque fa passi in avanti, non indietro, non ti risulta?

F/A-19 8 mesi fa su tio
Lula deve farsi ancora 10 anni di galera, poi il fatto che applaude all’amico Put per chi lo ha tolto di galera è la massima rappresentazione della giustizia Brasiliana quindi una vergogna su tutti i fronti, questa notizia è solo l’ultima menzogna di questo governo di 🤡.

Brasil63 8 mesi fa su tio
Il presidente del Brasile, Luiz Inacio Lula da Silva, non ha escluso che il gigante statale dell'energia Petrobras possa avviare l'esplorazione petrolifera nella foce del Rio delle Amazzoni nonostante il divieto dell'Istituto brasiliano per l'ambiente e le risorse naturali rinnovabili (Ibama). E voi credete a questo pa.gli.accio quando dice che la deforestazione è diminuita. Uno che 2 giorni fa ha nominato il suo avvocato come ministro del Supremo Tribunale Federale. Un altro dei suoi per parargli il c.u.l.o.

Quasi svizzeri 8 mesi fa su tio
Dal 2017.. ma se ci si basa su dati già alti siamo a posto..

Johnnybravo 8 mesi fa su tio
Risposta a Quasi svizzeri
Sì, ok. Comunque sempre meglio che continuare con la politica ambientale distruttiva di Bolsonaro! È vero che ci vorrà del tempo per recuperare, ma un cambiamento di tendenza è già un passo importante. Non possiamo aspettarci risultati immediati, ma l'importante è che siamo sulla strada giusta per invertire la situazione, o no? 😉

Mat78 8 mesi fa su tio
Non basta, dovete riforestare oltre a rallentare la deforestazione, sempre che sia vero.

sWiSs_PiRaTe 8 mesi fa su tio
Risposta a Mat78
esatto, sempre se sia vero. Pure i giornalisti dovrebbero utilizzare "i 3 setacci di Socrate" prima di divulgare una notizia.

Johnnybravo 8 mesi fa su tio
Risposta a sWiSs_PiRaTe
Ma perché dobbiamo sempre mettere tutto in dubbio? Oggi abbiamo a disposizione una vasta gamma di tecnologie che ci aiutano a verificare le informazioni. Se le affermazioni fossero false, sarebbe facilmente dimostrabile tramite l'utilizzo delle foto satellitari e di altre risorse.

Gio58 8 mesi fa su tio
Risposta a Johnnybravo
Johnnybravo E certo, perché mettere in dubbio questi dati?? Sono dati del governo brasiliano. Com'è già il detto? Non chiedere all'oste se il vino è buono.

sWiSs_PiRaTe 8 mesi fa su tio
Risposta a Johnnybravo
perché mettere in dubbio tutto? perché l'essere umano è quello che è...
NOTIZIE PIÙ LETTE