Cerca e trova immobili

RUSSIAMosca contro Ankara: «Il ritorno in patria dei prigionieri del battaglione Azov viola gli accordi»

08.07.23 - 20:25
Lo fa sapere il Cremlino attraverso il suo portavoce Dmitry Peskov
Foto Keystone
Fonte ATS
Mosca contro Ankara: «Il ritorno in patria dei prigionieri del battaglione Azov viola gli accordi»
Lo fa sapere il Cremlino attraverso il suo portavoce Dmitry Peskov

MOSCA - Il ritorno dei combattenti del battaglione Azov dalla Turchia all'Ucraina «va contro i termini degli accordi esistenti. Le condizioni di ritorno sono state violate sia dalla parte turca che da Kiev».

Lo ha dichiarato il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, a Ria Novosti, parlando di un'intesa per uno scambio di prigionieri con Kiev mediata dalla Turchia lo scorso anno.

Diversi gli ufficiali ucraini del battaglione che difese per mesi l'acciaieria Azovstal di Mariupol e arresisi ai russi nel maggio del 2022 che sono stati rilasciati in uno scambio di prigionieri dopo una tappa in Turchia e che sono tornati in Ucraina sullo stesso aereo di Zelensky.

L'Ukrainska Pravda ha anche pubblicato un video nel quale si vede Zelensky in un aeroporto che abbraccia calorosamente i militari (in abiti civili) appena scesi da un pullman prima di imbarcarsi con loro sul volo di stato presidenziale.

«Torniamo a casa dalla Turchia e riportiamo a casa i nostri eroi. I soldati ucraini Denys Prokopenko, Svyatoslav Palamar, Serhiy Volynsky, Oleh Khomenko, Denys Shleha. Finalmente saranno con i loro parenti. Gloria all'Ucraina!». Lo ha scritto su Telegram il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

Come riporta Rbc Ukraine, si tratta di Denys Prokopenko comandante del battaglione Azov, Serhiy Volynskyi, comandante ad interim della 36a Brigata Marina Separata, Svyatoslav Palamar, vice comandante del battaglione Azov, Oleg Khomenko, Maggiore della guardia nazionale ucraina, e Denys Shleha, colonnello della guardia nazionale ucraina.

COMMENTI
 

Esse 7 mesi fa su tio
Bo? ...avrò capito male ai tempi, credevo che l' eliminazione di questa minaccia (battaglioni di assassini nassisti a caccia di russi e loro simpatizzanti in Ucraina ) fosse il motivo del operazione speciale.

T-34 7 mesi fa su tio
Per Erdogan i curdi sono terroristi. A quanto pare, invece, i nazi-suprematisti bianchi sono brava gente. Guardiamo il lato positivo: vi è buona probabilità che, grazie a questa mossa, ritornando in patria i 5 Azov saranno trasformati in concime prima del previsto, con grande beneficio per tutta l'umanità. Tanto per cambiare ucraini e turchi non stanno ai patti e si rimangiano gli accordi sullo scambio di prigionieri. Bella mossa, ma la Russia, constatando che tali accordi sono una presa in giro, la prossima volta potrebbe non volere più trattare. A tutto svantaggio dei prigionieri stessi, sia di un fronte che dell'altro.

robinson 7 mesi fa su tio
Una foto parla più di mille parole….

T-34 7 mesi fa su tio
Che bella foto, e soprattutto che bella combriccola! Viene proprio voglia di andarci in vacanza assieme o di averli come vicini di casa. Quasi quasi ma faccio nazista anch'io, così agevolo questa eventualità.

T-34 7 mesi fa su tio
Risposta a T-34
Avrebbero potuto posare a dorso nudo. Zelensky si sarebbe certamente sentito rinfrancato e ringalluzzito, attorniato da svastiche e croci celtiche. E noi occidentali avremmo avuto un motivo in più per inneggiare ai famosi valori democratici condivisi.

Gemelli57 7 mesi fa su tio
Risposta a T-34
Certo come le facce di quelli della Wagner o di quel primitivo di un ceceno. Co unque ognuno ha i suoi gusti e non si discutono....probabilmente ci si immedesima.

s1 7 mesi fa su tio
Questa sembra una vittoria importante sul piano diplomatico e mediatico di zelensky. Che Erdogan faccia questo sgarbo violando gli accordi presi con la Russia e avendo invitato putin il giorno stesso ad andare in turchia e strano. Le cose spesso non sono quello che sembrano e non si vede quello che c'è dietro... Sviluppi interessanti attesi.. L accordo sul grano, che altro..
NOTIZIE PIÙ LETTE