Cerca e trova immobili

RUSSIALa Russia e la militarizzazione dell'Artico

14.06.23 - 12:22
I cambiamenti climatici obbligano la Russia a giocare d'anticipo e in difesa.
Reuters
La Russia e la militarizzazione dell'Artico
I cambiamenti climatici obbligano la Russia a giocare d'anticipo e in difesa.

MOSCA - Si sente spesso parlare della minaccia rappresentata dalla Russia e dalla Cina. E a giusto titolo. Queste due superpotenze mondiali sono in procinto di cambiare tutto l'assetto geopolitico mondiale. E non ci metteranno molto. Tuttavia, stando al Guardian, c'è un problema più importante che richiede l'attenzione dei governi occidentali. Ed è la questione dell'Artico. Quell'enorme massa di acqua solidificata che "fluttua" attorno al circolo polare ha il potenziale di modificare le rotte del commercio internazionale, generare scarsità alimentare, amplificare la povertà nel mondo, aggravare la crisi migratoria, riscrivere le alleanze militari e aumentare il rischio di una terza guerra mondiale. Ma andiamo con ordine. 

Gli Stati che si affacciano sull'Artico, ovvero: Stati Uniti, Canada, Russia, Finalandia, Danimarca, Islanda, Norvegia e Svezia hanno a lungo collaborato nel quadro del Consiglio artico, un organizzazione sovranazionale dedita alla ricerca scientifica e al progresso. Questo fino all'invasione dell'Ucraina. Da quel momento sono cambiate le carte in tavola. Le periodiche sedute del Consiglio si sono infatti interrotte, generando tutta una serie di ripercussioni negative: dall'impedimento del progresso scientifico alla militarizzazione dell'Artico. 

Malgrado il Consiglio si sia sempre definito apolitico, il precario equilibrio geopolitico mondiale ha sempre influito sulle dinamiche interne dell'organizzazione. Basti considerare che cinque membri su otto facevano parte della NATO. Ora il contesto è decisamente cambiato: la Finlandia ha raggiunto l'alleanza in aprile e la Svezia sta per diventare un membro a tutti gli effetti. Nel Consiglio la Russia si troverà ben presto con le spalle al muro.

L'impatto del riscaldamento climatico - Ma soffermiamoci sulle questioni climatiche: i ghiacci si stanno sciogliendo. E questo, a un ritmo sempre maggiore. La superficie del ghiaccio che si forma nei mesi estivi è diminuito del 30% e più del 90% del ghiaccio "vecchio" (di età superiore ai 5 anni) si è completamente sciolto. Le calotte in questione erano responsabili del raffreddamento delle temperature terresti, in quanto riflettevano i raggi solari fuori dall'atmosfera. Con la loro scomparsa, le temperature artiche si stanno alzando a un ritmo tre volte superiore al riscaldamento globale. Secondo la comunità scientifica, l'Artico sarà completamente sprovvisto di ghiaccio estivo a partire dal 2040-45. 

Ciò comporterà l'apertura stagionale di una nuova rotta marittima, che permetterà di collegare l'Asia all’Europa e al Nordamerica passando dal circolo polare. Per non parlare della sparizione della barriera naturale situata sulle coste a Nord della Russia, che ha protetto il Paese da incursioni per millenni. Lo scioglimenti dei ghiacci è infatti uno dei punti salienti della politica di sicurezza del Cremlino, il quale ha cominciato ha militarizzare, massicciamente, le sue coste Nord.

I piani di Mosca - Il presidente russo Vladimir Putin ha grandi progetti per la rotta marittima dell'Artico. L'obbiettivo sarebbe quello di raddoppiare il commercio nei prossimi anni. Mosca ha edificato oltre 450 basi militari sulle sue coste, riabilitando vecchie basi risalenti all'era sovietica e armando la flotta artica con missili nucleari tattici e convenzionali. 

Il Cremlino ha recentemente fatto passare una legge che obbliga qualsiasi nave da guerra che intende transitare in quelle acque a notificare le autorità con 90 giorni di preavviso. I sottomarini stranieri sono inoltre obbligati a riaffiorare in qualsiasi momento per mostrare la propria bandiera. 

La contromossa dell'Occidente - È probabile che gli Stati Uniti e la NATO tenteranno di assicurarsi il libero accesso al mare dell'Artico. Per farlo si appoggeranno sulla Convenzione dell'ONU sul diritto del mare. Ma la mossa non è priva di rischi. La Russia potrebbe infatti intenderla come una provocazione. D'altra parte, i Paesi occidentali non si trovano nella posizione di potere permettere alla Russia di normalizzare la "privatizzazione" della rotta marittima artica.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

uriah heep 1 anno fa su tio
Lemmy ridicolo , non vuoi vedere la realtà !!😩😩Putin il bravo , buono e democratico !!😂😂

Lemmy 1 anno fa su tio
Il nemico sta a Washington e Bruxelles. Punto

falco8 1 anno fa su tio
ero al corrente di tutto ma è una buona cosa che vengano pubblicati su un sito popolare come questo articoli istruttivi di questo tipo.

s1 1 anno fa su tio
Risposta a falco8
Haha si certo istruttivo... Certo quello che interessa a tutti é il ghiaccio che si scioglie... sisi certo, mica quello che c'è sotto.. È per le rotte artiche basta guardare dove sono e chi le controlla. Il resto è mangime per polli

falco8 1 anno fa su tio
Risposta a s1
non capisco nulla di ciò che dici, sotto il ghiaccio c'è aqua e quindi dove vuoi arrivare? sotto i ghiaccio siberiano invece ci sono materie prime illimitate, i russi lo sanno bene e si aspettano che un giorno saranno i primi fornitori mondiali di terre rare, metalli di ogni genere, ecc ecc, l'artico sarà la loro autostrada.

matterhorn 1 anno fa su tio
Risposta a falco8
Alludeva al petrolio… ringrazialo per questa rivelazione..

s1 1 anno fa su tio
Risposta a falco8
Ammettere la propria ignoranza é un buon punto di partenza, da lì ci si può informare e vedere che la corsa all'articolo è iniziata da un po' e non solo per petrolio, poi arrivano i gonzi di di tionline a svelare i segreti di pulcinella in salsa russofoba

s1 1 anno fa su tio
Risposta a s1
Artico no articolo..

Tiki8855 1 anno fa su tio
Russia e Cina si stanno in effetti muovendo assai celermente in questo contesto. Grazie Tio per questo approfondimento!

Roggino 1 anno fa su tio
Risposta a Tiki8855
La Cina nell’artico?! 🤔

falco8 1 anno fa su tio
Risposta a Roggino
roggino non hai capito, prendi un mappamondo e immagina che non ci saranno più ostacoli nell'emisfero nord. per ora i ghiacci sono più fragili ma un giorno spariranno come i nostri ghiacciai ed è quindi sempre più facile farci passare le navi senza utilizzare le potenti navi 'spaccaghiaccio' per far strada. e quindi il mercato asiatico in primis quello cinese sarà improvvisamente a due passi da casa nostra, senza più dover passare dai vari stretti canali del sud, quindi trasporti navali molto più efficienti ed economici. stesso discorso per gli us che si troveranno a due passi dall'europa ma c'è un problema, la russia da decenni si prepara a questo scenario e vuole mantenere il suo controllo sulla zona ora ultra militarizzata, i loro alleati stanno tranquilli ma di sicuro non lasceranno agli us via libera. quindi si può facilmente immaginare un conflitto futuro per il controllo dell'artico.

Roggino 1 anno fa su tio
Risposta a falco8
Ah si? Dici? Io penso piuttosto che la Cina non sara molto contenta di quella via di passaggio visto che renderebbe inutili tutti gli investimenti fatti per creare la via della seta. 😉

matterhorn 1 anno fa su tio
L’ho trovato molto interessante questo articolo. Bravo Tio complimenti.

silonzo 1 anno fa su tio
Risposta a matterhorn
si però il giornalista, sarà pure in formazione, ma dovrebbe conoscere la differenza tra "a" e "ha"...

matterhorn 1 anno fa su tio
Risposta a silonzo
Guarda.. su questo non dico nulla perché a me spesso capita di fare errori perché…a volte commento quando sarebbe meglio non farlo e partono errori ortografici 🏎️ 😅 Pertanto non dico nulla
NOTIZIE PIÙ LETTE