Cerca e trova immobili

GUERRA IN UCRAINADiga distrutta, la Turchia chiede un'indagine internazionale

07.06.23 - 15:06
Anche la Cina è preoccupata per gli «impatti umanitari, economici ed ecologici» della vicenda
keystone-sda.ch (MAXAR TECHNOLOGIES HANDOUT)
Fonte Ats Ans
Diga distrutta, la Turchia chiede un'indagine internazionale
Anche la Cina è preoccupata per gli «impatti umanitari, economici ed ecologici» della vicenda

ANKARA - Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan propone una commissione d'inchiesta internazionale sull'esplosione della diga di Kekhovka in Ucraina. La proposta nel corso di una telefonata con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Secondo il presidente turco la commissione d'inchiesta potrebbe essere formata da delegati di Russia, Ucraina, Turchia e Nazioni Unite, fa sapere l'agenzia di stampa turca Anadolu.

Ankara è pronta a fare la sua parte per assicurare la pace tra Mosca e Kiev, ha aggiunto Erdogan durante la telefonata con Zelensky. Da parte sua Zelensky - nel corso della telefonata con Erdogan -, ha evocato le conseguenze umanitarie sulle inondazioni. «Ho avuto una conversazione telefonica con il presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan. Ho parlato delle conseguenze umanitarie e ambientali dell'attacco terroristico russo alla diga di Kakhovka e in particolare, dei rischi per la centrale di Zaporizhzhia. Ho consegnato un elenco di urgenti necessità per eliminare il disastro», ha riferito Zelensky, scrive Ukrinform.

Il leader ucraino ha anche osservato che la voce della Turchia è importante quando si tratta del ritiro delle truppe di occupazione russe dal territorio ucraino e del ritorno dalla prigionia russa delle nostre persone imprigionate illegalmente, in particolare dei tatari di Crimea. I presidenti dei due paesi hanno anche discusso della continuazione e dell'espansione dell'iniziativa sul grano.

«Il ritorno al negoziato» tra Ucraina e Russia «dovrebbe essere l'idea dominante perché prevenire la perdita di vite ogni giorno è impossibile dal momento che il conflitto si protrae», ha affermato Erdogan, come fa sapere la presidenza della Repubblica di Ankara, durante la telefonata conZelensky. La Turchia continuerà con i suoi sforzi per arrivare a una «pace giusta», ha aggiunto Erdogan.

A colloquio anche con Putin - Erdogan ha discusso telefonicamente della situazione dopo il crollo della diga di Kakhovka anche con il presidente russo Vladimir Putin. Lo riferisce l'ufficio presidenziale turco, citato dalle agenzie russe. Erdogan ha sottolineato l'esigenza di un'inchiesta esaustiva su quanto avvenuto.

Da parte sua Putin ha definito la distruzione della diga di Kakhovka «un'azione barbara di Kiev», compiuta su suggerimento dei suoi «curatori occidentali», riferisce il servizio stampa del Cremlino citato dalla Tass. Putin ha affermato che «le autorità di Kiev, su istigazione dei loro curatori occidentali, continuano a puntare pericolosamente sulla escalation delle ostilità, commettono crimini di guerra, usano apertamente metodi terroristici e organizzano sabotaggi sul territorio russo».

«Un chiaro esempio di questo - ha aggiunto il presidente russo - è l'azione barbara per distruggere la centrale idroelettrica di Kakhovka, che ha provocato un disastro ambientale e umanitario su vasta scala».

Le preoccupazioni cinesi - Anche la Cina esprime «seria preoccupazione per i danni alla diga della centrale idroelettrica di Kakhovka» a causa degli «impatti umanitari, economici ed ecologici che ne derivano».

Il portavoce del ministero degli Esteri Wang Wenbin, commentando la vicenda, ha affermato che Pechino chiede «a tutte le parti in conflitto di rispettare il diritto internazionale umanitario e di fare tutto il possibile per proteggere la sicurezza dei civili e delle strutture civili». La posizione della Cina sulla crisi ucraina «è sempre stata chiara» e l'auspicio è che «tutte le parti si impegnino per una soluzione politica e un allentamento delle tensioni».

In relazione ai risvolti economici negativi menzionati sopra, l'ambasciatore ucraino presso la Santa Sede Andri Yurash, in un'intervista al canale televisivo italiano Sky Tg24, si è detto preoccupato per quanto riguarda il corridoio del grano. «Perchè la Russia ha commesso questo crimine? Perchè sarà difficile per noi ucraini riorganizzarci, anche riguardo all'iniziativa del grano. L'impatto in questo caso è particolarmente pesante. È stata danneggiata la capacità di produzione agricola dell'Ucraina. Anche la controffensiva sarà influenzata da questo ma se Mosca si aspetta di fermarci nella riconquista dei nostri territori, si sbaglia. La parte controllata dai russi ha avuto più danni di quella sotto il controllo ucraino».

«Colpa dell'Occidente» - Gli Usa, la Gran Bretagna e i loro Paesi partner della Nato sono responsabili, insieme all'Ucraina, dell'attacco alla diga di Kakhova. Lo ha affermato il segretario del Consiglio di Sicurezza nazionale russo, Nikolai Patrushev.

«Gli Stati Uniti - ha detto Patrushev, citato dall'agenzia Ria Novosti - dicono di non sapere chi è responsabile per l'esplosione alla centrale idroelettrica. Allo stesso tempo, si sa per certo che le attività delle forze armate dell'Ucraina sono coordinate con gli Usa, la Gran Bretagna e i loro partner della Nato». Quindi, ha concluso, «hanno deciso» insieme di provocare l'esplosione e «devono essere ritenuti responsabili per questo atto cinico».

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Keope1963 1 anno fa su tio
Secondo me è stato Medvedev con una sua scoreggia etilica

Gio58 1 anno fa su tio
Anche stavolta gli innumerevoli satelliti, che riescono a vederti anche quando vai a fare i bisogni dietro ad una pianta, non hanno visto nulla!!!!

Sig der sauer 1 anno fa su tio
Risposta a Gio58
Come scritto sotto, vai a vedere, i satelliti qualcosa lo hanno visto…

Sig der sauer 1 anno fa su tio
OPEN: I dubbi sulla diga di Nova Kakhovka: dalla negazione dei russi al pezzo di ponte crollato nei giorni scorsi. È un’ipotesi interessante.

Quasi svizzeri 1 anno fa su tio
Tanto va a finire come quella del gasdotto, nel nulla.

curiuus 1 anno fa su tio
Ci mancava solo Erdogan a rigirare la minestra...

matterhorn 1 anno fa su tio
Buona idea la proposta di Erdogan!

Anti ch 1 anno fa su tio
Risposta a matterhorn
👎👎👎👎proprio lui deve parlare🤮🤬
NOTIZIE PIÙ LETTE