Immobili
Veicoli

STATI UNITIGuterres: «Le fake news possono fare la differenza tra vita e morte»

13.07.22 - 11:49
Il Segretario Generale ha rilanciato la lotta contro la disinformazione per proteggere i caschi blu in azione.
Keystone
Fonte ATS
Guterres: «Le fake news possono fare la differenza tra vita e morte»
Il Segretario Generale ha rilanciato la lotta contro la disinformazione per proteggere i caschi blu in azione.

NEW YORK - Nei luoghi in cui sono schierate le forze di pace delle Nazioni Unite, «la disinformazione può fare la differenza tra pace e guerra, vita e morte». Lo ha dichiarato il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, parlando al Consiglio di sicurezza dell'Onu, sottolineando che molti caschi blu considerano le false notizie una minaccia grave alla loro sicurezza.

I precedenti - Ne è un esempio il Mali, ha ricordato Guterres, dove su Facebook è stata pubblicata una falsa lettera in cui si affermava che le forze di pace stavano collaborando con gruppi armati. Il messaggio è diventato virale su WhatsApp ed è stato ripreso dai media nazionali. «Questa lettera contraffatta ha alimentato l'ostilità e il risentimento nei confronti delle forze di pace, rendendo ancora più difficile il loro compito fondamentale di proteggere i civili» ha spiegato Guterres.

«Le forze di pace affrontano terroristi, criminali, gruppi armati e i loro alleati, molti dei quali hanno accesso a potenti armi moderne e hanno un interesse acquisito nel perpetuare il caos in cui prosperano - ha aggiunto il capo delle Nazioni Unite - e le armi brandite non sono solo pistole ed esplosivi: la disinformazione e l'incitamento all'odio sono sempre più utilizzati come armi da guerra».

Il potere dell'informazione - «La comunicazione strategica, credibile, accurata e incentrata sull'uomo, è uno dei nostri strumenti migliori e più convenienti per contrastare la minaccia», ha detto ancora il Segretario generale, secondo cui «una comunicazione appropriata crea fiducia e ottiene sostegno politico e pubblico. Consente alla popolazione locale di comprendere meglio le nostre missioni e mandati e, a sua volta, permette ai nostri operatori di pace di conoscere le preoccupazioni, le aspettative e le speranze della popolazione locale. Può creare uno spazio sicuro per la riconciliazione e la costruzione della pace per lavorare e fornire alle donne, ai giovani e alla società civile un migliore accesso ai processi di pace».

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE DAL MONDO