Depositphotos (prometeus)
Confindustria propone: «Niente vaccino, niente stipendio».
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
ITALIA
2 ore
Scossa di terremoto vicino alle Eolie
La magnitudo è stata di 4,3, l'attenzione è volta ai vulcani
EMIRATI ARABI UNITI
2 ore
Lo sceicco concede la grazia a 870 detenuti
Il gesto coincide con la cinquantesima Giornata nazionale degli Emirati
LE FOTO
REGNO UNITO
2 ore
Venti devastanti sferzano il Regno Unito, tre decessi
La tempesta Arwen ha portato venti fino a 155km/h, moltissimi i danni e i disagi
EUROPA
16 ore
Omicron avanza, l'Europa trema
In Olanda 85 casi su due voli, scoperti contagi anche in Italia e Germania. Tornano le quarantene cautelative
LIVE
MONDO
LIVE
«Omicron dà sintomi lievi»
La presidente dell'Associazione dei medici del Sudafrica dà una speranza sulla nuova variante del virus.
ITALIA
21 ore
I No-Pass lanciano gli home bar: «Come al ristorante ma a casa»
È L'ultima idea nata sui social per eludere il Super Green Pass che entrerà in vigore il prossimo sei dicembre.
MILANO
1 gior
A Milano da oggi si torna alla mascherina all'aperto
La disposizione sarà valida in tutto il centro città almeno fino al 31 dicembre.
KOSOVO
1 gior
Attacca uno scuolabus imbracciando un Kalashnikov
La mattanza è avvenuta ieri sera nel villaggio di Gllogjan: deceduti due studenti e l'autista.
CINA
1 gior
«Profondamente preoccupato per Peng Shuai»
Il presidente della Wta Steven Simon non è tranquillo sulle condizioni della tennista cinese.
SUDAFRICA
1 gior
Tutti in fuga da Omicron
Fuggi fuggi generale tra i viaggiatori che stanno cercando di prendere gli ultimi voli per abbandonare il Sudafrica.
Stati Uniti
1 gior
La pillola di Merck è meno efficace del previsto
La Food and drug amministration si è attivata per capire se l'uso di questo farmaco dovrebbe essere limitato
ITALIA
21.07.2021 - 18:300

Confindustria spinge per l'obbligo vaccinale: demansionamento o niente salario per chi non è in regola

Sonora bocciatura dei sindacati: «Non sono le aziende che devono stabilire chi entra e chi esce».

Ora tocca al governo, che nelle prossime ore prenderà una decisione sul Green pass.

ROMA - «Niente vaccino, niente stipendio». È questa, in estrema sintesi, la proposta di Confindustria sul tema dell'obbligatorietà della copertura vaccinale sul luogo di lavoro, in vista di una piena ripartenza in autunno.

La proposta - La principale organizzazione italiana delle imprese manifatturiere e dei servizi sta lavorando con il governo e i sindacati per aggiornare i protocolli di sicurezza. L'ipotesi, spiegano i media italiani, è contenuta in una mail interna, inviata dalla direttrice generale Francesca Mariotti ai direttori del sistema industriale. «L’esibizione di un certificato verde valido dovrebbe rientrare tra gli obblighi di diligenza, correttezza e buona fede su cui poggia il rapporto di lavoro». In caso di mancata presentazione del certificato Covid, «il datore dovrebbe poter non ammettere il soggetto al lavoro, con sospensione della retribuzione in caso di allontanamento dell’azienda». È possibile anche il demansionamento del lavoratore.

La bocciatura dei sindacati - I sindacati, pur sottolineando l'importanza della vaccinazione, bocciano senza mezzi termini la proposta. L'azienda che s'informa sullo stato vaccinale del dipendente crea una grave violazione della privacy, spiegano, soprattutto in assenza di un quadro legislativo che non imponga l'obbligo di essere immunizzati. Il segretario della Cgil Maurizio Landini definisce l'idea di Confindustria «una forzatura». Poi precisa: «In questo anno di pandemia i lavoratori sono sempre andati in fabbrica in sicurezza. Rispettando i protocolli e le norme di distanziamento. Non sono le aziende che devono stabilire chi entra e chi esce. Una scelta di questo tipo la può compiere solo il governo. I lavoratori sono stati i primi, durante la pandemia, a chiedere sicurezza arrivando addirittura allo sciopero per ottenerla. Io mi sono vaccinato e sono perché tutti si vaccinino. Ma qui, diciamolo, siamo di fronte a una forzatura. Non va mai dimenticato che i lavoratori sono cittadini e hanno i diritti e i doveri di tutti i cittadini. Confindustria, piuttosto, si preoccupi di far rispettare gli accordi contro i licenziamenti».

Una legge ad hoc? - Sarebbe diverso, invece, se ci fosse una legge a imporre la vaccinazione per determinate categorie che operano a stretto contatto con il pubblico. «La Costituzione all'articolo 32» aveva affermato il giuslavorista Petro Ichino «garantisce la salute e la sicurezza a tutti. Libero dunque chi preferisce stare a casa propria senza vaccinarsi, ma non di mettere a rischio la salute dei compagni di lavoro».

Si è registrata la presa di posizione della sottosegretaria all'Economia Cecilia Guerra. «Le decisioni vanno prese congiuntamente» ha dichiarato a La7,stoppando le "fughe in avanti" da parte dei datori di lavoro. Anche Coldiretti ha manifestato la sua preoccupazione: l'obbligo di certificato Covid metterebbe a rischio le forniture alimentari in Italia, contando l'alto numero di cittadini non ancora vaccinati e le grandi difficoltà per l'arrivo dei lavoratori stagionali dall'estero.

Che deciderà il governo? - La palla, ora, è in mano al governo. Il premier Draghi sarebbe intenzionato ad accelerare sul Green pass per grandi eventi e luoghi al chiuso - i ristoranti, per esempio -, al contrario della Lega che ha manifestato la sua avversione all'obbligo vaccinale per gli insegnanti. Altri elementi della complessa maggioranza di governo sono invece decisamente a favore. Il Consiglio dei ministri si riunirà nelle prossime ore e le nuove regole sul Green pass potrebbero entrare in vigore il 26 luglio. Sempre che si trovi un accordo.

Un compromesso sarebbe la proposta del sottosegretario alla Salute Andrea Costa, che ha suggerito che il certificato Covid, rilasciato dopo la seconda dose di vaccino, sia obbligatorio per andare al ristorante o per i viaggi a lunga percorrenza, ma solo nelle zone gialle (o di colore più scuro).

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-28 13:04:42 | 91.208.130.86