keystone-sda.ch / STF (Andrew Medichini)
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
BRASILE
23 min
Bolsonaro come Hitler: la copertina crea scandalo
Un settimanale brasiliano attacca il presidente definendolo «architetto della tragedia» e «mercante di morte».
NIGERIA
1 ora
Attacco al mercato, almeno 43 morti in Nigeria
Uomini armati hanno assaltato un villaggio dello stato di Sokoto, nel nord-ovest del Paese.
FOTO
STATI UNITI
2 ore
MacBook Pro 2021: ecco le “macchine bestiali”
In una presentazione a velocità della luce Apple ha presentato i suoi due nuovi MacBook Pro.
ITALIA
4 ore
Un professore alla guida di Roma
In Italia vola il centrosinistra che si è portato a casa tutti i capoluoghi di regione (a parte Trieste).
FOTO
STATI UNITI
4 ore
Esce dal ristorante senza mascherina, è bufera su Joe Biden
Il presidente è stato fotografato a viso scoperto mentre usciva da un ristorante italiano di Washington D.C.
Cina
5 ore
Non era un missile ipersonico, ma comunque nessuno lo ha visto
La conferma dal Ministero degli esteri: «Era la prova di routine di un veicolo spaziale»
NORVEGIA
5 ore
Niente arco e frecce, il killer di Kongsberg ha pugnalato le 5 vittime
Gli omicidi non sono avvenuti con l'arco, ma con «un'arma bianca».
UNIVERSO
6 ore
Scoperta una stella che «si accende e si spegne»
Si tratta di una nana bianca a 1'400 anni luce di distanza
CINA
7 ore
Perché in tantissimi facevano il tifo per un pluriomicida cinese in fuga
Aveva accoltellato un'intera famiglia ma tutti speravano che potesse farla franca, la tragica storia di Ou Jinzhong
RUSSIA
8 ore
Dal 1 novembre la Russia taglierà i ponti con la NATO
La decisione, esplicitata oggi da Mosca ha motivazioni espressamente politiche
STATI UNITI
9 ore
Colin Powell è morto di Covid 19
L'ex Segretario di Stato americano aveva 84 anni lottava da tempo con la malattia
ITALIA
13.07.2021 - 20:440

Infine, Venezia dice addio alle grandi navi

«È una giornata storica», ha detto il Ministro della cultura, Dario Franceschini

ROMA - Niente sconti, né dilazioni, dal 1° di agosto 2021 le grandi navi smetteranno di attraversare Venezia e di affacciarsi con i loro alti profili sul bacino di San Marco, che da oggi, per decreto, sarà monumento nazionale, come pure le vie d'acqua più importanti della città, il canale di San Marco e quello della Giudecca, diventate negli anni il passaggio obbligato dei colossi da crociera.

«Una giornata storica», commenta il ministro della cultura italiano Dario Franceschini lasciando palazzo Chigi, dopo il Consiglio dei ministri che ha dato l'ok al decreto Salva Venezia, «un impegno che avevo preso pubblicamente e che abbiamo rispettato».

A tre giorni dall'avvio dell'assemblea annuale dell'Unesco, che quest'anno si terrà in Cina, l'Italia risponde così all'aut aut arrivato nero su bianco qualche settimana fa dai tecnici dell'organizzazione delle Nazioni Unite. E con una presa di posizione del governo Draghi che va anche oltre le aspettative e le richieste dei tecnici Unesco, mette in salvo Venezia dall'ipotesi, mai stata così concreta, di un inserimento nella black list dei siti in pericolo.

Una figuraccia sventata, insomma. Ma anche una svolta, dopo decenni di battaglie e di furiose polemiche. Con l'esecutivo che di fatto riesce là dove tanti governi hanno fallito, trovando un escamotage per mettere in sicurezza, dichiarandoli monumento, i luoghi più iconici della laguna. E offrendo al contempo un corposo ristoro per evitare ripercussioni sui circa 3000 lavoratori del comparto. Questo, fa notare il ministro delle infrastrutture Enrico Giovannini, oltre a «157 milioni di investimenti per realizzare gli approdi temporanei all'interno dell'area di Marghera».

Tant'è, mentre da Palazzo Chigi arriva anche la rassicurazione che «si concluderanno i lavori di completamento del Mose e si realizzerà in tempi brevi l'Autorità della Laguna con la rinascita del Magistrato alle acque», le amministrazioni locali sembrano tirare un respiro di sollievo. E se dal comune parlano di una soluzione «che il sindaco Luigi Brugnaro chiedeva da 12 anni, da quando rappresentava la Confindustria veneziana», il governatore veneto Luca Zaia definisce il decreto «un segnale positivo per l'Unesco e la platea internazionale».

Il provvedimento dichiara il Bacino di San Marco, il Canale di San Marco e il Canale della Giudecca monumento nazionale e vieta il transito di qualsiasi nave superi le 25mila tonnellate di stazza (il limite auspicato era di 40mila) o abbia uno scavo che superi i 180 metri o ancora un'altezza (tiraggio aereo) superiore ai 35 metri (con l'esclusione delle navi a vela o miste a vela-motore). Mentre impone che il combustibile usato per le manovre rispetti l'ambiente, con una percentuale di zolfo non superiore allo 0,1%.

Quanto ai soldi, sono previste una serie di compensazioni «in favore delle compagnie di navigazione, del gestore del terminal di approdo interessati dal divieto di transito, delle imprese titolari di contratti d'appalto di attività comprese nel ciclo operativo di detto gestore e dei lavoratori dei comparti della navigazione e della logistica connessa al transito delle navi nelle vie urbane d'acqua». 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 3 mesi fa su tio
L'affermazione del governatore Zaia lascia perplessi : una decisione per la città di Venezia, non un segnale per gli altri.
Blobloblo 3 mesi fa su tio
Finalmente
volabas56 3 mesi fa su tio
Era da molto tempo che andava fatto; ma meglio tardi che mai.
SteveC 3 mesi fa su tio
Dovrebbe però essere da subito!
Booble63 3 mesi fa su tio
Era ora !
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-18 23:36:22 | 91.208.130.86