keystone-sda.ch / STF (LESZEK SZYMANSKI)
STATI UNITI
06.05.2021 - 12:410
Aggiornamento : 15:59

Il richiamo di Moderna piega anche le varianti

I primi test mostrano l'efficacia del siero nell'indurre una risposta contro i ceppi sudafricano e brasiliano

La biofarmaceutica sta testando tre possibili strategie di richiamo: con il vaccino classico, con la versione sviluppata ad hoc per la variante sudafricana o con un siero multivalente che combina gli altri due.

CAMBRIDGE - Una dose di richiamo del vaccino anti-Covid sviluppato da Moderna genera una risposta immunitaria più efficace anche nei confronti delle varianti "brasiliana" e "sudafricana" del coronavirus. Lo dimostrano i risultati preliminari di uno studio attualmente in corso, in cui la biofarmaceutica americana sta testando una dose di 50 microgrammi del siero somministrata a pazienti già vaccinati.

Moderna sta valutando tre diversi approcci di richiamo nella propria strategia. E i risultati presentati oggi si riferiscono ai primi due: un richiamo effettuato con una dose del suo vaccino originale o un richiamo effettuato con la versione mRNA-1273.351, sviluppata su misura per contrastare il ceppo di origine sudafricana. E quest'ultimo, ha mostrato maggiore efficacia nei confronti della variante. La terza via prevede invece l'utilizzo di un candidato multivalente - mRNA-1273.211 - che combina in un unico siero i due preparati precedenti. I primi verdetti su quest'ultimo - fa sapere l'azienda - sono attesi prossimamente.

Dai risultati - che saranno sottoposti a revisione paritaria al completamento dei test - è emerso che il richiamo «accresce la risposta anticorpale contro il virus SARS-CoV-2 e due delle sue varianti di interesse, la B.1.351 (sudafricana) e la P.1 (brasiliana)». Dati «incoraggianti» per il Ceo di Moderna, Stéphane Bancel, e che «rinnovano la nostra fiducia sul fatto che la nostra strategia di richiamo sia efficace nel fronteggiare queste nuove varianti».

Inoltre, ha aggiunto, «la forte risposta a livelli superiori rispetto alla vaccinazione primaria dimostra la capacità» del vaccino mRNA-1273 di «indurre una memoria immunitaria».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-21 06:27:41 | 91.208.130.86